Cercando di condurre una vita più forte e più sana? Iscriviti alla nostra newsletter Wellness Wire per tutti i tipi di nutrizione, fitness e benessere.

Cercando di condurre una vita più forte e più sana?

Cercando di condurre una vita più forte e più sana?  Iscriviti alla nostra newsletter  Wellness Wire  per tutti i tipi di nutrizione, fitness e benessere.
Smettere di incolpare la malattia mentale per atti di violenza

Come il resto del paese, sono rattristato dalle riprese a Las Vegas. Ci sono molte reazioni valide da avere: preoccupazione per gli altri, sollievo che i tuoi amici siano al sicuro e rabbia per il tiratore. Una cosa che vedo, però, mi riguarda.

Svegliato con il monologo del lunedì sera di Jimmy Kimmel, ho deciso di guardarlo. Ma invece dello sfogo del sostegno alle vittime e della giusta rabbia nei confronti di sistemi che consentono alle pistole di diventare ancora più letali, ciò che ho sentito è stata la discriminazione.

Più in particolare, molta retorica abile.

Sono così stanco. Tutti lodavano il monologo di @ jimmykimmel ieri sera ma era COMPLETO di #ableism. Come tanti, ha immediatamente saltato alla conclusione che lo shooter di Las Vegas doveva essere "pazzo". "È così dannoso, specialmente durante il mese di consapevolezza #depression e #mentalillnessawarenessweek, per perpetuare questi stimmi. Siamo malati di mente? Siamo molto più propensi a essere una vittima di un autore di un crimine violento. Per favore, non cadere nella trappola di altri quasi il 25% di tutti gli adulti americani che vivono con una malattia mentale. #anxiety #ptsd #posttraumaticstressdisorder #mentalhealth #mentalhealthawareness #chroniclife #chronicpain #chronicillness #chronicsex #notstandingstillsdisease #mentallyill #unapologeticallymentallyill

Un post condiviso da Kirsten (@kirbir) il 3 ottobre 2017 alle 8: 51 PDT

L'handicap è una discriminazione contro le persone con disabilità o malattie croniche. Questo può includere una varietà di cose - dall'incapacità di fornire accessibilità, o usare un linguaggio offensivo, a fare supposizioni sulle disabilità.

Nonostante le iniziali supposizioni abili, il tiratore Stephen Paddock non ha riscontrato alcuna malattia mentale. Ciò non ha impedito a persone come Kimmel di insinuare che Paddock deve essere stato malato di mente, perché non è così che agiscono le persone "normali".

Riferendosi a Paddock come "una persona molto malata", dice Kimmel: "Tutte queste famiglie devastate che ora devono vivere con questo dolore per sempre perché una persona con una voce violenta e folle nella sua testa è riuscita accumulare una collezione di fucili ad alta potenza e usarli per sparare alle persone. "

Questa dovrebbe essere la settimana in cui possiamo parlare apertamente degli stimmi che affrontiamo come persone che vivono con malattie mentali. Essere di fronte a una diffusa discriminazione e demonizzazione è terrificante.

"Sai, a febbraio [il presidente Donald Trump] ha anche firmato un disegno di legge che rendeva più facile per le persone con gravi malattie mentali acquistare le armi legalmente", dice, riferendosi in seguito alla legislazione che rende più facile l'accesso alle armi senza controlli di background.

Fa questi commenti durante la settimana di consapevolezza della malattia mentale, una settimana durante la quale quelli di noi che vivono con la malattia mentale cercano di abbattere le barriere, infrangere gli stigmi e incoraggiare la conversazione sulla salute mentale. Invece, stiamo trovando le nostre voci soffocate da persone che non capiscono il danno che stanno facendo.

Come qualcuno malato di mente, sono stanco delle persone che ricorrono all'antica concezione errata secondo cui la malattia mentale è la causa di tutti i mali. Essere malati di mente non significa che io sia una persona pericolosa o che farò del male agli altri.

Le persone con malattie mentali hanno fino a 10 volte più probabilità di essere vittima di un crimine violento rispetto a quello che dobbiamo commettere.

In realtà, le statistiche dipingono un'immagine molto diversa per la nostra comunità. La stragrande maggioranza degli atti violenti - al rialzo del 95 percento - non coinvolgono malattie mentali. In effetti, il Dipartimento della Sanità e dei Servizi Umani degli Stati Uniti stima che le persone con malattie mentali hanno fino a 10 volte più probabilità di essere vittime di un crimine violento rispetto a quello che dobbiamo commettere.

