Cercando di condurre una vita più forte e più sana? Iscriviti alla nostra newsletter Wellness Wire per tutti i tipi di nutrizione, fitness e benessere.

Cercando di condurre una vita più forte e più sana?

Cercando di condurre una vita più forte e più sana?  Iscriviti alla nostra newsletter  Wellness Wire  per tutti i tipi di nutrizione, fitness e benessere.
Sondaggio: i pazienti affetti da scarsità di conoscenza dei risultati JCV

Quando si ha la sclerosi multipla (SM), scegliere un farmaco modificante la malattia è una decisione importante. Questi potenti farmaci possono fornire grandi benefici, ma non senza alcuni gravi rischi.

Molti dei più comuni farmaci modificanti la malattia usati per la SM, ad esempio, possono compromettere il sistema immunitario e causare persone infette dal virus John Cunningham (JCV) per sviluppare la leucoencefalopatia multifocale progressiva (PML).

JCV è un virus molto comune che colpisce più della metà della popolazione mondiale. Mentre nella maggior parte dei casi non provoca effetti collaterali, per alcune persone affette da SM, può portare a PML. La PML è una malattia debilitante che si verifica quando JCV infetta la sostanza bianca nel cervello e attacca il rivestimento protettivo della mielina intorno alle cellule nervose. Può portare a gravi disabilità neurologiche e persino alla morte.

Le persone che assumono questi farmaci sono a conoscenza del loro rischio di sviluppare la PML prima di iniziare il trattamento, o anche di sapere quale sia la PML?

Un sondaggio Healthline su 1, 715 persone con SM ha rivelato che meno della metà erano a conoscenza sia di JCV che di PML.

Tra coloro che erano a conoscenza di JCV, quasi il 60% ha sottovalutato quanto sia comune.

Che cosa sono JCV e PML?

JCV è abbastanza comune. In effetti, circa la metà della popolazione ce l'ha. La maggior parte non lo saprà mai, perché il nostro sistema immunitario tiene sotto controllo il virus.

Quando un sistema immunitario indebolito consente a JCV di diventare attivo, può portare a PML, una malattia cerebrale demielinizzante pericolosa per la vita. La PML ha un tasso di mortalità del 30-50% nei primi mesi dopo la diagnosi. I sopravvissuti hanno spesso gravi disabilità.

Capire JCV e il rischio per le persone con SM "

Il rischio di PML è basso nella popolazione generale Anche se ancora piccolo, il rischio è maggiore se si usano farmaci immunosoppressori.

Attualmente, ci sono 14 malattie -modificanti farmaci usati per il trattamento di forme recidivanti di sclerosi multipla: tre elencano la PML come un potenziale effetto collaterale.Per ulteriori informazioni, è possibile collegarsi alle informazioni sui farmaci e agli avvertimenti:

  • Gilenya (fingolimod), un farmaco orale > Tecfidera (dimetilfumarato), un farmaco per via orale
  • Tysabri (natalizumab), somministrato per infusione
  • Come si può scoprire il rischio?

Un esame del sangue può determinare se si hanno anticorpi JCV, che possono aiuta a stimare il rischio di sviluppare leucoencefalopatia multifocale progressiva, tuttavia è possibile ottenere risultati falsi-negativi, inoltre è possibile acquisire l'infezione in qualsiasi momento senza rendersene conto.

Circa un terzo delle persone che hanno preso parte al sondaggio Healthline sono stati testati per JCV. Di quelli che prendono Tecfidera o Tysabri, il 68 percento ha sono stati testati per JCV, con il 45 percento di questi risultati positivi.

Il neurologo Bruce Silverman, D. O., F. A. C. N., direttore della linea di servizi di Neuroscienze all'Ascension St. John Providence Park Hospital nel Michigan, ha detto a Healthline che il problema è venuto alla luce con il lancio di Tysabri.

"Tutti erano entusiasti della robusta risposta offerta dal farmaco ai pazienti con SM", ha affermato.

Quindi, tre pazienti in sperimentazione clinica hanno sviluppato PML, due fatalmente. Il produttore ha estratto il farmaco nel 2005.

È stato riscontrato che il rischio di PML era maggiore nelle persone che erano state trattate con farmaci immunosoppressori prima o in combinazione con Tysabri, ha spiegato Silverman.

Il farmaco è stato rivalutato e riportato sul mercato nel 2006. Alla fine, anche Gilenya e Tecfidera sono stati approvati per trattare la SM.

"Entrambi presentano lo stesso potenziale problema associato alla PML", ha affermato Silverman. "Può succedere con qualsiasi farmaco immunosoppressore. Noi medici dobbiamo parlare con i pazienti di questo problema e monitorare da vicino i soggetti a rischio di sviluppare la PML. "

Silverman ha detto che non ci sono linee guida reali per il monitoraggio dei pazienti affetti da SM che usano questi farmaci. Esegue test di imaging e test anticorpali JCV almeno una volta all'anno e tiene d'occhio i pazienti che li assumono.

