Cercando di condurre una vita più forte e più sana? Iscriviti alla nostra newsletter Wellness Wire per tutti i tipi di nutrizione, fitness e benessere.

Cercando di condurre una vita più forte e più sana?

Cercando di condurre una vita più forte e più sana?  Iscriviti alla nostra newsletter  Wellness Wire  per tutti i tipi di nutrizione, fitness e benessere.
Happy St. Paddy's Day, diretto da un PWD in Irlanda!

Happy St. Paddy's Day, Diabetes Community!

Anche se ho solo un pezzettino di patrimonio irlandese che scorre attraverso il mio sangue saturo di glucosio, ogni anno partecipa alle feste del giorno di San Patrizio - godendo della birra irlandese, banchettando con carne in scatola e cavoli, e questo anno in sintonia con il "St. Petty's Day" della nostra stazione rock locale locale

blocco di tutti i giorni di brani di Tom Petty. Sì, ho il mio divertimento americanizzato in questo particolare giorno (pur tenendo conto di questioni importanti come la consapevolezza dell'alcol e il bere con il diabete)!

Ma su una nota più seria, volevamo offrirvi uno sguardo nel mondo reale del diabete in Irlanda - con una testimonianza personale di questo posto a cui molti di noi stanno rendendo omaggio in qualche forma oggi. Siamo entusiasti di condividere la storia di un collega di tipo 1 in Irlanda di nome Shane O'Donnell, che sta anche studiando il problema delle disparità di diabete in quel paese e che sostiene l'argomento tramite il programma Young Leaders della International Diabetes Federation. È un perfetto complemento di St. Paddy's Day oltre alla nostra serie Global Diabetes qui al 'Mine.

Quindi, speriamo che vi divertiate un po 'di verde oggi, e prendetevi anche un momento per leggere cosa ha da dire questo intelligente D-peep irlandese:

Un guest post di Shane O'Donnell < Sì, potresti averlo indovinato con il mio nome, ma solo per rassicurarti: vengo da Dublino, in Irlanda.

Oh, e nel caso in cui decidessi su Google: non confondermi con altri che condividono il nome Shane O'Donnell - come l'hurler atletico o colui che lavora nella catena di fornitura di dispositivi medici qui in Irlanda. Posso dirti che l'analisi è pesante sulla quantità di volte in cui viene cercato il nostro nome comune e indovina un po '...? Il mio nome non è mai stato così spesso cercato fino a quando Shane O'Donnell, il lanciatore, si è intromesso nella scena dell'atletica qui l'anno scorso!

No, sono lo Shane O'Donnell che è un dottorando presso l'University College di Dublino e che vive anche con il diabete di tipo 1.

Ho scoperto che avevo il diabete quando avevo 16 anni. Dato che non esisteva una precedente storia familiare, fino a quel momento ero stato piuttosto ignaro della condizione, quindi l'evento è stato naturalmente un grande shock per il sistema. Essendo tecnicamente un giovane adulto al momento della diagnosi, sono stato inviato direttamente all'ospedale generale dal mio medico di base, dove ho trascorso un totale di due settimane di recupero. Non ricordo molto dell'evento, visto che ero in una fase abbastanza avanzata di DKA.

Non che questo mi abbia infastidito in quel momento. In realtà ero segretamente felice, non solo per l'attenzione di tutte le infermiere, ma anche perché stavo attraversando una fase di ribellione adolescenziale e pigro e pensavo di avere una malattia cronica era solo il mio biglietto per uscire da qualsiasi sport agonistico a scuola.

