8 Modi in cui ho imparato a prendere il controllo del mio IBS

8 Modi in cui ho imparato a prendere il controllo del mio IBS
8 Modi per prendere il controllo del tuo IBS

Sindrome dell'intestino irritabile: è un termine piuttosto antipatico per una condizione ugualmente antipatica.

Mi è stata diagnosticata una serata piuttosto desolata, invecchiata 14, dopo aver sofferto per mesi da quello che ho potuto descrivere solo come avvelenamento alimentare permanente. Navigare nella vita adolescenziale è abbastanza difficile senza una condizione che ti lascia legato al bagno e sentendoti piuttosto impacciato dei tuoi intoppi incontrollabili.

< ! --1 ->

Dopo diversi test e recensioni, il dottore ha proclamato con noncuranza: "È solo IBS".

Mi è stato consegnato un opuscolo, una prescrizione per gli antispastici, e ingenuamente ho pensato che i miei problemi sarebbero presto In realtà, erano appena all'inizio. Nei dieci anni trascorsi dalla mia diagnosi, ho provato e testato tutto ciò che afferma di aiutare IBS. antidepressivi, lassativi, olio di menta piperita, integratori naturali e persino ipnoterapia.

Alla fine, mi sono reso conto che l'aspetto più importante della gestione della IBS non era un farmaco o un rimedio, ma io e il modo in cui mi avvicino. Ecco alcune delle lezioni che sono grato di dire che ho imparato lungo la strada:

1. Ho imparato a non preoccuparmi di ciò che la gente pensa

L'imbarazzo e lo stress possono avere un impatto molto negativo sulla qualità della vita e esacerbare l'IBS. Ho passato anni a scuola a chiedermi cosa avrebbe pensato la gente se dovessi precipitarmi e andare in bagno. Ero convinto che l'intera classe potesse sentire il mio stomaco gorgogliare quando stavamo facendo un esame.

Ma anni dopo, ho presto scoperto che nessuno era stato più saggio. Tutti sono così consumati dalla propria vita e dalle preoccupazioni personali che raramente pensano al tuo. Solo una volta ero io il bersaglio un commento negativo e, guardando indietro, il fatto che a loro interessasse abbastanza fare commenti parlava più di loro e della loro stessa felicità (o mancanza di ciò) di me e della mia IBS.

Quando finalmente mi resi conto che non potevo controllare quello che pensavano le altre persone e che era quindi uno spreco di energie a preoccuparsene, sembrava che fosse stato sollevato un peso.

Un piccolo esercizio pratico che ho usato per combattere questo è stato quello di sedermi su una panchina in un parco e guardare la gente. Mentre passano le persone, dedica del tempo a chiedersi quali stress e preoccupazioni potrebbero avere quel giorno. Proprio come te, hanno tutti qualcosa in mente. Il loro tumulto interiore non è tuo, e nessuno dei due è il tuo.

2. Ho imparato ad essere aperto a riguardo

Crescendo, pensavo che la sofferenza in silenzio fosse la mia unica vera opzione. Non sembrava appropriato iniziare a discutere delle abitudini intestinali nella mensa scolastica, e non ero sicuro che i miei amici avrebbero davvero capito cosa stavo passando.

Tuttavia, guardando indietro, vorrei aver trovato un modo per affrontare l'argomento con un caro amico, perché avere un compagno che sapeva cosa stava succedendo sarebbe stato di grande aiuto.All'età di 18 anni, alla fine "sono uscito" tramite un post sul blog, e il supporto è stato travolgente. Così anche molti pari e compagni compagni di classe hanno sofferto. Non ne avevo idea. Le persone hanno iniziato ad avvicinarsi a me durante gli eventi per parlare dei loro sintomi e di quanto fossero simili ai miei.

All'improvviso, potei tirare un sospiro di sollievo che non fosse più il mio "sporco piccolo segreto". È faticoso tenerlo per te, quindi assicurati di avere qualcuno di cui ti fidi di confidare!

