Questo è il motivo per cui la mia malattia invisibile mi rende un cattivo amico

Questo è il motivo per cui la mia malattia invisibile mi rende un cattivo amico
Come la mia malattia invisibile può rendermi un cattivo amico

Diciamo che una persona media sperimenta le emozioni su una scala da 1 a 10. Di solito i sentimenti giorno per giorno si collocano nella gamma 3-4 perché le emozioni esistono ma non dettano ... fino a quando accade qualcosa di straordinario: un divorzio, una morte, una promozione lavorativa o un altro evento insolito.

Quindi le emozioni di una persona raggiungeranno il picco nell'intervallo tra le 8 e le 10 e saranno un po 'ossessionate dall'evento. E tutti lo capiscono. Ha senso per qualcuno che ha appena perso una persona amata di averlo in testa per la maggior parte del tempo.

Tranne che, con depressione maggiore, vivo quasi sempre nella fascia da 8 a 10. E questo può farmi apparire - anzi, l'esaurimento emotivo potrebbe trasformarmi in un amico "cattivo".

A volte, non sembro investito nella tua storia o vita

Credimi quando te lo dico, mi preoccupo per quelli intorno a me. Voglio ancora sapere di te, anche se mi dimentico di chiedere. A volte il dolore è così grave che è l'unica cosa in cima alla mia mente.

La mia sofferenza, la mia tristezza, la mia stanchezza, la mia ansia ... tutti gli effetti che si verificano con la mia depressione sono estremi e accampati lassù non importa quale. Questa è la mia esperienza quotidiana, che le persone non sempre ottengono. "Non c'è evento insolito per spiegare queste emozioni estreme. A causa di una malattia del cervello, sono costantemente in questo stato.

Queste sensazioni mi sono venute in mente così spesso, sembra che siano le uniche cose a cui possa pensare. Posso incontrarmi con lo sguardo dell'ombelico, come se fossi risucchiato dal mio dolore e l'unica cosa a cui riesco a pensare è me stesso.

Ma mi importa ancora. Le nostre esperienze e le mie reazioni potrebbero essere filtrate attraverso chilometri di gunk depressivo, ma mi interessa ancora. Voglio ancora essere un amico. Voglio ancora essere lì per te.

Quasi sempre, non restituirò le e-mail, i messaggi o i messaggi in segreteria

So che sembra un'attività di cinque secondi, ma è difficile per me controllare la mia segreteria telefonica. Veramente. Lo trovo doloroso e intimidatorio.

Non voglio sapere cosa dicono gli altri di me. Ho paura che ci sia qualcosa di "cattivo" nella mia e-mail, nei miei testi o nella mia casella vocale e non sarò in grado di gestirlo. Mi possono servire ore o persino giorni per aumentare l'energia e la forza solo per verificare ciò che le persone mi stanno dicendo.

Non penso che queste persone non siano gentili o premurose. È solo che il mio cervello depresso mi fa credere che accadrà qualcosa di brutto se deciderò di ascoltarlo.

E se non sarò in grado di gestirlo?

Queste preoccupazioni sono reali per me. Ma è anche vero che mi importa di te e voglio rispondere. Ti prego di sapere che la tua comunicazione con me è importante anche se non posso sempre ricambiare.

Spesso, non mi presento ai tuoi eventi sociali

Mi piace quando le persone mi chiedono eventi sociali.A volte ne sono persino entusiasta nel momento in cui chiedono - ma il mio umore è così imprevedibile. Questo probabilmente mi fa sembrare un cattivo amico, qualcuno che vuoi smettere di chiedere agli eventi sociali.

È solo che quando arriva l'evento, potrei essere troppo depresso per uscire di casa. Potrei non aver fatto la doccia per giorni. Forse non mi sono lavato i denti o i capelli. Potrei sentirmi la mucca più grassa di sempre quando mi vedo in abiti che potrei voler consumare. Potrei essere convinto di essere una persona molto cattiva e troppo "cattiva" per stare di fronte agli altri. E tutto ciò non include la mia ansia.

Ho ansia sociale. Ho ansia di incontrare nuove persone. Ho ansia per quello che gli altri penseranno di me. Ho l'ansia che sto per fare o dire la cosa sbagliata.

Tutto questo può crescere, e quando arriva l'evento, è improbabile che partecipi. Non è che io non voglia di essere lì. Lo voglio. È solo che la mia malattia cerebrale ha preso il sopravvento e non posso combattere abbastanza per lasciare la casa.

Ma voglio che tu sappia che voglio ancora che tu chieda e voglio davvero essere lì, se posso.

Sono davvero un cattivo amico? Non voglio essere

Non voglio essere un cattivo amico. Voglio essere un buon amico per te come lo sei per me. Voglio essere lì per te. Voglio sapere della tua vita. Voglio parlare con te e voglio passare del tempo con te.

Si dà il caso che la mia depressione abbia messo un'enorme barriera tra me e te. Prometto che lavorerò per superare quella barriera ogni volta che posso, ma non posso prometterti che sarò sempre in grado di farlo.

Per favore, capisci: anche se la mia depressione può trasformarmi in un cattivo amico a volte, la mia depressione non sono io. Il vero me mi importa di te e vuole trattarti come meriti di essere trattato.


Natasha Tracy è una nota speaker e pluripremiata sceneggiatrice. Il suo blog, Bipolar Burble, si colloca costantemente tra i primi 10 blog sulla salute online. Natasha è anche un autore con l'acclamato Lost Marbles: Approfondimenti nella mia vita con la depressione e Bipolar al suo attivo. È considerata una delle principali influencer nel campo della salute mentale. Ha scritto per molti siti tra cui HealthyPlace, HealthLine, PsychCentral, The Mighty, Huffington Post e molti altri.

Trova Natasha su Burle bipolari , Facebook ; , Twitter ; , Google+; , Huffington Post e la sua pagina Amazon.