Il primo giorno che sono tornato in classe dopo la mia diagnosi, ho raggiunto il mio insegnante di educazione fisica e ho detto: "Scusa, signor Brennan, ho il diabete quindi ora non posso più fare ginnastica", aggiungendo che potrebbe "rendere i miei zuccheri alti o bassi ... o qualcosa del genere". Sfortunatamente per me, si è scoperto che Mr. Brennan è stato in grado di elencare una vasta gamma di atleti / sostenitori professionisti che hanno avuto il diabete proprio lì e poi sul posto! Anche se il mio piano non ha funzionato come speravo, ciò nonostante ha contribuito a cristallizzare il mio atteggiamento verso la condizione da quel giorno in avanti, nel senso che ho sempre cercato di vedere il lato positivo e non lasciare mai che mi fermasse a fare le cose che voglio fare.

Questo non vuol dire che non ci siano state sfide. Ho scoperto che il mantenimento di una vita universitaria impegnata mentre si cerca di gestire con successo il diabete un difficile equilibrio. La mia grande passione per la vita è la musica e fino a tempi relativamente recenti, ho passato molto del mio tempo a suonare a Dublino, che di solito comportava tarda notte e occasionali bevande alcoliche.

Quattro anni fa, dopo una serie di HbA1C non così buoni, il mio medico e io decidemmo che avrei potuto beneficiare di un passaggio alla terapia con pompa. Il processo per ottenere una pompa in Irlanda può essere un'esperienza frustrante. La copertura è particolarmente bassa rispetto a quella degli Stati Uniti e la probabilità di ottenere finanziamenti è interamente a discrezione delle autorità sanitarie locali. Quindi l'accesso è determinato dalla posizione geografica, piuttosto che dai bisogni del paziente. Fortunatamente, avevo un consulente piuttosto di supporto che si era difeso a mio nome ed è stato in grado di ottenere una pompa per me in pochi mesi. Andare alla pompa è stata una delle cose migliori che abbia mai fatto. Da quando ho iniziato quattro anni fa, il mio HbA1C non è salito sopra i 6. 7 e ho una qualità di vita infinitamente migliore. Una delle cose che spero di fare in futuro è coinvolgere maggiormente la mia federazione locale per il diabete nella campagna per un migliore accesso alla terapia della pompa per coloro che la desiderano.

In Irlanda, ci troviamo in una grave recessione economica e, di conseguenza, stiamo assistendo a un ritorno a livelli elevati di disoccupazione e emigrazione di massa, che il nostro paese non ha visto dal 1980. Diversi bilanci successivi di austerità con tagli severi nel corso degli ultimi anni hanno esercitato un'enorme pressione sui nostri servizi sanitari. Come gli Stati Uniti, disponiamo di un servizio sanitario multilivello basato su una combinazione di disposizioni pubbliche e private. Mentre tutti hanno il diritto di prendersi cura del sistema pubblico, il suo finanziamento è stato significativamente ridotto. Quindi, mentre abbiamo alcuni degli specialisti e infermieri diabetologi meglio addestrati al mondo, le cliniche sono spesso a corto di personale e sovraccariche ei pazienti non hanno accesso al trattamento di cui hanno bisogno.

Lo standard di cura è molto migliore per coloro che possono permettersi un'assicurazione sanitaria privata o consultare il proprio medico in privato, ma questa opzione sta diventando sempre meno finanziariamente praticabile per la maggior parte delle famiglie irlandesi.Tutto ciò può rendere estremamente difficile per le persone con diabete gestire con successo la loro malattia su base giornaliera. Detto questo, l'accesso e i diritti alle medicine di base e alle apparecchiature di monitoraggio sono buoni in Irlanda, e questo è qualcosa che spero sarà salvaguardato.

Nel complesso, mentre credo che il diabete possa far emergere sia il meglio che il peggio di una persona, sento che mi ha dato una prospettiva completamente diversa che non avrei potuto ottenere se il mio pancreas non avesse deciso di dare il calcio a tutti anni fa. Per esempio, mi sono sempre sentito particolarmente turbato dai molti miti che circondano il diabete (entrambi i tipi 1 e 2), e questo dubbio ha dato forma alla mia carriera di ricercatore in sociologia medica.

