Cercando di condurre una vita più forte e più sana? Iscriviti alla nostra newsletter Wellness Wire per tutti i tipi di nutrizione, fitness e benessere.

Cercando di condurre una vita più forte e più sana?

Cercando di condurre una vita più forte e più sana?  Iscriviti alla nostra newsletter  Wellness Wire  per tutti i tipi di nutrizione, fitness e benessere.
CEO ad interim della American Diabetes Association vive con T1D

Nel caso lo avessi perso, l'American Diabetes Association sta attraversando una transizione di leadership. La grande organizzazione per il diabete ha portato all'inizio un nuovo capo ufficiale scientifico e di missione e solo il mese scorso, Kevin Hagan si è dimesso da amministratore delegato dopo poco più di due anni. Al suo posto è un ufficiale ad interim, che ora ricopre quel ruolo fino a quando l'ADA non completa la sua ricerca nazionale e nomina un nuovo leader permanente entro la fine dell'anno.

Saluta Martha Clark, a cui è stato diagnosticato il diabete di tipo 1 subito dopo la scuola quattro decenni fa e ha più membri della famiglia con diabete. In particolare, lei potrebbe essere la prima o l'unica delle T-D-Peep a tenere il primo posto nella storia di 77 anni dell'ADA.

Oggi siamo felici di condividere una recente intervista telefonica con Clark, un business leader californiano che, oltre all'esperienza dirigenziale senior e volontaria non profit, ha ricoperto diversi ruoli dirigenziali in ADA negli ultimi anni prima di assumere il ruolo di CEO ad interim in aprile.

Intervista con l'amministratore delegato ad interim ADA Martha Clark

DM) Grazie per aver dedicato del tempo, Martha! Possiamo iniziare parlando della tua storia personale sul diabete?

Ho avuto tipo 1 per 42 anni. All'epoca mi fu diagnosticata un'età insolita: 21. Mi ero appena laureato all'università tre mesi prima, e vivevo e lavoravo da solo a Cambridge, MA.

Come molti negli anni '70, sono stato diagnosticato erroneamente. Ci sono voluti diversi anni per ottenere un regime di insulina che funzionasse, quindi quei primi anni non erano felici. Ma nel corso degli anni, sono stato in grado di adottare molte delle nuove tecnologie, come migliori insuline e strumenti di dati, e sono molto sano. Come molti tipi 1, riesco a superare i giorni difficili. Sono molto grato che organizzazioni come ADA abbiano contribuito a sostenere e guidare le scoperte che hanno portato a questi progressi, rendendomi molto più sano di quanto mi aspettassi quando mi è stato diagnosticato.

È stato difficile essere diagnosticato appena uscito dal college e iniziare da solo?

Sai, sono benedetto da un temperamento abbastanza accettante, quindi prendo le cose come vengono. Sono un tipo di persona che "valuta dove sei e vai avanti", quindi ho imparato come gestirlo. Penso che (vivere con questa condizione) rafforzi davvero il carattere.

Non è sorprendente pensare a quanto è cambiato dai giorni della diagnosi?

Sì, lo è. Ho sentito (il nuovo Chief Scientific Officer di ADA) il Dr. William Cefalu parlare di recente di come andavano le cose per le persone diagnosticate negli anni '70 e all'inizio degli anni '80, e le prospettive per la loro vita in quel momento.La durata della vita era molto più breve e una percentuale abbastanza ampia di persone stava vivendo le peggiori complicazioni del diabete. E ora, è davvero sorprendente quanto siano migliori le prospettive delle persone. Per me, non era chiaro se potessi avere un figlio sano. Ma ora ho un meraviglioso, bellissimo trentenne e facevo parte di uno studio di ricerca presso l'UCSF che mi ha aiutato a superare quell'esperienza di gravidanza. Quindi sono grato alla scienza!

Hai altri familiari con diabete di tipo 1?

