Cercando di condurre una vita più forte e più sana? Iscriviti alla nostra newsletter Wellness Wire per tutti i tipi di nutrizione, fitness e benessere.

Cercando di condurre una vita più forte e più sana?  Iscriviti alla nostra newsletter  Wellness Wire  per tutti i tipi di nutrizione, fitness e benessere.
'Smart' Insulina reattiva alla glicemia progredisce

La corsa a sviluppare un'insulina intelligente che reagisce effettivamente ai cambiamenti degli zuccheri nel sangue si è nuovamente intensificata, con due grandi giocatori che ora contribuiscono a creare questa insulina reattiva al glucosio che potrebbe alleviare noi PWD di tutti il calcolo, le congetture e la correzione richieste quando i nostri zuccheri aumentano. Wow!

Il 25 febbraio, le notizie hanno rotto che JDRF e Sanofi avevano ampliato la loro partnership per fornire fino a $ 4. 6 milioni verso progetti di ricerca volti a creare insulina intelligente. Il gruppo collaborativo ha esaminato più di una dozzina di domande di ricerca e sviluppo incentrate su questo aspetto, e quattro sono state scelte per ricevere i finanziamenti nei prossimi tre anni:

  • Dr. Danny Chou , assistente professore di biochimica all'Università dello Utah, che ha sviluppato una formulazione di insulina che ha un innesco o un "interruttore" biochimico che funziona solo quando è attivato dal glucosio nel sistema. Questo è stato testato su topi diabetici, forniti da siringa e nastro adesivo dermico. (Maggiori informazioni su questo comunicato stampa USTAR.)
  • Dr. Alborz Mahdavi , un ingegnere chimico e biomolecolare che ha fondato la Protomer Technologies, con sede in California, che si concentra sull'utilizzo di approcci "bio-ispirati" per consentire ai livelli di zucchero nel sangue di essere rilevati e utilizzati per attivare un'insulina intelligente. Fondamentalmente, come abbiamo sentito descrivere dal Dr. Mahdavi, il suo approccio è simile a un interruttore della luce che può essere acceso e spento.
  • Dr. Christoph Hagemeyer , un professore di nanobiotecnologie della Monash University in Australia, il cui lavoro sul diabete e la salute del cuore ha comportato il rilascio mirato di farmaci e imaging molecolare. Nello sviluppo di un'insulina intelligente, il suo team sta creando nanoparticelle per produrre l'effetto sensoriale del glucosio dell'insulina.
  • Dr. Zhen Gu , un ingegnere biomedico e professore alla North Carolina State / UNC, che sta sviluppando un progetto di patch microneedle per la somministrazione di insulina reattiva al glucosio. La sua ricerca si è evoluta anche più recentemente nel testare questa tecnologia di progettazione patch coperta di cellule beta, che potrebbe fornire insulina reattiva al glucosio più o meno allo stesso modo.

Inutile dire che siamo entusiasti di sapere come si sviluppano questi progetti!

Impostazione delle aspettative dell'insulina Smart

Un anno fa, c'era un'ondata di eccitazione per l'insulina intelligente rispetto alla ricerca condotta dal Dr. Matthew Webber al MIT e dal Dr. Danny Chou nello Utah. Ma poi non molto più materializzato nel corso dell'anno scorso ... fino ad ora, quando il lavoro del Dr. Chou diventa parte di questo annuncio di quattro progetti.

Quindi quanto presto vedremo effettivamente l'insulina con il suo cervello, in grado di rilevare i livelli di zucchero nel sangue e dosare automaticamente la giusta quantità?

"Le persone si entusiasmano per l'insulina intelligente, ma dobbiamo fissare le aspettative adeguate per quanto riguarda i tempi. Questi sono progetti super-precoci che avranno bisogno di tempo per maturare. Questi non arriveranno domani e non possiamo esagerare, ma speriamo che vadano più veloci che possono ", dice Aaron Kowalski, Chief Mission Officer della JDRF, che è uno stesso da molto tempo.

Kowalski ammette che molti membri della D-Community sono rimasti delusi dalla notizia che SmartCells è stato sviluppato e poi acquistato da Merck nel 2010, ma da quel momento in poi apparentemente non è più disponibile. Sì, i progressi sono in corso, dice.

Merck's SmartCells

Nel 2010, Merck ha acquisito la piattaforma tecnologica SmartCells, Inc. che consente di "autoregolare il rilascio di una terapia basata sulla concentrazione plasmatica di un indicatore molecolare designato", con grandi speranze per l'insulina che rilascia "solo in presenza di uno specifico intervallo di concentrazione di glucosio".

Poi sono diventati oscuri su questo tema per circa quattro anni, fino a quando un briefing di investitori nel maggio 2014 in cui Merck ha menzionato il lavoro su un'insulina intelligente investigativa (soprannominata L-490 nella ricerca), dicendo che erano pronti ad andare avanti nelle prove umane di Fase I. Ma non è stato fornito altro dettaglio se non un ETA per i test umani che inizieranno entro la fine del 2014.

