Effetti della depressione sul cervello

Effetti della depressione sul cervello
Depressione: Effetti sul cervello

Che cos'è la depressione?

La depressione è un disturbo dell'umore che influisce sul modo in cui pensi, senti e ti comporti e provoca sentimenti di tristezza o disperazione che possono durare ovunque da alcuni giorni a qualche anno.Questo è diverso da essere sconvolto da una piccola battuta d'arresto o delusione nella tua giornata.

Alcune persone possono soffrire di depressione lieve solo una volta nella loro vita, mentre altre hanno episodi gravi durante la loro vita. Questa forma di depressione più grave, di lunga durata e intensa è nota come disturbo depressivo maggiore (MDD) e può anche essere definita depressione clinica o depressione maggiore.

i sintomi della MDD interferiscono in modo significativo con le attività quotidiane, come la scuola, il lavoro e gli eventi sociali, influenzando anche l'umore, il comportamento e varie funzioni fisiche, come il sonno e l'appetito. Per essere diagnosticato con MDD, è necessario visualizzare cinque o più dei seguenti sintomi almeno una volta al giorno nel corso di due settimane:

  • persistenti sentimenti di tristezza e disperazione
  • mancanza di interesse nel fare la maggior parte delle attività, compresi quelli ti piaceva
  • diminuire o aumentare l'appetito accompagnato da estrema perdita di peso o aumento di peso
  • dormire troppo o troppo poco
  • irrequietezze
  • affaticamento
  • sensi di colpa eccessivi o inappropriati o inutilità
  • difficoltà nel prendere decisioni, pensare e concentrare
  • più pensieri di morte o suicidio
  • tentativo di suicidio

Le persone di qualsiasi età possono sviluppare MDD, ma l'età media di esordio è 32. Secondo la Depressione e l'Alleanza di Supporto Bipolare, circa 14 8 milioni di adulti americani, o il 6,7% del La popolazione degli Stati Uniti di età superiore ai 18 anni è affetta da MDD ogni anno. Il disturbo si verifica anche in circa uno su 33 bambini e uno su otto adolescenti. Sia nei bambini che negli adulti, la MDD può essere trattata con consulenza psicologica, farmaci antidepressivi o una combinazione di entrambe le terapie.

I ricercatori non sanno esattamente perché alcune persone sviluppano MDD, ma credono che i seguenti fattori possano avere un ruolo:

  • genetica: sembra che le persone con una storia familiare di MDD siano più probabili sviluppare il disturbo rispetto ad altri.
  • stress: un evento di vita stressante, come il divorzio o la morte di una persona cara, può scatenare un episodio di MDD.
  • reazioni biochimiche: i prodotti chimici nel cervello delle persone con MDD sembrano funzionare diversamente da quelli nel cervello di quelli senza il disturbo.
  • squilibri ormonali: cambiamenti nel bilancio degli ormoni possono innescare MDD in alcune persone, specialmente durante la menopausa o durante e dopo la gravidanza.

In che modo la depressione colpisce il cervello?

Ci sono tre parti del cervello che sembrano avere un ruolo nell'MDD: l'ippocampo, l'amigdala e la corteccia prefrontale.

L'ippocampo si trova vicino al centro del cervello.Memorizza i ricordi e regola la produzione di un ormone chiamato cortisolo. Il corpo rilascia cortisolo durante i periodi di stress fisico e mentale, anche durante i periodi di depressione. Possono verificarsi problemi quando quantità eccessive di cortisolo vengono inviate al cervello a causa di un evento stressante o di uno squilibrio chimico nel corpo. In un cervello sano, le cellule cerebrali (neuroni) sono prodotte nella vita adulta di una persona in una parte dell'ippocampo chiamata giro dentato. Nelle persone con MDD, tuttavia, l'esposizione a lungo termine a livelli aumentati di cortisolo può rallentare la produzione di nuovi neuroni e causare la riduzione dei neuroni nell'ippocampo. Questo può portare a problemi di memoria.

La corteccia prefrontale si trova nella parte anteriore del cervello. È responsabile della regolazione delle emozioni, delle decisioni e della formazione dei ricordi. Quando il corpo produce una quantità eccessiva di cortisolo, anche la corteccia prefrontale sembra ridursi.