Tre anni fa, sono stato anche abbastanza fortunato da ottenere una borsa di dottorato (sponsorizzata dalla società farmaceutica Merck Sharp and Dohme) per studiare le disparità di salute nel contesto del diabete di tipo 2. Questo dottorato mi ha dato l'opportunità di viaggiare e partecipare a conferenze negli Stati Uniti, in Canada, negli Emirati Arabi Uniti, in Belgio e in Germania. A dicembre, ho anche avuto il grande privilegio di partecipare al programma Giovani Leader nel diabete dell'IDF, che ha riunito giovani sostenitori del diabete provenienti da tutto il mondo. Avendo mai frequentato il campo prima e non conoscendo nessun altro con diabete di tipo 1, è stata un'esperienza davvero fantastica, e il gruppo che si è riunito ha superato le barriere linguistiche e culturali. Sono rimasto stupito e ispirato dal calore, dall'energia e dall'entusiasmo di tutti i partecipanti e gli organizzatori, ed è servito a ricordarmi che vivere con una malattia cronica può spesso essere il catalizzatore per spingere le persone a fare veramente grandi cose.

Come parte del mio progetto Young Leaders, spero di sfidare lo ione presunto

che il diabete tipo 2 sia una malattia autoinflitta che deriva esclusivamente dalle scarse scelte fatte dagli individui. Sto studiando come il ruolo che le condizioni sociali e di vita negative, così come la mancanza di accesso a una buona assistenza sanitaria, spesso gioca all'inizio e nella successiva gestione del diabete. Mi piacerebbe incoraggiare chi ha il diabete di tipo 2, molti dei quali sono stanchi degli stereotipi che circondano la loro condizione, per raccontare la propria storia.

Credo che anche quelli con diabete di tipo 1 possano avere un ruolo in questo. Mentre molti di noi si risentono in modo legittimo dell'associazione di eccessiva indulgenza e pigrizia con il nostro diabete di tipo 1, troppo spesso cerchiamo di dissociarci in modi che finiscono per promuovere ulteriormente quegli stereotipi. In tal modo, stiamo tentando di dissipare un mito a spese di perpetuarne un altro. Invece, dovremmo sfidare lo stigma attorno al tipo 1 e al tipo 2. Dopotutto, abbiamo un insieme comune di bisogni quando si tratta di un accesso equo ed efficiente alle cure mediche e alle attrezzature, posti sicuri per l'esercizio fisico e accesso a prezzi accessibili e cibi salutari.

Conclusione: i nostri interessi sono meglio serviti se lavoriamo insieme a questo.

Questa è la mia storia e su cosa sto lavorando qui in Irlanda.E questo mi fa venire in mente il fatto stereotipato che oggi è il giorno di San Paddy, e naturalmente il ragazzo irlandese è stato invitato a scrivere questo. :)

Quindi sì, devo menzionare: l'intero argomento del bere con il diabete può essere una sfida per le persone con diabete in Irlanda (e altrove). Ho imparato molto tempo fa con il diabete che se vuoi bere birra, devi rispettare le regole. Quindi assicurati di sapere in che modo l'alcol influisce sulla gestione del diabete e, se hai intenzione di goderti i festeggiamenti, ricorda di testare frequentemente!

Lá Fhà © ile Pádraig Shona Duit (Felice giorno di San Patrizio, a te!)

Grazie per aver condiviso la tua storia, Shane! Possa la strada sollevarsi per incontrarti, mentre continui la ricerca sul diabete e sostieni di aiutare a dissipare i molti miti che esistono in tutto il mondo.

Disclaimer

: Contenuto creato dal team Diabetes Mine. Per maggiori dettagli clicca qui.

Disclaimer Questo contenuto è stato creato per Diabetes Mine, un blog sulla salute dei consumatori incentrato sulla comunità dei diabetici. Il contenuto non è revisionato da un medico e non aderisce alle linee guida editoriali di Healthline. Per ulteriori informazioni sulla partnership di Healthline con Diabetes Mine, fare clic qui.