Perché abbiamo bisogno di parlare di depressione durante la gravidanza

Perché abbiamo bisogno di parlare di depressione durante la gravidanza
Ecco perché è necessario prendere la depressione durante la gravidanza Seriamente

Quando Sepideh Saremi, 32 anni, ha iniziato a piangere frequentemente ea sentirsi triste e stanco durante il suo secondo trimestre di gravidanza, lo ha appena colto fino a mutare gli ormoni.

E, come madre per la prima volta, la sua non familiarità con la gravidanza.Ma come le settimane passavano, Saremi, una psicoterapeuta di Los Angeles, notò un picco nella sua ansia, negli stati d'animo precipitosi e in generale sentendo che non importava nulla, tuttavia, nonostante il suo addestramento clinico, lo spazzolò via come lo stress quotidiano e parte della gravidanza.

Dal terzo trimestre, Saremi divenne ipersensibile a tutto ciò che lei e non poteva più ignorare le bandiere rosse: se il suo medico le avesse fatto domande di routine, si sentiva come se la stesse prendendo in giro. Ed a lottare con tutte le interazioni sociali che non erano legate al lavoro. Ha pianto tutto il tempo - "e non in quel modo comune, ormonale-pregnante", dice Saremi.

La depressione durante la gravidanza non è qualcosa che puoi semplicemente "scrollare di dosso"

Secondo l'American College of Obstetricians and Gynecologists (ACOG) e The American Psychiatric Association (APA), tra il 14 e il 23% delle donne sperimenterà alcuni sintomi di depressione durante la gravidanza. Ma malintesi sulla depressione perinatale - depressione durante la gravidanza e dopo il parto - possono rendere difficile per le donne ottenere le risposte di cui hanno bisogno, dice il dottor Gabby Farkas, un terapeuta di New York specializzato in problemi di salute mentale riproduttiva.

"I pazienti ci dicono tutto il tempo che i loro familiari dicono loro di" scrollarsi di dosso "e di rimettersi insieme", dice Farkas. "La società in generale pensa che la gravidanza e il fatto di avere il bambino sia il periodo più felice della vita di una donna e questo è l'unico modo per sperimentarlo. Quando in realtà, le donne sperimentano un intero spettro di emozioni durante questo periodo. "

La vergogna mi ha impedito di ottenere aiuto

Per Saremi, la strada per ottenere cure adeguate è stata lunga. Durante una delle sue visite del terzo trimestre, dice di aver discusso i suoi sentimenti con il suo OB-GIN e le è stato detto che aveva uno dei peggiori punteggi della Scala di Depressione Postnatale di Edimburgo (EPDS) che avesse mai visto.

Ma c'è è aiuto per la depressione durante la gravidanza, dice Catherine Monk, PhD e professore associato di Psicologia medica (Psichiatria e ostetricia e ginecologia) presso la Columbia University. Oltre alla terapia, dice, è sicuro assumere alcuni antidepressivi, come gli inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina (SSRI).

Saremi dice che ha discusso i risultati del test con il suo terapeuta, che aveva visto prima di rimanere incinta. Ma, aggiunge, i suoi medici hanno scritto entrambi.

"Razionalizzavo che la maggior parte delle persone si trovasse sugli screener, quindi il mio punteggio era probabilmente così alto perché ero stato l'unica persona onesta - il che è ridicolo quando ci penso ora.E lei pensava che non mi sembrasse così depresso [perché] non sembrava dall'esterno. "

" Mi sentivo come una luce spenta nel mio cervello "

È improbabile che una donna che ha sperimentato la depressione durante la gravidanza si senta magicamente diversa una volta nato il bambino. In realtà, i sentimenti possono continuare a complicare. Quando suo figlio è nato, Saremi dice che le è diventato subito chiaro che si trovava in una situazione insostenibile quando si trattava della sua salute mentale.

"Quasi immediatamente dopo la sua nascita - mentre ero ancora nella sala parto - mi sono sentito come se tutte le luci si fossero spente nel mio cervello. Mi sentivo completamente avvolto in una nuvola scura e potevo vedere fuori, ma nulla di ciò che avevo visto aveva senso. Non mi sentivo collegato a me stesso, tanto meno il mio bambino. "

Saremi ha dovuto cancellare le foto dei neonati perché dice che non poteva smettere di piangere, e quando è tornata a casa, è stata sopraffatta da" pensieri inquietanti e intrusivi. "

Temendo di restare da solo con suo figlio o di uscire di casa con lui da solo, Saremi confessa di sentirsi senza speranza e scoraggiata. Secondo Farkas, questi sentimenti sono comuni tra le donne con depressione perinatale ed è importante normalizzarle incoraggiando le donne a cercare aiuto. "Molti di loro si sentono in colpa per non sentirsi felici al 100% durante questo periodo", dice Farkas.

"Molti lottano con il tremendo cambiamento di avere un bambino significa (ad esempio la mia vita non mi riguarda più ) e la responsabilità di cosa significa prendersi cura di un altro essere umano che è completamente dipendente da loro, "Aggiunge.

Era tempo di ottenere aiuto

Quando Saremi arrivò un mese dopo il parto, era così stanca e stanca che disse: "Non volevo vivere. "

In realtà iniziò a studiare modi per porre fine alla sua vita. I pensieri suicidi erano intermittenti e non duravano a lungo. Ma anche dopo che erano passati, la depressione rimaneva. A circa cinque mesi dopo il parto, Saremi ha avuto il suo primo attacco di panico durante un viaggio di compera Costco con il suo bambino. "Ho deciso che ero pronto per ricevere aiuto", dice.

Saremi ha parlato con il suo medico di base per la sua depressione ed è stato felice di scoprire che era sia professionale che non giudicante. L'ha indirizzata a un terapeuta e ha suggerito una prescrizione per un antidepressivo. Ha scelto di provare la terapia prima e va ancora una volta alla settimana.

Bottom line

Oggi, Saremi dice che si sente molto meglio. Oltre alle visite con il suo terapeuta, è sicura di dormire bene, mangiare bene e dedicare tempo all'allenamento e vedere i suoi amici.

Ha persino avviato il Run Walk Talk, con sede in California, una pratica che combina il trattamento della salute mentale con la corsa consapevole, la camminata e la terapia del linguaggio. E per altre future mamme, aggiunge:

Pensi che potresti avere a che fare con la depressione perinatale? Scopri come identificare i sintomi e ottenere l'aiuto di cui hai bisogno.


La scrittura di Caroline Shannon-Karasik è stata descritta in diverse pubblicazioni, tra cui: Good Housekeeping, Redbook, Prevention, VegNews e riviste Kiwi, oltre a SheKnows.com e EatClean. com. Sta attualmente scrivendo una raccolta di saggi. Più può essere trovato a carolineshannon. com . Puoi anche twittare il suo @CSKarasik e seguirla su Instagram @ CarolineShannonKarasik .