Sì, ho un'intera famiglia piena di persone che hanno il diabete. La nostra famiglia è l'autrice di quanto sia incredibilmente complessa questa malattia e non possa essere semplificata. Nei due rami della mia famiglia - uno ha sempre avuto problemi di peso ma non ha alcuna traccia di diabete da quella parte, e l'altro è piuttosto magro e atletico, e abbiamo una qualche forma di diabete ovunque dalla nostra parte della famiglia albero. Abbiamo cinque o sei PWD (persone con diabete) in due generazioni: mio nonno, mia zia, mio ​​cugino, mio ​​fratello, mia sorella e io tutti abbiamo il diabete di tipo 1 e di tipo 2. Noi due che abbiamo il tipo 1 sono stati entrambi diagnosticati come adulti. Questo sorprende le persone, rompendo tutti gli stereotipi sul diabete.

Quando è stato coinvolto per la prima volta nella leadership di ADA?

È stato un po 'più tardi dopo la diagnosi. Sono stato coinvolto come consumatore di informazioni ADA - come Diabetes Forecast e varie altre pubblicazioni - tutti insieme. Le persone con diabete sono sempre alla ricerca di nuove informazioni e suggerimenti per una migliore gestione durante il giorno, quindi è stata una parte della mia vita nel corso degli anni.

Poi, quando sono andato in pensione da 35 anni come dirigente circa sei anni fa, ho quasi immediatamente contattato l'ADA per vedere cosa potevo fare come volontario.

Ho lavorato per un po 'nel Community Leadership Board nella San Francisco Bay Area e presieduto quel consiglio, e poi ho guidato un'iniziativa per coinvolgere la comunità tecnologica in un diverso tipo di partnership rispetto a quello che avevamo avuto in passato.

Puoi approfondire l'attenzione su tecnologia e innovazione?

Stavamo facendo un'analisi di quali iniziative potremmo fare come leader volontari locali per far avanzare. Quando sei nella Bay Area, è difficile ignorare il fatto che sei nel bel mezzo del mondo della tecnologia nella Silicon Valley. Così abbiamo deciso di pensare a come scoprire cosa pensano le aziende tecnologiche, quando guardano alla salute, ai sensori, agli orologi e ai dispositivi indossabili, ecc. Quali sono i modi perturbatori che stanno sviluppando per distribuire cibo sano, per esempio, e quali sono le aziende di dispositivi che esplorano?

Inoltre, quali sono alcune delle nuove forme di tecnologia che non sono ancora state applicate, ma che hanno il potenziale per aiutare con il lato comportamentale della gestione della vita con il diabete - che sia indossabile, o le informazioni che alimentano, o Artificiale Intelligenza come IBM Watson con cui ora collaboriamo. O anche realtà virtuale o aumentata, altre tecnologie che potrebbero aiutare le persone a fare scelte alimentari migliori.

Poiché eravamo nella Bay Area, pensavamo di poter sfruttare il vantaggio dell'IT per conto dell'ADA. Ciò ha portato al nostro primo Summit della Silicon Valley nel 2016 a novembre, e ciò ha portato al recente Summit sull'Innovazione proprio a Chicago e più tardi quest'anno a Boston.

Penso che ci sia un enorme potenziale per dispositivi e supporto personalizzati, e speriamo davvero che l'IA possa aiutare a raggiungere una maggiore precisione nei dispositivi medici e raccomandazioni specifiche per le persone con diabete.

Un interessante seguito ai Summit sull'innovazione di DiabetesMine che ospitiamo dal 2011. Che cosa ti è successo dopo con ADA?

Sono entrato a far parte del consiglio di amministrazione nazionale all'inizio del 2016, ho presieduto il comitato finanziario e sono stato membro del consiglio di amministrazione fino a metà marzo, prima di assumere la posizione di CEO ad interim.

Hai anche esperienze di volontariato nel mondo non profit globale ...?

Sì, ho lavorato come membro del consiglio di volontariato di Project Redwood, una borsa di studio per la non profit focalizzata su soluzioni di povertà globale, e sono anche nel comitato di leadership per l'iniziativa Women on Boards di Stanford.

Quale pensi che il tuo background professionale porti a questo ruolo di CEO ad interim?

