Cercando di condurre una vita più forte e più sana? Iscriviti alla nostra newsletter Wellness Wire per tutti i tipi di nutrizione, fitness e benessere.

Cercando di condurre una vita più forte e più sana?

Cercando di condurre una vita più forte e più sana?  Iscriviti alla nostra newsletter Wellness Wire  per tutti i tipi di nutrizione, fitness e benessere.
Roadmap to the Cure

Catchy title, ay? Questo è ciò che hanno scelto per doppiare il set di presentazioni all'avanguardia per la ricerca sul diabete alla riunione del DRI (Dc) di New York del mese scorso.

Se ti piace tenere il passo con gli ultimi e più grandi progressi, questo è certamente qualcosa che dovresti sapere. Di particolare interesse:

* Conservazione delle cellule beta - Jay Skyler, presidente dello studio NIH e ex presidente ADA

Ricorda, sono le cosiddette "cellule T regolatorie" che tengono sotto controllo le cellule autoreattive (autoaggressive) in un organismo senza malattia autoimmune. Per quelli di noi le cui cellule T sono impazzite, le strategie di intervento sono mirate a metterle fuori combattimento.

Sono in corso numerosi studi, compresi i tentativi di preservare la funzionalità delle cellule beta con farmaci immunosoppressivi in ​​coloro che sono stati recentemente diagnosticati. I ricercatori hanno anche testato un vaccino ... "Tuttavia, gli studi hanno avuto risultati contrastanti: alcuni pazienti hanno mantenuto la funzione insulinica, mentre altri no."

* Trapianto di cellule isolane - Jonathan Lakey, direttore del Clinical Islet Laboratory di Edmonton, Canada (luogo di nascita del Protocollo di Edmonton)

Negli ultimi cinque anni, oltre 60 istituzioni hanno eseguito più di 850 trapianti in tutto il mondo (!), ma questo include pazienti che hanno ricevuto più infusioni. La procedura è stata eseguita principalmente su quelli con "diabete di tipo 1 fragile", i. e. incapace di controllare i loro livelli di glucosio nonostante la continua gestione, soffrire di "ipoglicemia instabile" e anche già mostrare complicanze.

L'eleggibilità richiede uno screening molto rigoroso: il team di Edmonton ha ricevuto più di 1, 800 richieste di pazienti, ma solo il 6% era idoneo per la partecipazione. Nota che in questo momento sarai squalificato automaticamente se il tuo controllo della glicemia è già adeguato, se hai subito danni ai reni o se il tuo peso corporeo è troppo alto.

Ad ogni modo, dei 59 trapianti condotti in 36 pazienti nello studio di Lakey, il tasso complessivo di indipendenza dall'insulina post-trapianto è stato dell'82%. Sembra un po 'promettente, no?

* Tissue Engineering - Cherie Stabler, studentessa presso la Emory University School of Medicine

Dr. Stabler aiuta a progettare le sostanze biologiche per l'impianto nel corpo - in particolare, le capsule che possono essere utilizzate per trapiantare e trapiantare nuove cellule (come quella riportata in giugno). I ricercatori stanno lavorando su tre modi per farlo:

- Macroincapsulazione, che prende tutte le isole isolate e le combina in un unico dispositivo che viene impiantato per via sottocutanea (sotto la pelle). Non ideale, a quanto pare.

-Microincapsulazione, che si riferisce all'incapsulamento di un'isoletta singola in una capsula di gel che "può parzialmente proteggere le isole dal sistema immunitario dell'ospite e consentire la diffusione di nutrienti poiché la membrana della capsula è porosa o semi-permeabile."Migliore.

- Nanoincapsulazione, per cui un sottile strato di rivestimento viene applicato sulla superficie dell'isolotto, riducendo al minimo gli effetti negativi di una membrana più spessa. Apparentemente funziona bene nel fegato.

Successo nel mondo reale di tutti questa è la TBD, incentrata sui problemi di REJECTION (se il corpo accetterà gli "invasori").

* Ricerca sulle cellule staminali - Juan Dominguez-Bendala, direttore dello sviluppo delle cellule staminali al DRI di Miami < Sembra che i ricercatori stiano tentando di fare di tutto per far sì che le cellule staminali si trasformino in cellule utilizzabili per la produzione di insulina, evitando nel contempo la necessità di farmaci per l'immunosoppressione nei pazienti che alla fine otterranno loro. chiedendo alcune ingegnose procedure di sicurezza:

"Nel processo di ottenimento di isolette, ottieni anche altre cellule ... e se ciò accade, potresti sviluppare tumori chiamati teratomi. Questo può accadere anche se sfugge solo una cella.

"Il team DRI sta combattendo questo potenziale rischio sviluppando" geni suicidi ". Se una cellula si sta sviluppando in una cellula beta, il gene suicida viene rimosso specificamente e la cellula può svilupparsi e maturare. una cellula sta andando per il verso sbagliato, o se continua a proliferare, questi geni si attivano e si estinguono. "

Ooh, troppe informazioni? ? Ti ho detto più di quello che volevi sapere? Scusa, non posso aiutarmi. Sono affascinato dalla ricerca. Forza, scienziati! Stiamo esultando perché tu possa vivere fino a quei titoli di presentazione come "Roadmap to the Cure".

Disclaimer

: Contenuto creato dal team Diabetes Mine. Per maggiori dettagli clicca qui. responsabilità

Questo contenuto è stato creato per Diabetes Mine, un blog sulla salute dei consumatori incentrato sulla comunità del diabete. Il contenuto non è revisionato da un medico e non aderisce alle linee guida editoriali di Healthline. Per ulteriori informazioni sulla partnership di Healthline con Diabetes Mine, fare clic qui.