Perché abbiamo bisogno di parlare della nostra paura della morte

Perché abbiamo bisogno di parlare della nostra paura della morte
è La paura di morire che controlla l'ansia?

" La vita ha chiesto la morte, 'Perché le persone amano ma io ti odio? "La Morte ha risposto," Perché sei una bella bugia e io sono una dolorosa verità. "" - Autore sconosciuto

Alla maggior parte delle persone non piace pensare o parlare della morte, anche se è inevitabile che ogni uno di noi morirà, il terrore, l'ansia e la paura circondano ancora la morte - anche la sola parola - Cerchiamo di evitare di pensarci, ma in tal modo, in effetti, influenziamo negativamente la nostra salute mentale e fisica più di quanto sappiamo. >

Esiste persino un termine: ansia della morte, frase che definisce l'apprensione che le persone sperimentano quando diventano consapevoli della morte.

"Questa idea", afferma Lisa Iverach, PhD, ricercatore presso l'Università di Sydney, "si basa sull'evidenza che la morte è una caratteristica significativa in una serie di disturbi correlati all'ansia."

L'ansia della morte può essere perfettamente normale. l'ignoto e ciò che accade dopo è una preoccupazione legittima. Ma quando inizia a interferire con il modo in cui vivi la tua vita, diventa problematico. E per le persone che non trovano i giusti metodi di coping, è possibile che tutta questa ansia causi dolore e stress mentale.

Iverach espone alcuni scenari in cui la paura della morte influisce negativamente sulla vita sana. Potresti riconoscere alcuni:

Il disturbo d'ansia da separazione nei bambini spesso comporta l'eccessiva paura di perdere persone importanti per loro, come i loro genitori, attraverso incidenti o morte.

  • I controlli compulsivi controllano ripetutamente interruttori di alimentazione, stufe e serrature nel tentativo di prevenire danni o morte.
  • Le lavatrici manuali compulsive spesso temono di contrarre malattie croniche e potenzialmente letali.
  • La paura di morire per un infarto è spesso la causa di frequenti visite mediche per chi soffre di disturbo di panico.
  • Gli individui con disturbi somatici si impegnano in frequenti richieste di esami medici e di scansione del corpo al fine di identificare una malattia grave o terminale.
  • Fobie specifiche implicano una paura eccessiva di altezze, ragni, serpenti e sangue, tutti associati alla morte.
"La morte non è qualcosa di cui parliamo spesso. Forse abbiamo tutti bisogno di sentirci più a nostro agio nel discutere questo argomento quasi tabù. Non dovrebbe essere l'elefante nella stanza ", ricorda Iverach.

Parliamo della morte sul caffè

Parlare della morte è il lavoro della vita di Karen Van Dyke. Oltre ad essere un consulente di fine vita professionale che lavora con anziani in comunità di assistenza e memoria assistita, Van Dyke ha ospitato il primo Death Cafe di San Diego nel 2013. I Death Cafes servono come ambiente amichevole, accogliente e confortevole per coloro che vogliono parla apertamente della morte. Molti sono in caffè o ristoranti reali dove la gente mangia e beve insieme.

Lo scopo di "Death Cafes" è quello di alleggerire il carico del mistero di ciò che la tua esperienza può o non può essere ", afferma Van Dyke."Sicuramente faccio la vita in modo diverso ora, più nel momento, e sono molto più specifico su dove voglio mettere la mia energia, e questa è una correlazione diretta riguardo alla possibilità di parlare della morte con la libertà. "

Questa espressione della morte è molto più sana di altre abitudini e azioni che potremmo aver adottato per evitare la morte. Guardare la televisione, bere alcolici, fumare e fare shopping ... e se queste fossero solo distrazioni e abitudini in cui ci impegniamo per evitare di pensare alla morte? Secondo Sheldon Solomon, professore di psicologia allo Skidmore College di Saratoga Springs, New York, usare questi comportamenti come distrazioni non è un concetto estraneo.

"Poiché la morte è un argomento non gradito per la maggior parte delle persone, cerchiamo immediatamente di toglierci dalla testa facendo cose per distrarci", dice Solomon. La sua ricerca suggerisce che la paura della morte può scatenare reazioni, abitudini e comportamenti che sembrano normali.

Per contrastare questi comportamenti, avere un approccio sano e una prospettiva di morte potrebbe essere un inizio.

I Death Cafes sono sorti in tutto il mondo. Jon Underwood e Sue Barsky Reid fondarono Death Cafes a Londra nel 2011 con l'obiettivo di rendere le discussioni sulla morte meno scoraggianti presentandole in ambienti socialmente amichevoli. Nel 2012, Lizzy Miles portò il primo Death Café a U. S. a Columbus, nell'Ohio.