3. Ho imparato a rinunciare al controllo

Una delle più grandi realtà su IBS è il fatto che, a volte, semplicemente non puoi controllarlo. E sentirsi fuori controllo dal proprio corpo è estremamente spaventoso. Non sei sicuro se interferirà con un appuntamento, rovinerà una cena sociale o interromperà un viaggio al cinema.

Ma imparare a convivere con quella mancanza di controllo è la chiave per riconquistare il controllo. (Se questo non è un paradosso, non sono sicuro di cosa sia.) Perché vivere con IBS è spesso un catch-22. Ti preoccupi dei tuoi sintomi che si infiammano, il che provoca invariabilmente quei sintomi a divampare.

Il mio consiglio? Cerca di pianificare in anticipo per essere rassicurato e cerca di non pensare troppo a "cosa succede se. "Come umani, abbiamo un innato desiderio di controllare le situazioni e prepararci per ciò che è avanti. Ma, a volte, questo è controproducente, perché iniziamo a metterci in modalità "lotta o fuga" senza dover essere in quello stato.

Se ti senti andare fuori dalla tua profondità, fai qualche respiro profondo, sorseggia un po 'd'acqua, conta fino a 10, e lascia che il momento diminuisca. Starai bene, lo prometto!

4. Ho imparato a guardare gli aspetti positivi

Va bene, quindi devo ammettere che è difficile farlo quando sei seduto su un water, con dolorosi crampi allo stomaco e gonfiore. Sono sicuro che anche Amy Schumer non potrebbe far luce su questo tipo di situazione. Tuttavia, nel complesso, è importante rimanere ottimisti e non lasciare che IBS ti avvolga come persona.

Quando la mia IBS è esplosa per la prima volta a 14 anni, è esploso anche questo senso opprimente di pulsione e passione. Volevo essere un giornalista, adoravo scrivere e adoravo raccontare storie. E non avrei lasciato che questi sintomi la controllassero.

Il mio IBS spesso significava che dovevo prendere lunghi periodi da scuola o perdere le lezioni. Durante i periodi in cui i compagni erano annoiati, festeggiavano o si lamentavano del loro carico di lavoro, ero abbastanza grato che la mia IBS mi spingesse a lavorare ancora più duramente. Non volevo lasciarmi battere - e guardando indietro, sono così grato per questo senso di guida che mi ha dato.

5. Ho imparato che il farmaco non è sempre la risposta

Sia che si tratti di farmaci da banco o di prescrizione medica, ho provato praticamente tutti i farmaci IBS sul mercato. Inizialmente pensavo di trovare una cura miracolosa, ma dopo alcuni anni ero diventato scettico. Spesso, i farmaci peggioravano i miei sintomi, o semplicemente li mascheravano del tutto. Come quella volta mi sono state prescritte compresse di diarrea a forza estrema per i miei oltre 12 viaggi al giorno in bagno, solo per farmi andare dall'altra parte. (Due settimane senza un momento intestinale non è divertente.)

Questo non sarà il caso per tutti. Ad esempio, so che molte persone ritengono che l'olio di menta piperita sia molto utile. Per me, tuttavia, non è efficace. Invece, la chiave per prevenire una recidiva dei sintomi è stata l'identificazione dei miei alimenti trigger, la gestione dei miei livelli di stress e il controllo della salute della flora intestinale.

Ora prendo quotidianamente i probiotici (Alflorex nel Regno Unito e noto come Align negli Stati Uniti) che aiutano a mantenere l'equilibrio nel mio intestino. A differenza di altri probiotici, non hanno bisogno di essere conservati in frigorifero, quindi sono ottimi se sei costantemente in movimento. Inoltre, sono efficaci indipendentemente dall'orario del giorno in cui li prendi (con o senza cibo).

Per saperne di più sui probiotici "

Consiglio di sperimentare dando a ogni potenziale soluzione un mese per far funzionare la sua magia. È facile rinunciare dopo alcune settimane di lavoro, ma purtroppo non c'è una soluzione notturna per IBS, quindi la coerenza è la chiave.

