Cercando di condurre una vita più forte e più sana? Iscriviti alla nostra newsletter Wellness Wire per tutti i tipi di nutrizione, fitness e benessere.

Cercando di condurre una vita più forte e più sana?  Iscriviti alla nostra newsletter Wellness Wire  per tutti i tipi di nutrizione, fitness e benessere.
33 Paesi Impegnarsi ad affrontare il lato psicosociale della cura del diabete (!)

Sembra che ci sia sempre un diabete una conferenza di qualche tipo che si tiene da qualche parte nel mondo - e ovviamente non tutti sono molto sconvolgenti. Ma il 5 ° Vertice Internazionale DAWN tenutosi nei Paesi Bassi all'inizio di aprile potrebbe rappresentare un'eccezione.

È un raduno annuale di una moltitudine di attori internazionali nel mondo del diabete, guidati dall'International Diabetes Federation (IDF), dall'International Alliance of Patients 'Organisations (IAPO), dallo Steno Diabetes Centre con sede in Danimarca e dal gigante farmaceutico Novo Nordisk.

Fortunatamente il nostro amico Riva Greenberg, un collega di lunga data di tipo 1 e giornalista che scrive a The Huffington Post e in molti altri luoghi, è stato in grado di partecipare a questo Summit e riferirci a noi esclusivamente sulla prospettiva completamente nuova questi esperti stanno (finalmente) abbracciando:

Speciale alla "Miniera di Riva Greenberg

7-8 aprile, Noordwijk, Paesi Bassi: Lo scorso mese più di 240 medici, psicologi, responsabili politici, persone con diabete (PWD) e ricercatori provenienti dall'Africa, il Medio Oriente, Israele, India, America Latina, Nord America ed Europa, riuniti fuori Amsterdam. Si sono riuniti per il 5 ° Summit Internazionale DAWN per cambiare la cura del diabete; Ero tra loro.

L'obiettivo del Summit è stato quello di migliorare in modo misurabile l'istruzione, il supporto, le cure e le politiche per i 382 milioni di persone affette da diabete, inclusa la cura del diabete centrato sulla persona.

Il Vertice è stato suggerito dallo studio farmaceutico Novo Nordisk DAWN2 (Diabetes Attitudes Wishes and Needs), che esamina il benessere delle persone che vivono con il diabete e l'aspetto psicosociale della gestione della condizione.

Mentre il Vertice era un appello per un partenariato e un'azione globale, era anche un'ammissione silenziosa che l'attuale modello per la cura del diabete non funziona molto bene. Parte del motivo per cui non funziona molto bene è perché ignora in gran parte l'aspetto psicosociale della convivenza con il diabete.

Ecco un video sullo studio che mostra cosa stiamo affrontando con la cura del diabete in tutto il mondo:

I risultati principali dello studio DAWN2, come mi è stato detto da Søren E. Skovlund di Novo Nordisk, direttore della ricerca dello studio e direttore globale della ricerca e del coinvolgimento dei pazienti, ha rivelato:

  1. Una mancanza di supporto per le persone con diabete provenienti da diverse parti della società
  2. Accesso limitato e disponibilità di formazione sul diabete per le persone con diabete e le loro famiglie > Disturbo emotivo correlato al diabete sia nelle persone con diabete sia nelle loro famiglie
  3. Scarsa comunicazione tra diabetici e operatori sanitari
  4. Discriminazione correlata al diabete
  5. Statistiche specifiche dello studio DAWN2:

49% delle persone con diabete e solo il 23% dei membri della famiglia partecipa all'educazione al diabete

  • Il 45% delle persone con disagio al diabete
  • Il 40% dei familiari soffre di disturbi emotivi legati alle preoccupazioni sul diabete
  • Il 56% delle cure sanitarie fornisce rs vorrebbe più formazione in comunicazione e motivazione
  • Il 59% degli operatori sanitari vorrebbero una maggiore formazione sugli aspetti psicosociali dell'assistenza
  • Ulteriori risultati dello studio possono essere trovati qui.

Esplorare il lato psicosociale

Novo Nordisk è il capofila delle compagnie farmaceutiche diabetiche che studiano l'aspetto psicosociale dell'assistenza come una via per una salute migliore.

Lo studio DAWN2 è il secondo studio di Novo Nordisk - analizza più da vicino l'impatto del diabete sulle famiglie e l'interazione tra gli operatori sanitari e gli operatori sanitari rispetto allo studio DAWN originale del 2001.