Dobbiamo affrontare le cause delle malattie mentali

Si stima che fino al 20% degli adulti adulti vivano con una malattia mentale. Ma mentre la società vuole costantemente incolpare la salute mentale per le azioni delle singole persone, spesso rifiuta di affrontare molte delle cose che possono contribuire alla comparsa di una malattia mentale, in primo luogo.

Crescere in una casa violenta e colpita dalla povertà ha causato il mio PTSD. Ma molto poco viene mai detto su come le esperienze infantili avverse, lo stato socioeconomico o il vivere con una malattia cronica fisica possono portare a depressione, disturbo da stress post-traumatico (PTSD) e altre condizioni. Oppure su come le persone all'interno della comunità LGBT + hanno più del doppio delle probabilità di avere una condizione di salute mentale, tentare il suicidio e affrontare discriminazioni mentre cercano assistenza sanitaria mentale. Anche la razza può avere un ruolo.

Le nostre identità - o meglio come vengono trattate dalla società - possono anche contribuire. Discriminazione, accesso, assicurazione, povertà, trasporto, stigma e barriere linguistiche possono tutti contribuire a una mancanza di trattamento o persino a una diagnosi.

Sono fatti come questi che Kimmel e altri che accusano la malattia mentale per atti violenti non riescono a capire. Invece, continuano a perpetuare stigmi che impediscono alle persone di farsi curare.

Il danneggiamento di un'altra persona non è un sintomo di malattia mentale. Esistono esseri umani orribili, indipendentemente dal loro stato mentale o fisico.

Questo non è niente di nuovo. L'incapacità continua a pervadere la nostra società, dal limitare i diritti dei malati di mente e raccontare "barzellette" sulle disabilità, alla scarsa rappresentazione nei media. Speravo che le recenti azioni dei manifestanti disabili che combattevano il disegno di legge Graham-Cassidy avrebbero suscitato consapevolezza. Sfortunatamente no.

Ci sono persone che commettono atti orribili senza che la malattia mentale entri in gioco. A volte ciò è dovuto alla mancanza di empatia e compassione per gli altri. Altre volte, è arbitrario.Danneggiare un'altra persona non è un sintomo di malattia mentale. Esistono esseri umani orribili, indipendentemente dal loro stato mentale o fisico.

Sii nostri alleati

Questa dovrebbe essere la settimana in cui possiamo parlare apertamente degli stimmi che affrontiamo come persone che vivono con malattie mentali. Essere di fronte a una diffusa discriminazione e demonizzazione è terrificante. Le parole contano, e questo tipo di parole può contribuire al dolore emotivo ma anche agli attacchi fisici su di noi.

Ciò di cui la nostra comunità ha bisogno sono alleati, non più danni. Se sei una persona che non ha pensato alle parole che usi in questi tipi di eventi fin troppo familiari, è tempo di iniziare a prestare attenzione alla tua lingua. Stai incolpando le persone malate di mente per atti che non sono nostri? Ci stai "stendendo" usando frasi che mettono a disagio i tuoi amici con malattie mentali? Stai combattendo attivamente questi stigmi per contribuire a cancellare i pregiudizi sulla malattia mentale?

Per lo meno, per favore smetti di pensare che la malattia mentale sia sempre legata al terrore. Smetti di danneggiare le nostre comunità perché sei impaziente di imparare cosa spinge qualcuno a commettere atti orribili. Tutto quello che fai quando fai commenti come Kimmel, è rendere più difficile per noi vivere una vita piena. Stai perpetuando la violenza contro di noi mentre promuovi idee abili.

Per favore, fermati.


Kirsten Schultz è uno scrittore del Wisconsin che sfida le norme sessuali e di genere. Grazie al suo lavoro come attivista per malattie croniche e disabilità, ha la reputazione di abbattere le barriere mentre crea problemi mentali. Di recente ha fondato Chronic Sex, che parla apertamente di come la malattia e la disabilità influenzino le nostre relazioni con noi stessi e gli altri, incluso - avete indovinato - il sesso! Puoi saperne di più su Kirsten a chronicsex. org e seguila su Twitter .