Cercando di condurre una vita più forte e più sana? Iscriviti alla nostra newsletter Wellness Wire per tutti i tipi di nutrizione, fitness e benessere.

Cercando di condurre una vita più forte e più sana?

Cercando di condurre una vita più forte e più sana?  Iscriviti alla nostra newsletter Wellness Wire  per tutti i tipi di nutrizione, fitness e benessere.
Le lezioni reali da ACCORD

Rich ha un nuovo titolo molto impressionante al Joslin Diabetes Center di Boston; è direttore degli affari medici, dei servizi sanitari e delle iniziative strategiche, il che sarebbe totalmente intimidatorio se non fosse una persona così accomodante e disponibile. Siamo diventati amici a scrivere un libro insieme l'anno scorso e sono lieto di poter sfruttare la sua profonda conoscenza delle droghe e dei trattamenti per il diabete.

Un guest post di Richard Jackson, MD

Continuiamo a conoscere lo studio ACCORD pubblicato di recente e il controllo stretto della glicemia potrebbe non essere così importante - o addirittura rischioso. Quale dovrebbe essere il tipico paziente tipo 2 che sta portando via da questi studi?

Sebbene i risultati riportati dallo studio ACCORD possano essere stati inaspettati, i messaggi generali sono abbastanza chiari e sono una buona notizia. Per quelli di voi che hanno urgenti impegni di tempo che desiderano tagliare rapidamente, ci sono due messaggi principali da asporto:

* In primo luogo, l'incidenza delle malattie cardiache nei pazienti con diabete di tipo 2 continua a diminuire.

* In secondo luogo, se sei più vecchio, con una maggiore durata del diabete, con più fattori di rischio per le malattie cardiache e un alto A1C, non dovresti usare più terapie ipoglicemizzanti per ottenere un A1C inferiore a 7. 0 .

Elaborare: Il messaggio principale dimostrato dallo studio ACCORD è che l'incidenza di eventi cardiovascolari nelle persone con diabete di tipo 2 è in costante diminuzione e diminuisce più rapidamente di quanto si aspettassero gli esperti. Questo non è il messaggio che è apparso sui media, né è stato al centro delle discussioni degli esperti all'American Diabetes Association meeting di giugno. Tuttavia, questo messaggio ha il maggior impatto per le persone con diabete di tipo 2.

Lo studio ACCORD ha affrontato la questione se la spinta aggressiva per un target A1C inferiore a 6 anni ridurrebbe gravi cardiopatie e decessi per malattie cardiache, se confrontato con un gruppo di controllo trattato per il momento accettato Target A1C di 7. 0 o meno. Il risultato principale è stato inaspettato; lo studio è stato interrotto precocemente perché le persone nel gruppo trattato in modo più intensivo hanno avuto un numero significativamente maggiore di decessi, inclusi i decessi per malattie cardiache. Questo risultato ha ricevuto la maggior parte della stampa, ma trovo che sia il secondo messaggio più importante, ed ecco perché: Le differenze nelle morti erano relativamente piccole, 14 morti / 1, 000 anni paziente nel gruppo intensivo contro 11 decessi / 1 000 in il gruppo di trattamento standard. Questa differenza era statisticamente significativa, tuttavia, quindi lo studio è stato interrotto dal gruppo di monitoraggio della sicurezza che supervisiona ogni grande studio clinico.

Tuttavia, il numero più impressionante di tutti non è stato direttamente citato nel documento. Quando si pianifica uno studio come questo, il calcolo del "tasso di eventi attesi" è uno dei passaggi più importanti.Nello studio ACCORD, questo passo ha comportato la stima, nel modo più accurato possibile, utilizzando i migliori dati disponibili al momento, l'incidenza prevista di attacchi cardiaci e decessi per attacchi cardiaci in questa particolare popolazione di pazienti ad alto rischio. Ciò era necessario affinché i ricercatori potessero pianificare quante persone con diabete avrebbero bisogno di seguire, e per quanto tempo, per determinare se ci fosse un vantaggio a un controllo più stretto. I biostimolanti esperti, utilizzando i migliori dati disponibili, hanno calcolato che il tasso di eventi attesi era di 55 decessi / 1 000 anni paziente. STUPEFACENTE! Sia il trattamento intensivo (14/1, 000 anni paziente) che il gruppo di trattamento standard (11/1, 000 anni paziente) hanno avuto un'incidenza molto inferiore di eventi cardiaci gravi di quanto previsto.

Un altro studio pubblicato di recente che esamina i benefici della bassa pressione sanguigna e degli obiettivi di colesterolo LDL nelle persone con diabete di tipo 2, ha usato questo linguaggio nel loro riassunto (scusa il loro stile ueber accademico):

"Come l'efficacia della terapia migliora e nuove strategie di trattamento sono ampiamente applicate, diventa sempre più difficile condurre una sperimentazione in cui un numero adeguato di endpoint clinici è ottenibile in un lasso di tempo ragionevole per le persone senza malattia cardiovascolare (patologia cardiovascolare) al basale. "

traduzione: "I pazienti fastidiosi con il diabete vivono troppo a lungo e nessuno si ammala di malattie cardiache! Come possiamo fare la nostra ricerca ?!" Questi studi servono anche come promemoria per i diabetici di tipo 2 che il controllo del glucosio non è il singolo fattore più importante nell'evitare le complicanze cardiovascolari. Il controllo della pressione arteriosa è probabilmente il più importante, seguito dal mantenimento del colesterolo LDL sul target e quindi dal controllo glicemico.

btw, anche se non sono stati inclusi in questo studio, è certamente ragionevole portare questi stessi messaggi dallo studio ACCORD a persone con diabete di tipo 1.

Quindi pianifica attentamente il tuo futuro, perché probabilmente vivrai a lungo!

Disclaimer : Contenuto creato dal team Diabetes Mine. Per maggiori dettagli clicca qui.

Disclaimer

Questo contenuto è stato creato per Diabetes Mine, un blog sulla salute dei consumatori incentrato sulla comunità dei diabetici. Il contenuto non è revisionato da un medico e non aderisce alle linee guida editoriali di Healthline. Per ulteriori informazioni sulla partnership di Healthline con Diabetes Mine, fare clic qui.