Cercando di condurre una vita più forte e più sana? Iscriviti alla nostra newsletter Wellness Wire per tutti i tipi di nutrizione, fitness e benessere.

Cercando di condurre una vita più forte e più sana?  Iscriviti alla nostra newsletter  Wellness Wire  per tutti i tipi di nutrizione, fitness e benessere.
Chicago Progetto Diabetes: dove i transporter possono correre maratone (no scherzi)

Partecipare a una maratona è un Un'impresa piuttosto sorprendente per chiunque, ma cinque persone che hanno preso parte alla 26. La Bank of America Chicago Marathon di 2 miglia il 7 ottobre condivide qualcosa che rende questa straordinaria prodezza extra speciale: tutti erano precedentemente dipendenti da insulina, ma hanno subito un trapianto di cellule insulari e ora vivono la loro vita senza diabete!

Il trapianto di cellule insulari è ciò che collega i cinque insieme come membri della squadra di atleti Cellmates On The Run (!), Cercando l'opportunità di competere in maratone, triathlon e altri eventi di fitness di resistenza insieme. Oltre alla Maratona di Chicago, Cellmates parteciperà anche alla Mezza Maratona di Chicago a settembre e alla Maratona di New York a novembre!

A parte il fatto che sia così intelligente, il team funge da meccanismo di finanziamento della ricerca per il Chicago Diabetes Project (CDP) con sede presso l'Università di Illi

nois Hospital and Health Services. Una collaborazione globale di scienziati che lavorano su trapianti di cellule isolanti, incapsulamento e creazione di nuove cellule, il CDP è modellato sul Progetto Genoma Umano e ha condotto 10 trapianti di cellule isolanti nelle prove cliniche di Fase I da quando il programma è iniziato nel 2004.

< ! --2 ->

Finora, tutti i pazienti sottoposti a trapianto hanno avuto successo con l'insulina.

Essendo l'unico programma di questo tipo, il CDP aiuta a raccogliere fondi per la sua ricerca reclutando i destinatari dei trapianti come parte del team Cellmates. Fondato nel 2009, il team ha un totale di 180 corridori, di età compresa tra 17 e 70 anni, tra cui atleti principianti e maratoneti esperti. Gli organizzatori del team stimano che circa la metà della squadra ha una connessione D specifica, con circa il 10% di PWD di tipo 1 - compresi i cinque trapiantati che non sono più tecnicamente di tipo 1! - e circa il 40% sono persone che hanno familiari o amici con il diabete.

Mentre solo 10 hanno attraversato questo studio di ricerca con sede a Chicago, centinaia di pazienti negli Stati Uniti e globalmente hanno fatto trapianti di cellule Islet negli ultimi anni. Questa procedura, che è ancora in fase di sperimentazione clinica, è attualmente l'unico modo per "curare" un PWD. Ma non è una cura completa perché ci sono molte imperfezioni nel processo. Ancora più importante, chiunque si sottoponga a questa procedura deve essere su farmaci immunosoppressori per tutta la vita per impedire che il sistema autoimmune distrugga le cellule delle isole estranee.

Inoltre, c'è il problema del sourcing. Per il PWD medio, occorrono 2-3 pancreas ottenuti da cadaveri (donatori di organi) per eseguire un trapianto di cellule insulari. Sono necessari diversi pancreas per procedura perché le cellule delle isole sono incredibilmente fragili e molte di esse sono distrutte nel processo di trapianto.Tieni a mente che nel Paese ci sono solo circa 15.000 pancreas cadaverici disponibili ogni anno - sicuramente non abbastanza per curare tutti con il diabete! Questo è uno dei motivi alla base della spinta per l'utilizzo di cellule staminali embrionali per creare cellule insulari.

La procedura dura circa un'ora, ed è fondamentalmente una "grande iniezione" nella vena porta del fegato, fatta mentre il paziente è sveglio ma assonnato. Puoi leggere i dettagli di come è fatto qui.

Il Chicago Diabetes Project, insieme ad altri centri di ricerca, sta lavorando su modi per trapiantare le isole in pazienti senza la necessità di farmaci immuno-soppressivi. A causa del basso numero di cellule insulari disponibili e dei pericoli dei farmaci, non solo un PWD può ottenere un trapianto. I disabili che desiderano partecipare agli studi devono dimostrare che la loro qualità della vita con la malattia è attualmente molto scarsa e che vivere con il diabete (a causa della non consapevolezza dell'ipoglicemia o di altre complicazioni) è peggiore dei pericoli derivanti da una procedura di trapianto.

