Cercando di condurre una vita più forte e più sana? Iscriviti alla nostra newsletter Wellness Wire per tutti i tipi di nutrizione, fitness e benessere.

Cercando di condurre una vita più forte e più sana?

Cercando di condurre una vita più forte e più sana?  Iscriviti alla nostra newsletter  Wellness Wire  per tutti i tipi di nutrizione, fitness e benessere.
Diabete di tipo 2 e il gioco vergogna: cambiare le percezioni

La divisione un po 'tenue tra persone con diabete di tipo 1 e diabete di tipo 2 è sempre esistita, ma è stata più negli occhi del pubblico dopo essere stata scoperta dai media mainstream (vedi l'articolo di Chicago Tribune di novembre, 'Diabetes' Civil War '). Proprio la scorsa settimana, il Globe and Mail ha pubblicato un articolo sull'opportunità o meno di ridenominare il diabete di tipo 1 per distinguerlo dal tipo 2.

Abbiamo pensato che sarebbe stato bello chiedere ad almeno una persona affetta da diabete di tipo 2 per la prospettiva dalla loro fine della storia - con l'obiettivo di abbattere alcuni stereotipi e miti e, si spera, portare il più grande comunità di diabetici un po 'più vicini. Alan Shanley è un blogger australiano che vive con il diabete di tipo 2. Ha anche scritto un libro sulla nutrizione e il tipo 2 intitolato "Che cosa posso mangiare?"

Un guest post di Alan Shanley, autore di Diabete di tipo 2 - Un viaggio personale

L'ignoranza può non essere felice, dopotutto, e ci sono occasioni in cui può essere addirittura pericoloso per un tipo 2 diabetico. Ma ci sono alcune volte nella vita in cui può essere utile. Per me, una di quelle occasioni era l'aprile 2002, quando il mio medico mi consigliò di diagnosticare il diabete di tipo 2.

A quel tempo ero beatamente ignorante del diabete in tutte le sue forme. Quindi non ho mai sofferto di una diagnosi di colpa. Certo, ero sovrappeso, ma nel mio paese in quel momento non eravamo bombardati da spot pubblicitari che dicevano in modo serio e scorretto "per il nostro bene" che il diabete è causato dall'obesità. Altrettanto importante, la mancanza di quella raffica di media significava che nessuno dei miei parenti o amici o qualcuno dei tipi 1 che ho incontrato nel mio gruppo di supporto locale mi ha schernito per aver causato la mia stessa condizione. Non ho mai perso tempo o sforzi per sensi di colpa o recriminazioni.

All'epoca non me ne rendevo conto, ma avevo un grande vantaggio rispetto ai miei amici americani, che incontrai più tardi nei forum sul diabete. Troppo spesso negli ultimi otto anni ho riscontrato miseria e depressione come conseguenza del "gioco della colpa" nei tipi 2 di nuova diagnosi; condizioni che spesso interferivano gravemente con la gestione del diabete. Penso che sia un risultato diretto delle campagne mediatiche, spesso ben intenzionate, che rendono abbondantemente chiaro che i nuovi diabetici di tipo 2 sono altrettanto colpevoli di una ferita autoinflitta come il soldato che si spara in piedi per evitare una battaglia. E altrettanto vergognoso, mettendo un enorme carico sul sistema sanitario nazionale.

Sta diventando anche un cuneo di divisione tra i diabetici di tipo 1 e di tipo 2 nei forum e nei media. Dovremmo lavorare con uno scopo comune in cui i nostri bisogni si intersecano, non combattendo l'un l'altro.Vediamo sempre più spesso lamentele di tipo 1 che dovrebbero sapere meglio ma che si arrabbiano per essere "ammassati insieme nella mente pubblica" con quei grassi, vecchi e pigri scemi come me: i tipi 2.

Dalla mia lettura, mi sta diventando sempre più chiaro che la tendenza genetica al diabete è legata alla tendenza genetica all'obesità e che viene prima di tutto a diventare un argomento "pollo e uova". Esiste una correlazione tra obesità e diabete, corretta. Ma la correlazione non è causalità. E questo è irrilevante qui comunque. Ciò che conta davvero è che tutti quegli annunci idioti che promuovono la perdita di peso per prevenire il diabete siano uno spreco di denaro controproducente; non portano alla perdita di peso, rinforzano solo il gioco della colpa. Peggio ancora, conducono spesso lo spettatore verso siti che promuovono diete "grassi bassi e molti cereali integrali". È difficile immaginare un percorso più rapido verso l'obiettivo indesiderato. Stanno essenzialmente raccomandando una dieta ad alto contenuto di carboidrati per le persone con diabete o una forte tendenza a svilupparlo.

Al tipo 2 che legge questo: lascia cadere il senso di colpa. Qualunque sia la ragione della tua condizione, non c'è una cosa dannata che puoi fare per cambiare il passato. Ciò che conta è ciò che farai oggi per migliorare il tuo futuro.

Al tipo 1 che sta leggendo: ferma il gioco della colpa. Unisciti al tipo 2 nella tua comunità; in unità puoi cercare di migliorare la ricerca e il supporto per tutti i tipi. La divisione nel duro mondo del finanziamento della ricerca medica non è mai fruttuosa.

E alle persone che hanno messo quelle stupide pubblicità sui nostri schermi televisivi: dovresti vergognarti di te stesso. Spendi quei soldi per indagare sulle vere cause e trattamenti migliori per le due afflizioni separate di obesità e diabete nel mondo occidentale. Potresti iniziare osservando i drastici cambiamenti nel carboidrato: grassi: rapporti proteici nei nostri menu dalla seconda guerra mondiale. Ma questo è un argomento per un altro giorno.

E a tutti coloro che leggono questo: se sei interessato, puoi prendere una copia del libro autopubblicato di Alan su Amazon per $ 14. 95.

Disclaimer : Contenuto creato dal team Diabetes Mine. Per maggiori dettagli clicca qui.

Disclaimer

Questo contenuto è stato creato per Diabetes Mine, un blog sulla salute dei consumatori incentrato sulla comunità dei diabetici. Il contenuto non è revisionato da un medico e non aderisce alle linee guida editoriali di Healthline. Per ulteriori informazioni sulla partnership di Healthline con Diabetes Mine, fare clic qui.