È chiaro che un numero crescente di persone vuole parlare francamente della morte. Ciò di cui hanno bisogno è uno spazio sicuro e invitante, fornito dai Death Cafes.

Qual è la storia della morte o "l'elefante nella stanza"?

Forse è la paura della parola che gli dà potere.

Caroline Lloyd, che ha fondato il primo Caffè della morte a Dublino, dice con l'eredità del cattolicesimo in Irlanda, la maggior parte dei rituali di morte sono centrati attorno alla chiesa e alle sue tradizioni di lunga data come i funerali e le cerimonie religiose. Un concetto in cui anche i cattolici credevano era che conoscere i nomi dei demoni fosse un modo per togliere il loro potere.

E se, nel mondo di oggi, potessimo usare quell'approccio alla morte? Invece di dire eufemismi come "attraversato", "passato", "spostato" e allontanandoci dalla morte, perché non lo abbracciamo?

In America, visitiamo le tombe. "Ma non è quello che vogliono tutti", dice Van Dyke. Le persone vogliono parlare apertamente - della loro paura della morte, delle loro esperienze di essere malate terminali, di assistere alla morte di una persona cara e di altri argomenti.

Il Death Cafe di Dublino si tiene in un pub in stile irlandese, ma nessuno si ubriaca quando avvengono queste conversazioni che fanno riflettere. Certo, potrebbero avere una pinta o addirittura un tè, ma i ragazzi del pub - giovani e anziani, donne e uomini, rurali e urbani - sono seri quando si tratta di affrontare la morte. "Anche loro si divertono. Laugher ne fa parte ", aggiunge Lloyd, che presto ospiterà il suo quarto Death Cafe nella capitale irlandese.

È chiaro che questi caffè stanno facendo un buon lavoro.

"È ancora molto ciò che la comunità vuole", afferma Van Dyke."E, sono diventato un po 'più in pace che la morte accadrà dopo aver fatto questo per così tanto tempo. "Ora ci sono 22 conduttori di Death Cafe a San Diego, tutti seguiti da Van Dyke e con il gruppo che condivide le migliori pratiche.

Come portare la conversazione della morte a casa

Mentre i Death Cafes sono ancora relativamente nuovi nel Regno Unito, molte altre culture hanno rituali di lunga data positivi attorno alla morte e alla morte.

Rev. Terri Daniel, MA, CT, ha un certificato in Death, Dying and Bereavement, ADEC. È anche la fondatrice del Death Awareness Institute e della Afterlife Conference. Daniel è esperto nell'uso dei rituali sciamanici delle culture indigene per aiutare a guarire le persone spostando l'energia del trauma e la perdita dal corpo fisico. Ha anche studiato i rituali di morte in altre culture.

In Cina, i membri della famiglia assemblano altari a parenti defunti di recente. Questi potrebbero contenere fiori, foto, candele e persino cibo. Lasciano questi altari per almeno un anno, a volte per sempre, così le anime di coloro che sono partiti sono con loro ogni giorno. La morte non è un ripensamento o una paura, è un ricordo quotidiano.

Daniel cita un rituale islamico come un altro esempio: se una persona vede una processione funebre, deve seguirla per 40 gradini per fermarsi e riconoscere l'importanza della morte. Ella cita anche l'induismo e il buddismo come le religioni e le culture che frequentano insegnano e comprendono l'importanza della morte e la preparazione alla morte come via per l'illuminazione, invece di considerare la morte con la paura e l'ansia.

Cambiare l'atteggiamento nei confronti della morte è decisamente in ordine. Se vivere le nostre vite nella paura della morte influisce negativamente sulla nostra salute, allora dobbiamo fare uno sforzo per abbracciare un pensiero positivo e sano e un comportamento intorno all'argomento. Trasformare la narrazione della morte dall'ansia all'accettazione, attraverso i Death Cafes o altri rituali, è certamente un buon primo passo per aprire la conversazione. Forse dopo, possiamo abbracciare e celebrare apertamente la morte come parte del nostro ciclo di vita umana.

Stephanie Schroeder è una scrittrice e autrice freelance di New York


. Attivista e attivista per la salute mentale, Schroeder ha pubblicato il suo libro di memorie "Beautiful Wreck: Sex, Lies & Suicide" nel 2012. Attualmente sta co-montando l'antologia "HEADCASE: LGBTQ Writers and Artists on Mental Health and Wellness", che sarà pubblicato dalla Oxford University Press nel 2018/2019. Puoi trovarla su Twitter a @ StephS910 .