Da oltre 35 anni, la mia carriera ha abbracciato la strategia di consulenza, gestione patrimoniale e settore bancario.

La mia esperienza aziendale in qualche modo mi ha preparato per l'ADA, perché sono sempre stato coinvolto in settori che stavano subendo rapidi cambiamenti, in genere da forze esterne che richiedevano molta agilità dal organizzazione. Lavoravo sempre alla pianificazione o ruoli come risorse umane, funzioni finanziarie, qualcosa che riguardava l'infrastruttura per essere in grado di trasformarsi rapidamente in quelle situazioni esterne.

Questo è il mondo in cui l'ADA è in questo momento. Abbiamo un numero esplosivo di persone a cui viene diagnosticato il diabete. Abbiamo un ecosistema di nuovi prodotti e servizi per supportare quel numero crescente. Abbiamo giocatori che escono dalla falegnameria, da aziende non sanitarie che non avreste mai pensato potessero essere coinvolti nel diabete - come Googles, Apple e IBM del mondo - che stanno improvvisamente portando le loro conoscenze e risorse a questo problema . Le cose stanno cambiando così rapidamente e la mia speranza è che la mia precedente esperienza commerciale possa aiutare ADA a trovare la sua strada attraverso la trasformazione che stiamo subendo.

Cosa deve fare l'ADA per adattarsi a questo panorama del diabete che cambia?

È iniziato davvero l'anno scorso quando abbiamo iniziato a pensare profondamente al futuro e abbiamo messo insieme un nuovo piano strategico. Il mio incarico durante questo ruolo ad interim è di continuare quel viaggio, che sono molto impegnato ad andare avanti.

L'adattamento a questa situazione sempre più globale e in continua evoluzione del diabete ci impone di cambiare ... E dobbiamo farlo con un senso di urgenza. Martha Clark, CEO ad interim dell'American Diabetes Association

Adattarsi a questa situazione sempre più globale e in continuo cambiamento con il diabete ci impone di cambiare perché siamo una delle voci autorevoli nel diabete.E dobbiamo farlo con un senso di urgenza. Ci impone di cambiare il modo in cui pensiamo al nostro ruolo in questo ambiente in rapida evoluzione; il nostro rapporto con ciascuno dei giocatori dell'ecosistema e il modo in cui collaboriamo con i giocatori tradizionali e non tradizionali; e come lavoriamo al meglio insieme. Tutte queste cose si stanno trasformando. È una sfida molto eccitante, ma grande!

Non è una delle maggiori sfide in una grande organizzazione come ADA, che in genere non è facile cambiare o passare a questioni importanti?

Essere grandi ha i suoi benefici. Ci dà credibilità, in quanto abbiamo oltre 75 anni di conoscenza e comprensione accumulati di questa malattia. Ma sì, hai ragione, a volte è più difficile girare la nave. Ora, però, non abbiamo scelta. La realtà è che per compiere la nostra missione, dobbiamo farlo. Quindi questo è quello che stiamo facendo.

Puoi affrontare l'approccio di ADA ai problemi dei pulsanti di scelta rapida come l'accessibilità al diabete e l'accesso al diabete?

Sono incredibilmente importanti. La questione della convenienza è più grande di quella dell'insulina, ovviamente. Ma abbiamo deciso di affrontarlo direttamente l'anno scorso (con l'iniziativa Make Insulin Affordable e call to action). Questo problema di accessibilità si estende alla riforma sanitaria e alla Affordable Care Act, che abbiamo combattuto per anni per proteggere e far progredire quelle protezioni. Si estende al costo non solo dell'insulina, ma a come questa sia una malattia molto costosa da avere da un punto di vista personale. Quindi si tratta di co-paga aumentando la copertura assicurativa privata e molto altro ancora. Ci sono molte domande su accessibilità e accessibilità, ed è un focus personale per ADA perché per noi, i farmaci e i dispositivi che sono prescritti - se insulina, pillole o CGM - sono bisogni essenziali. Questi non sono opzionali.

Sappiamo che questa malattia colpisce in modo sproporzionato le comunità svantaggiate che non possono permettersi di prendersi cura di se stesse, e quindi è la convenienza economica della malattia che è il vero obiettivo per noi di ADA.

