Comprensione del "Cocktail dell'AIDS"

Comprensione del
Comprendendo il "Cocktail AIDS"

Poco dopo la scoperta dell'HIV nel 1981, una varietà di trattamenti in monoterapia, incluso il trattamento noto più conosciuto come AZT, furono introdotti ai pazienti nel tentativo di rallentare la progressione del virus. Nonostante i successi iniziali, queste monoterapie si sono rivelate inefficaci a causa della capacità del virus di sviluppare rapidamente resistenze alle terapie con farmaci singoli.

Nel 1995, il trattamento combinato noto come "Cocktail AIDS" è stato introdotto per le persone con HIV / AIDS. Questo tipo di terapia è stato spesso definito terapia antiretrovirale altamente attiva (HAART). Può anche essere chiamato terapia antiretrovirale di combinazione (cART) o semplicemente terapia antiretrovirale (ART).

Indipendentemente dal suo nome, sono stati riscontrati notevoli miglioramenti tra le persone che hanno utilizzato i trattamenti di combinazione sin dalla loro prima iniziazione.

Le persone che ricevono una terapia combinata hanno riportato una diminuzione dei carichi virali, un aumento dei conteggi di CD4 e un aumento dei conteggi delle cellule T. L'aspettativa di vita dei pazienti affetti da HIV è diventata molto più vicina ai tassi di mortalità generale dall'introduzione della terapia antiretrovirale. L'introduzione e i continui successi del "Cocktail AIDS" hanno portato un senso di rinnovata speranza non solo sulla longevità della vita di una persona infetta da HIV, ma anche sulla sua qualità complessiva della vita.

Classi di farmaci in combinazione con terapia antiretrovirale

Attualmente sono disponibili su prescrizione varie terapie antiretrovirali. Ogni farmaco incluso nella terapia di combinazione ha uno scopo unico. La combinazione di farmaci agisce per impedire la replicazione del virus e, in molti casi, può ripristinare il numero di CD4 e di cellule T del paziente, migliorando in tal modo la qualità e la longevità della vita.

Le attuali classi di farmaci inclusi nelle terapie antiretrovirali includono:

  • Inibitori della trascrittasi inversa di Nucleoside (NRTI): Il virus dell'HIV richiede la trascrittasi inversa (RT) per replicarsi . Offrendo versioni difettose degli elementi costitutivi per la replica ai virus, la terapia farmacologica serve a bloccare la capacità del virus di replicarsi.
  • Inibitori di trascrizione inversa non nucleosidi (NNRTI): Questi inibitori disattivano in modo efficace una proteina chiave che l'HIV richiede di replicare.
  • Inibitori della proteasi (PI): Questo inibitore disabilita la proteina nota come proteasi, un altro componente chiave richiesto dall'HIV per replicarsi.
  • Inibitori di ingresso / fusione: A differenza delle terapie farmacologiche precedentemente menzionate, questo inibitore blocca la capacità del virus di entrare nelle cellule CD4 del corpo.
  • Inibitori dell'integrasi : Una volta che l'HIV è penetrato in una cellula CD4, inserisce materiale genetico nelle cellule con l'aiuto di una proteina nota come integrasi.Questo inibitore blocca la capacità del virus di completare questo passaggio cruciale di replicazione.

Protocolli per il trattamento dell'HIV raccomandati attualmente

Secondo l'Istituto Nazionale della Sanità, le attuali raccomandazioni per un regime di HIV iniziale includono tre farmaci anti-HIV e due o più classi di farmaci differenti. Tipicamente, questo include: due NRTI con INSTI, NNRTI o PI, con ritonavir o cobicistat come booster.

Il regime farmacologico raccomandato per ogni persona deve prendere in considerazione le potenziali interazioni farmacologiche, i precedenti test di resistenza ai farmaci e la frequenza di dosaggio. Una volta che un regime viene messo in atto, i livelli di reazione e di successo in corso verranno attentamente monitorati dal medico. In caso di gravi effetti collaterali o di comprovata inefficacia, saranno raccomandate alterazioni del regime farmacologico.

Mentre i trattamenti antiretrovirali sono attualmente raccomandati per tutte le persone con diagnosi di HIV, quelli che sono attualmente in stato di gravidanza, hanno riportato una malattia che definisce l'AIDS, sono stati diagnosticati con epatite B e hanno avuto una conta CD4 inferiore a 500 sono considerati prioritari .

Una volta iniziato un trattamento antiretrovirale, dovrebbe essere mantenuto a tempo indeterminato.

Le terapie antiretrovirali in precedenza si basavano sul raggiungimento di due esiti primari: l'inibizione della proteasi delle proteine ​​e la transcriptasi inversa. Oggi, recenti approvazioni per ulteriori opzioni di trattamento dell'HIV che bloccano l'ingresso del virus nelle cellule CD4 del corpo e l'introduzione dei materiali genetici del virus (inibitori dell'ingresso e inibitori delle integrasi) ampliano il numero di combinazioni disponibili per i pazienti.