Il database degli studi clinici statunitensi mostra che lo studio di Merck in tre parti è iniziato a novembre 2014 e conclude questo studio mese, a marzo 2016. Apparentemente l'insulina intelligente di Merck viene ora indicata come MK-2640.

Comprendiamo che una grande preoccupazione qui era che avresti avuto questo romanzo, un'insulina intelligente che si aggirava nel corpo di una persona - potenzialmente un problema se qualcuno non mangiava o si impegnava in un intenso BG - esercizio di abbassamento Questo rappresentava il rischio dell'insulina intelligente che causava pericolose ipoglicemie.

Ma la ricerca di Merck ha mostrato che è stato affrontato, dice Kowalski. "Un diapositiva Merck di (2015) mostra che ha molte più funzioni di sicurezza integrate rispetto all'approccio SmartCell originale, di iniettare insulina dove non funziona ma non ha funzionato t attaccare alle cellule, e nessuno capiva se avrebbe reagito o rimanere nel corpo se non fosse attivo. "

Ora, sembra chiaro che i pazienti potrebbero iniettare questa insulina intelligente una o due volte al giorno senza il rischio di andando basso poiché la sostanza non dura per ben 24 ore. Oppure potrebbero usarlo in una pompa per insulina con una bassa velocità basale di insulina reattiva al glucosio, quanto basta per essere presente nel corpo per reagire a un picco di glucosio, se necessario.

Ciò che questo progetto di Merck sta facendo è insegnare ai ricercatori il potenziale per ulteriori R & D nell'insulina reattiva al glucosio, specialmente per quanto riguarda i dispositivi di erogazione progettati, afferma Kowalski.

Tecnologia Smart Insulin Delivery

In realtà, la cosa più interessante di questa recente novità di JDRF-Sanofi è che la tecnologia di consegna è più che mai incentrata sulla concentrazione. Invece di iniettare semplicemente le cose, potremmo finalmente vedere una realizzazione del "sogno non invasivo"."

Il dottor Chou sta lavorando su un cerotto adesivo intelligente per insulina contenente 121 microneedoli caricati con nanoparticelle specializzate contenenti un enzima chiamato glucosio ossidasi." Secondo lo scienziato, "quando i livelli di glucosio raggiungono un livello critico, la glucosio ossidasi inizia a consumare ossigeno, creando un ambiente locale ipossico attorno alle

nanoparticelle. Questo innesca quindi il 2-nitroimidazolo per diventare idrofilo, alterando la conformazione delle nanoparticelle in un modo che rilascia l'insulina all'interno. "

Il dott. Hagemeyer sta creando nanoparticelle in grado di fornire insulina reattiva - presumibilmente anche tramite un minuscolo, patch di tipo non invasivo. (La scienza abbastanza complicata dietro a questo è illustrata qui.)

Ma i nostri occhi sono rivolti maggiormente al lavoro che il Dr. Gu in North Carolina sta facendo su un design di patch microneedle piuttosto avanzato. , patch quadrata non più grande di un penny che verrebbe coperto con più di 100 piccoli aghi piccoli, ciascuno delle dimensioni di un ciglio.Questi cosiddetti microneedles sono confezionati con unità di conservazione microscopiche per l'insulina e gli enzimi sensibili al glucosio che rilasciano rapidamente quando il glucosio diventa troppo alto.

I dati pubblicati nel 2015 da uno studio sui topi (ovviamente) mostrano che il cerotto potrebbe abbassare i livelli di glucosio nel topo fino a 9 ore, e una volta che la ricerca sarà sottoposta a prove umane il cerotto sarebbe personalizato per tenere conto del peso e della sensibilità all'insulina di ciascun PWD. Un concetto abbastanza carino!

Più di recente, sentiamo anche che il Dr. Gu sta esaminando questo stesso disegno con cellule beta reali, che non dovrebbero fornire insulina intelligente ma potrebbero produrre l'insulina vera e propria allo stesso modo.

Nel complesso, i progressi sono grandiosi da vedere e siamo felici che gli sforzi continui si stiano verificando su questo fronte intelligente di insulina.

È facile entusiasmare gli annunci e i titoli delle notizie, ma il vero trucco è restare eccitati nel tempo quando la discussione si attenua. Qui speriamo di sentire aggiornamenti semi-regolari su questi progetti sopra, e non vengono spazzati sotto il tappeto anche se non funzionano come speriamo tutti.

Disclaimer : Contenuto creato dal team Diabetes Mine. Per maggiori dettagli clicca qui.

Disclaimer

Questo contenuto è stato creato per Diabetes Mine, un blog sulla salute dei consumatori incentrato sulla comunità dei diabetici. Il contenuto non è revisionato da un medico e non aderisce alle linee guida editoriali di Healthline. Per ulteriori informazioni sulla partnership di Healthline con Diabetes Mine, fare clic qui.