L'amigdala è la parte del cervello che facilita le risposte emotive, come il piacere e la paura. Nelle persone con MDD, l'amigdala diventa più grande e più attiva a causa della costante esposizione ad alti livelli di cortisolo. Un'amigdala allargata e iperattiva, insieme ad attività anormale in altre parti del cervello, può provocare disturbi nel sonno e nei modelli di attività. Può anche causare il corpo a rilasciare quantità irregolari di ormoni e altre sostanze chimiche nel corpo, portando a ulteriori complicazioni.

Molti ricercatori ritengono che i livelli elevati di cortisolo svolgano il ruolo più importante nel modificare la struttura fisica e le attività chimiche del cervello, innescando l'insorgenza di MDD. Normalmente, i livelli di cortisolo sono più alti al mattino e diminuiscono di notte. Nelle persone con MDD, tuttavia, i livelli di cortisolo sono sempre elevati, anche di notte.

In che modo il trattamento può cambiare il cervello?

Gli esperti hanno scoperto che bilanciare la quantità di cortisolo e altre sostanze chimiche nel cervello può aiutare a invertire qualsiasi restringimento dell'ippocampo e trattare i problemi di memoria che può causare. Correggere i livelli chimici del corpo può anche aiutare a ridurre i sintomi della MDD.

Esistono diversi farmaci comuni che possono combattere gli effetti negativi della depressione sul cervello aiutando a bilanciare le sostanze chimiche nel cervello. Questi includono:

  • inibitori selettivi dell'assorbimento della serotonina (SSRI): questi farmaci possono aiutare ad alleviare i sintomi della MDD modificando i livelli di una sostanza chimica chiamata serotonina nel cervello. Esempi di SSRI includono fluoxetina (Prozac), paroxetina (Paxil) e citalopram (Celexa).
  • inibitori del reuptake della serotonina-noradrenalina (SNRI) e antidepressivi triciclici: se usati insieme, questi farmaci possono alleviare i sintomi della MDD alterando la quantità di serotonina e noradrenalina nel cervello. Queste sostanze chimiche aiutano a migliorare l'umore e i livelli di energia. Esempi di SNRI includono duloxetina (Cymbalta) e venlafaxina (Effexor XR). Imipramina (Tofranil), nortriptilina (Pamelor) e trimipramina (Surmontil) sono esempi di antidepressivi triciclici.
  • Inibitori del reuptake della norepinefrina-dopamina (NDRI): questi farmaci aiutano le persone affette da MDD aumentando i livelli di noradrenalina e dopamina nel cervello.Bupropion (Wellbutrin) è un tipo di NDRI che può essere utilizzato.
  • inibitori delle monoaminossidasi (IMAO): questi farmaci aiutano ad alleviare i sintomi della MDD aumentando la quantità di noradrenalina, serotonina e dopamina nel cervello. Possono anche migliorare la comunicazione delle cellule cerebrali
  • antidepressivi atipici: questo gruppo di farmaci comprende tranquillanti, stabilizzatori dell'umore e antipsicotici. Questi farmaci possono bloccare la comunicazione delle cellule cerebrali al fine di rilassare il corpo.

Oltre ai farmaci, alcune procedure mediche possono anche influenzare il cervello per facilitare i sintomi della MDD. Questi includono:

  • terapia elettroconvulsiva (ECT), che prevede il passaggio di correnti elettriche attraverso il cervello per aumentare la comunicazione tra le cellule cerebrali
  • stimolazione magnetica transcranica (TMS), che prevede l'invio di impulsi elettrici nelle cellule cerebrali che regolano l'umore > I ricercatori credono anche che la psicoterapia possa alterare la struttura del cervello e contribuire ad alleviare i sintomi della MDD. Nello specifico, la psicoterapia sembra rafforzare la corteccia prefrontale.

Ci sono altri modi per aumentare la salute del cervello e aiutare a recuperare dalla MDD senza intervento medico. Questi includono:

mangiare cibi salutari e rimanere attivi, che stimola le cellule cerebrali e rafforza la comunicazione tra le cellule cerebrali

  • dormendo bene, che aiuta a crescere e riparare le cellule cerebrali
  • evitando alcol e droghe illegali, che possono distruggere le cellule cerebrali
  • Parlate con il vostro medico di quali trattamenti potrebbero essere i migliori per voi.