In base a questa nota, ritieni che la tua connessione personale a T1D aggiunga credibilità all'Associazione?

Penso che dovrai dirmelo tutti. Non è per me da dire. Sono sicuro che ci sono cose che capisco perché ho il diabete, che potrebbe non essere facile da comprendere per gli altri. Ma quando si tratta di andare avanti nella scienza, devo dire che non c'è più un gruppo di persone impegnato rispetto allo staff che ho incontrato qui. Indipendentemente dal fatto che abbiano o meno il diabete, le persone dell'ADA comprendono e sono veramente impegnate ad affrontare i problemi ad esse associati. Quindi, penso che sia per te e il mondo esterno dire se questo dia all'ADA maggiore credibilità "personale". Se lo fa, spero di trovare un modo per usarlo a nome delle persone con diabete. Perché è davvero tutto ciò che conta.

Cosa vorresti dire sull'evoluzione di ADA come hai visto?

Una cosa che vorrei che la community sapesse è che è un momento incredibilmente emozionante nella scienza.Questo è al centro di tutto ciò che facciamo. Siamo sempre alla ricerca di ciò che la scienza basata sull'evidenza ci sta dicendo su come possiamo lavorare sulla malattia e avvicinarci a una cura ... è solo molto eccitante.

Le sessioni scientifiche annuali di ADA sono alle porte ai primi di giugno ... Come ci si prepara per questo?

È una delle nostre settimane di firma dell'anno, quindi non vedo l'ora. Questa sarà la mia quarta sessione scientifica consecutiva, quindi sto iniziando a capire come si evolvono e il valore che forniscono.

Se vai alle Sessioni Scientifiche ora, a differenza di 30 anni fa (quando né io né voi eravamo lì), suppongo che stareste guardando alla ricerca e alla scienza da una moltitudine di campi - immunologia, genetica e solo un intero insieme di campi che erano minuscoli o inesistenti decenni fa. O nel mio caso 42, all'età in cui mi è stato detto che una cura era dietro l'angolo e sapevo che non era così vicino.

Oggi, sembra proprio che una cura sia dietro l'angolo e la trovo incredibilmente eccitante. Ora lascio le Sessioni Scientifiche con un tale sentimento di speranza, che certamente ho perso lì per un certo numero di anni. Per me, questo è il messaggio importante su dove siamo oggi. Siamo davvero nel bel mezzo di un'intensa scoperta intorno a questa malattia e l'ADA si è impegnata a portare ogni risorsa da sopportare. Queste sessioni scientifiche sono davvero un forum importante per la condivisione di tali informazioni.

Quindi con la ricerca di un nuovo CEO permanente in corso, sei interessato a mettere il tuo nome nel cappello?

Sono molto concentrato sul ruolo intermedio, quindi non è mia intenzione adesso applicarlo. Ma mi sono esercitato per tutta la vita a non dire mai "Mai" - e il diabete mi ha insegnato anche a non dire "presto" ( ride ). Devo dire che mi sto divertendo molto ad avere a che fare con il coraggio dei bisogni qui in ADA, e questo è ciò che è importante adesso.

In qualità di leader ad interim, guido il piano strategico e voglio davvero preparare le basi per chiunque possa essere il prossimo CEO ad avere successo e saltare rapidamente nel ruolo, perché non c'è tempo da perdere.

Grazie per aver trovato il tempo di parlare, Martha! Apprezziamo la prospettiva che porti ad ADA e siamo impazienti di vedere come aiuterai a guidare il gruppo.

Disclaimer : Contenuto creato dal team Diabetes Mine. Per maggiori dettagli clicca qui.

Disclaimer

Questo contenuto è stato creato per Diabetes Mine, un blog sulla salute dei consumatori incentrato sulla comunità dei diabetici. Il contenuto non è revisionato da un medico e non aderisce alle linee guida editoriali di Healthline. Per ulteriori informazioni sulla partnership di Healthline con Diabetes Mine, fare clic qui.