6. Ho imparato ad entrare in sintonia con il mio corpo

Una cosa di cui sono grato al mio IBS è che mi ha spinto a connettermi davvero con il mio corpo quando hai una condizione piuttosto bisognosa come questa uno, si diventa rapidamente consapevoli di ciò che gli alimenti reagiscono male, come ci si sente in determinate situazioni e come lo stress può prendere rapidamente il sopravvento.

Tenere un diario alimentare può essere molto utile per sviluppare questa connessione con il proprio corpo (specialmente se si ' mi dimentico come me), e in realtà può darti informazioni su quali sono le cause dei riacutizzazioni dei tuoi sintomi. Prendi nota di tutto ciò che hai consumato in un periodo di 24 ore e come ti senti, sintomaticamente, dopo ogni pasto e poi alla fine della giornata. Dopo una settimana o poco più, inizierai presto a vedere i modelli che potrebbero aiuta a eliminare i trigger.

7. Ho imparato a gestire i miei livelli di stress

Lo stress è probabilmente la cosa più difficile da imparare a controllare perché, per la maggior parte, sembra solo che si sviluppi quando meno lo desideri o lo aspetti. Rendersi conto che lo stress è una parte naturale della vita è la chiave. È più su come reagisci ad esso che colpisce il tuo IBS.

La terapia cognitivo comportamentale (CBT) è stato di grande aiuto per riconoscere che lo stress e le preoccupazioni sono un naturale sottoprodotto della vita e che ho dovuto cambiare il modo in cui elaboro l'ansia. Quando sorge un pensiero stressante, mi chiedo: "Preoccuparsi di questa situazione lo renderà migliore? "Se la risposta è" No ", allora lascio dissipare la preoccupazione.

Non si tratta di essere pigri o di non preoccuparsi - si tratta di identificare ciò che è e non è produttivo. In una situazione stressante, è utile ricordare a te stesso che puoi controllare solo le tue azioni e le tue risposte, non di qualcun altro. Prendi le cose lente e cerca di non lasciare che le tue ansie scappino con te.

8. E alla fine, ho imparato che quello che succede, deve uscire

Solo negli ultimi anni ho compreso appieno l'impatto che il cibo ha sui sintomi. Tuttavia, mi ci è voluto arrivare ad un punto in cui non riuscivo a dormire la notte perché i crampi allo stomaco erano così agonizzanti, prima che effettivamente intervenissi.

Dopo una dieta di eliminazione di tre mesi, ho appreso che latticini e uova peggiorano i miei sintomi, e così sono scomparsi dalla mia dieta senza problemi.Ho pensato che sarebbe stato difficile rinunciare al formaggio e al cioccolato (in precedenza le mie due cose preferite in tutto il mondo), ma era molto più facile di quanto immaginassi, perché il mio incentivo era sentirsi meglio.

Le persone dicono cose come "La vita non è vivere senza gelato e cioccolato! "Ma siccome sono sicuro che qualsiasi malato di IBS saprà, proverai qualsiasi cosa per riprendere il controllo del tuo corpo. Se qualcosa di semplice come evitare il caseificio è ciò che devi fare, lo farai. La dieta FODMAP può essere un buon punto di partenza per eliminare certe cose e vedere se hanno un effetto positivo o negativo quando le reintrodi.

Seguendo i suggerimenti di cui sopra, sono riuscito a essere completamente privo di sintomi per quattro mesi, e quasi senza problemi per quasi due anni. Ci vuole un po 'per abituarsi, ma sono giunto ad accettare che IBS è un' difetto di salute 'con cui posso imparare a convivere. Ma la mia IBS non mi definisce, né ti definisce - ed è quello che devi ricordare!

(Oh, e FYI, la vita vale davvero la vita senza gelato e cioccolato!)


Scarlett Dixon è un giornalista, blogger di lifestyle e YouTuber che gestisce eventi di networking a Londra per blogger ed esperti di social media . Ha un vivo interesse nel parlare di tutto ciò che potrebbe essere considerato tabù e una lunga lista di cose da fare. È anche una viaggiatrice appassionata ed è appassionata nel condividere il messaggio che IBS non deve trattenerti nella vita! Visita il suo sito Web e twittala @Scarlett_London !