"Abbiamo fatto il secondo studio DAWN perché abbiamo visto l'urgente necessità di un nuovo modello di cura ", ha detto Skovlund." Uno che dia alle persone con diabete il diritto alle migliori cure possibili, all'educazione e al supporto psicosociale, e ad essere libero da discriminazioni e stigma del diabete in modo che possano vivere vite complete, salutari e produttive. "

I benefici per la salute derivanti dall'affrontare l'aspetto psicosociale della cura del diabete sono stati confermati in numerosi studi recenti, inclusi programmi di sostegno alla pari ed essere visti da un medico esperto in comunicazione ed empatia.

Sfortunatamente la stessa esperienza dei medici, essendo esperti in stati di malattia, è spesso un limite quando si tratta di malattie croniche. Molti operatori prestano la loro attenzione esclusivamente sul microgestione degli aspetti biomedici della malattia, mentre le persone con malattie croniche desiderano essere viste, ascoltate e supportate.

Forse uno dei risultati più sorprendenti dello studio DAWN2 non sorprende affatto - il 52% dei professionisti del settore sanitario riferisce alle persone con diabete come il diabete influisce sulla loro vita, mentre solo il 24% delle persone affette da PWD afferma di averle mai chiesto.

Lo studio DAWN2 rivela anche un altro aspetto del benessere che vale la pena investigare: esperienze positive. Quasi il 30% delle persone intervistate ha riferito che il diabete ha avuto un impatto positivo sulle loro vite e lo studio contiene oltre 15.000 storie aneddotiche che fanno luce sulle opportunità che le persone con diabete vedono per migliorare la loro vita.

Studiare come le persone trovano qualcosa di positivo nella loro malattia può insegnarci molto su come aiutare più persone a creare strategie e esperienze simili di benessere.

Impostazione di un precedente?

"Quello che è successo in questi due giorni è un punto critico", ha detto Skovlund. "La dedizione e l'atmosfera veramente collaborativa che si è creata attraverso culture, confini, discipline e settori, tra tutti i vari stakeholder di ogni angolo del mondo, è un forte punto di prova ora per ogni paese che è possibile rendere il diabete centrato sulla persona una cura in tutto il mondo. "

Per me, gli studi e il Vertice DAWN hanno stabilito un obiettivo invidiabile e un precedente per altre malattie croniche.

Nei prossimi mesi i risultati del Vertice, comprese idee, strumenti e programmi generati, priorità d'azione e strategie per il partenariato, saranno pubblicati e messi a disposizione delle organizzazioni partner e del pubblico in generale.

Molti partecipanti al Summit hanno già preso impegni per espandere o creare maggiore consapevolezza, istruzione, formazione professionale sanitaria e fonti di sostegno nel loro paese.

Personalmente, sono lieto di vedere il benessere emotivo di coloro che vivono con il diabete venire al centro del circolo di cura.Come qualcuno che ha scritto il suo primo libro per aiutare le persone con diabete a sviluppare la forza emotiva per gestire la loro condizione, non può essere sopravvalutato: la malattia cronica richiede un modello di cura diverso - uno che si concentra sulla persona e la condizione.

L'obiettivo del Summit - un impegno globale condiviso per migliorare la qualità della vita per chi soffre di diabete - è stato riassunto per me in una dichiarazione conclusiva rilasciata da appassionato ed eloquente Sir Michael Hirst, Presidente dell'IDF e Presidente del Summit .

"Non importa chi cancella la strada di fronte a noi, tutto quello che conta è che quelli con diabete escano vincitori."

Entro il 2035, si prevede che 592 milioni di persone avranno il diabete. Faremmo meglio a cancellare la strada, ora. Gli studi DAWN e il V Summit internazionale sono due iniziative che ci aiutano a farlo.

Grazie per l'ottima copertura, Riva. È emozionante vedere questa chiamata all'azione globale per affrontare le vere sfide quotidiane della cura del diabete!

Disclaimer

: Contenuto creato dal team Diabetes Mine. Per maggiori dettagli clicca qui. Disclaimer

Questo contenuto è stato creato per Diabetes Mine, un blog sulla salute dei consumatori incentrato sulla comunità dei diabetici. Il contenuto non è revisionato da un medico e non aderisce alle linee guida editoriali di Healthline. Per ulteriori informazioni sulla partnership di Healthline con Diabetes Mine, fare clic qui.