La conoscenza è potere

La maggior parte delle persone che hanno questa malattia sono relativamente giovani e attive nella vita. Vogliono la risposta più solida, così scelgono un farmaco che darà loro quel tipo di protezione. Sono disposti a correre il rischio di farlo. - Bruce Silverman, D. O., F. A. C. N.

Di coloro che prendono Tecfidera o Tysabri, il 66 percento è consapevole del rischio. Perché scelgono questi farmaci?

Silverman suggerisce che il motivo principale è l'efficacia.

"I farmaci che modificano la malattia originale probabilmente migliorano il tasso di recidiva di circa il 35-40 percento. Con questi farmaci, il beneficio potrebbe essere tra il 50 e il 55 percento o più. Tysabri potrebbe essere anche un po 'più piccolo ", ha detto.

"La maggior parte delle persone che hanno questa malattia sono relativamente giovani e attive nella vita", ha continuato. "Vogliono la risposta più solida, quindi scelgono un farmaco che darà loro quel tipo di protezione. Sono disposti a correre il rischio di farlo. "

Perché alcune persone corrono il rischio

Desiree Parker, 38 anni, di Williamsburg, Virginia, è stata diagnosticata con SM recidivante nel 2013. Inizialmente ha scelto Copaxone, ma è passata a Tecfidera all'inizio di quest'anno.

"So cos'è la PML, e capisco l'aumento del rischio mentre su questa medicina, la conoscenza che ho avuto dal parlare con il mio neurologo e dalla lettura della droga da sola", ha detto.

"L'ho scelto per una serie di motivi, il principale è che non si trattava di un'iniezione o di un'infusione. Ho avuto molti problemi con l'auto-iniezione e ne sono stato stanco. Volevo una medicina orale con il minor rischio e gli effetti collaterali più gestibili. "

Prima di prendere Tecfidera, Parker è risultato negativo agli anticorpi JCV.

"So che questo non significa che non sarò esposto al virus, e quindi alla possibilità di PML, in futuro. Se fossi risultato positivo, probabilmente avrei comunque scelto uno dei farmaci orali, anche se sarei stato più preoccupato di questo rischio ", ha spiegato Parker.

"La mia neuro ha detto che è solo quando si ottiene linfopenia - bassi globuli bianchi - che si è a più alto rischio di sviluppare PML se sei infetto. Quindi mi interessa davvero di guardarlo piuttosto che essere costantemente testato per il virus ", ha detto.

Parker si preoccupa degli effetti a lungo termine che Tecfidera potrebbe avere sul suo corpo, ma è più preoccupato di rallentare la progressione della malattia.

Vix Edwards di Nuneaton, Warwickshire, Stati Uniti, è stato diagnosticato con sclerosi multipla recidivante nel 2010. Appena 18 mesi dopo, la sua diagnosi è stata cambiata con SM secondaria-progressiva con recidive. Ha provato Copaxone e Rebif, ma ha continuato a ricadere almeno una volta al mese.

Dopo molte considerazioni, è passata a Tysabri. Ha imparato a conoscere il rischio di PML dalla sua infermiera, che l'ha spiegato dettagliatamente sul telefono, di nuovo di persona e per posta.

"Non sono eccessivamente preoccupato per le PML, principalmente perché le probabilità che io possa contrarre questo sono molto inferiori alle probabilità di una mia ricaduta senza Tysabri", ha detto Edwards a Healthline.

Fino ad oggi, ha avuto 50 infusioni senza ricaduta.

Secondo Edwards, potrebbe non essere standard in tutto il Regno Unito, ma è sottoposta a test per JCV ogni sei mesi.

Spazio per miglioramenti

Parker ed Edwards danno credito ai propri professionisti fornendo loro le informazioni necessarie prima di iniziare a utilizzare i farmaci. Questo non è il caso per tutti.

Più di un quarto degli intervistati sta assumendo un farmaco che aumenta il rischio di PML. Un terzo di questi è ignaro o disinformato riguardo ai rischi.

"Questo è incomprensibile" disse Silverman. "Secondo tutte le stime, queste droghe sono grandi pistole ad alto rischio. Fissare PML è un posto scomodo per essere. Mi sentirei molto, molto compromesso se non avessi una lunga conversazione con un paziente sui potenziali benefici e rischi legati al loro uso. "

Parker ritiene che i pazienti debbano anche condurre le proprie ricerche su ciascuna opzione di trattamento e decidere i criteri di selezione più importanti.

Silverman è d'accordo, ma sottolinea la necessità di cercare fonti affidabili quando effettuano ricerche online.

Incoraggia la partecipazione attiva a gruppi di sostegno come la National MS Society, in particolare le riunioni di capitoli locali faccia a faccia.

"Aiutano a diffondere una buona informazione che possa guidare i pazienti a porre le domande giuste dei loro medici", ha affermato Silverman.