Questo è il caso di Suzi Johnson, una ricevente e runner trapiantata di 55 anni per Cellmates, che afferma che il Chicago Diabetes Project ha cambiato la sua vita dopo aver sviluppato l'inconsapevolezza dell'ipoglicemia.

"Le forti oscillazioni di zucchero nel sangue mi hanno lasciato sia fisicamente che emotivamente prosciugato e si sono verificati senza alcun preavviso che esisteva una condizione pericolosa per la vita", ha spiegato Suzi, che fu diagnosticato 18 anni fa all'età di 37 anni. "Quando gli amici e la famiglia divennero apprensivi riguardo a lasciarmi in pace, temevo che presto avrei perso la mia indipendenza o, nel peggiore dei casi, la mia vita. "

Suzi cercò le sue opzioni e scoprì il CDP, a quattro ore di auto da casa sua a Decatur , I L. Dopo aver fatto domanda ed essere stata ammessa al processo, ha ricevuto il suo trapianto di isole nel 2007 e da allora ha completamente escluso l'insulina.

"Ho energia e gioia di vivere ora che mi permette di alzarmi presto quattro volte a settimana per camminare o fare jogging da 15 a 20 miglia a settimana, e ho intenzione di aumentarlo un po 'ogni settimana in preparazione della maratona, "Essere libero dall'insulina mi ha dato tanta fiducia che ho lasciato la mia carriera paralegalca di 20 anni per seguire la mia passione e aprire la mia boutique di cani. Aiuto le persone ad addestrare cani e a mostrare cani sia nell'obbedienza che nello sport di la vita è bella! "

Se sei interessato ad unirti al team di Cellmates, non devi nemmeno essere un maratoneta hardcore. Uno dei destinatari del trapianto, la diciannovenne Judith-Rae Ross, a cui è stato diagnosticato il tipo 1 nel 1979, è a piedi la Maratona di Chicago per sostenere la ricerca che ha cambiato la sua vita.

"Camminare per la maratona mi ha dimostrato che non sono più un ostaggio del diabete", spiega Judith, che ha ricevuto il suo trapianto nel 2009. "Sto vivendo una vita eccitante senza insulina. Sto camminando per la maratona di nuovo perché voglio essere un soldato a piedi per la cura, se il mio camminare aiuta a raccogliere soldi, allora io calpesterò il 26.2 ogni volta che il Dr. Oberholzer mi chiede di farlo.

Sostieni i compagni di cella?

C'è ancora tempo per far parte di Cellmates in fuga e partecipare alla maratona di Chicago!

Il team accetterà nuovi partecipanti fino al 1 settembre, e tutti i nuovi corridori (o maratoneti) dovranno raccogliere almeno $ 1 000. Ma se non sei pronto per una maratona, puoi comunque sostenere ricerca per donazione al team . Tutto il denaro donato va direttamente alla ricerca. L'anno scorso, il team Cellmates ha raccolto un totale di $ 300.000 e quest'anno sparano per $ 500.000!

Questo ci sembra un denaro speso bene per sostenere una causa che chiamano una "cura funzionale" per il diabete. In questo momento, il trapianto di cellule insulari è l'unica cosa che ha preso una PWD dall'insulina per un lungo periodo di tempo. Certo, non c'è alcuna garanzia che le isole dureranno per sempre. Sappiamo che la risposta immunitaria non si ferma solo una volta che ha attaccato le cellule dell'isoletta al momento della diagnosi, quindi è ancora lì con lo sfondo (marathon pun intended).

Ma questa è una ricerca promettente che ha così tanto potenziale! Speriamo che i ricercatori di istituzioni come CDP siano in grado di trovare modi migliori per procurarsi cellule insulari, trapiantare le cellule in modo più efficiente e modi più sicuri di proteggere le isole dal nostro sistema immunitario.

Disclaimer : Contenuto creato dal team Diabetes Mine. Per maggiori dettagli clicca qui.

Disclaimer

Questo contenuto è stato creato per Diabetes Mine, un blog sulla salute dei consumatori incentrato sulla comunità dei diabetici. Il contenuto non è revisionato da un medico e non aderisce alle linee guida editoriali di Healthline. Per ulteriori informazioni sulla partnership di Healthline con Diabetes Mine, fare clic qui.