10 Cose da fare prima di correre il tuo bambino al pronto soccorso

10 Cose da fare prima di correre il tuo bambino al pronto soccorso
10 Cose da sapere prima di portare il tuo bambino al pronto soccorso

Non c'è nulla di così terrificante per un genitore come il momento in cui ti rendi conto che devi portare tuo figlio a il pronto soccorso: nessuno vuole mai fare quel viaggio, ma la maggior parte dei genitori lo fa almeno una volta - per un osso rotto, una febbre a spillo, o semplicemente basato su quell'istinto genitoriale.

Ecco alcune cose che puoi fai, anche prima della necessità della visita, per aiutarti a stare calmo e rendere l'esperienza ER il più indolore possibile per te e il tuo bambino.

1. Avere la salute di tuo figlio informazioni pronte per andare

Preparare un elenco delle informazioni sulla salute del bambino molto prima che tu debba fare quella visita ER.Questo elenco potrebbe includere le informazioni di allergia, le date dei vaccini precedenti, i farmaci attuali e qualsiasi intervento chirurgico precedente tuo figlio ha subito

Un altro consiglio per la preparazione è capire quali ospedali per bambini lavorano con i fornitori di servizi assicurativi. Conserva queste informazioni sul tuo frigorifero e nelle note del telefono. Andare in una posizione approvata dall'assicurazione potrebbe risparmiare un sacco di soldi nel lungo periodo.

2. Chiama prima il pediatra

Una telefonata al pediatra (o la linea infermieristica fuori dall'orario di lavoro) potrebbe aiutarti a decidere se è necessaria una visita al pronto soccorso. E se il medico o l'infermiera concordano che una visita è giustificata, possono chiamare in anticipo e assicurarsi che l'ospedale sappia aspettarsi.

3. Non esitate a chiamare un'ambulanza

In una vera emergenza, quando l'assistenza immediata è la priorità numero uno, chiamare un'ambulanza. Non esitare a farlo se tuo figlio è incosciente, insensibile o ha difficoltà a respirare.

Altri segni che potresti aver bisogno di un'ambulanza includono:

  • una convulsione che non si ferma dopo 3-5 minuti
  • un osso rotto che sporge attraverso la pelle
  • un incidente che ti fa sospettare di un lesioni al collo o alla colonna vertebrale del bambino
  • gravi ustioni

Essere consapevoli del fatto che molte ambulanze non si dirottano verso un ospedale richiesto. Generalmente sono obbligati a trasferirlo al più vicino.

4. Stai calmo, almeno all'esterno

Questo è ovviamente più facile a dirsi che a farsi, ma i bambini possono imparare a sentirsi basati sulle reazioni dei loro genitori. Quando si dirige al pronto soccorso, il bambino sarà sottoposto a nuove facce e vari test, alcuni dei quali possono essere dolorosi. Se riesci a mantenere la calma, li aiuterà anche a mantenere il loro.

5. Salta il rinfresco

Fino a quando non sai che tipo di test il medico potrebbe ordinare, evita di dare al tuo bambino cibo o bevande. Questo è vero per ogni caso in cui potrebbe essere necessario sedare il bambino. Se il bambino ha mangiato di recente, potrebbe significare attendere più a lungo fino a che la sedazione non si verifichi.

6. Portare qualche forma di intrattenimento

Nonostante il nome, i pronto soccorso spesso richiedono una buona dose di attesa.Prendi in considerazione di portare l'animale di peluche preferito di tuo figlio. Un libro o un iPad può aiutare a tenerli occupati e distratti dall'attesa, dalla malattia o dal dolore.

7. Prendere appunti prima, durante e dopo la visita

Mentre aspetti, è una buona idea annotare gli eventi che hanno portato alla tua visita. Fai questo sul tuo telefono, se hai il succo, o richiedi un pezzo di carta e una penna alla receptionist.

Crea un elenco cronologico degli eventi per organizzare i tuoi pensieri quando finalmente vedi un medico. Non è affatto raro sentirsi agitati in una situazione come questa.

8. Non aver paura di chiedere il backup

Un sacco di genitori single fanno quel viaggio da solista, e puoi farlo anche tu, se necessario. Ma se possibile, vedi se un familiare o un amico può unirsi a te. È utile avere qualcun altro lì per servire come una serie extra di occhi e orecchie. Possono aiutarti a catturare tutte le informazioni importanti che potresti dimenticare durante la corsa.

Lasciare che un amico o un familiare sappia in anticipo che è possibile chiamarli per il supporto in caso di emergenza può anche contribuire ad alleviare lo stress che potrebbe derivare dalla situazione.

9. Conosci i tuoi diritti come genitore

Non solo resterai con tuo figlio aiutandoli a rimanere calmo, ma è il tuo diritto come tutore di rimanere con loro in ogni momento. L'ospedale dovrebbe anche garantire che il medico giusto riveda i risultati dei test di tuo figlio.

Se il bambino ha bisogno di rimanere durante la notte, chiedere al medico un piano di dimissione scritto. Questo aiuterà a identificare quali test extra il tuo medico può ordinare, così non ci sono sorprese sul conto finale. Altri dettagli più fini possono dipendere dallo stato in cui vivi. Visita il sito web del dipartimento della salute del tuo stato per ulteriori informazioni.

10. Sii l'avvocato di tuo figlio

Conosci meglio tuo figlio. Se hai la sensazione che un medico del pronto soccorso ti sta spazzando via le preoccupazioni o ti sta precipitando fuori dalla porta, non aver paura di chiedere un secondo parere. Se il tuo istinto ti sta dicendo che sta succedendo qualcosa di più, probabilmente c'è una ragione per questo.

Prova a fare domande e condividi le tue preoccupazioni al momento giusto. È importante per te mantenere un rapporto di lavoro positivo con l'equipe medica di tuo figlio. Chiedere mentre l'infermiera riceve le statistiche di tuo figlio potrebbe non essere il momento migliore. Ma avere i tuoi appunti può aiutarti!

Da asporto

Una visita al pronto soccorso non è mai divertente per nessuno. Può essere particolarmente estenuante per un genitore preoccupato. Ma ottenere la migliore cura per il tuo piccolo è in definitiva la cosa migliore che puoi fare. Non sarà piacevole o facile, ma può superare lo stress di una visita ER con il tuo bambino. Essere preparati aiuta.


Leah Campbell è uno scrittore ed editore che vive ad Anchorage, in Alaska. Una madre single per scelta dopo una fortunata serie di eventi ha portato all'adozione di sua figlia, Leah è anche autrice del libro "Single Infertile Female" e ha scritto ampiamente sui temi dell'infertilità, dell'adozione e della genitorialità. Puoi connetterti con Leah al suo sito web personale su Twitter (@sifinalaska) e Facebook.