Cercando di condurre una vita più forte e più sana? Iscriviti alla nostra newsletter Wellness Wire per tutti i tipi di nutrizione, fitness e benessere.

Cercando di condurre una vita più forte e più sana?  Iscriviti alla nostra newsletter  Wellness Wire  per tutti i tipi di nutrizione, fitness e benessere.
è La marijuana una buona opzione per il trattamento del diabete?

Sto ancora sorridendo. Mi vedi? Più di 10 anni fa, nel 2005, abbiamo pubblicato un breve post qui al 'Mine su come la cannabis (sì: erba, erba, ganja ...) può essere usata per curare il diabete. Davvero, completamente legittimo! E da allora le persone si sono radunate qui per saperne di più.

Ora, al momento del calcio d'inizio del 2016, stiamo aggiornando quel post con molti più dettagli. Seriamente, c'è un crescente corpo di ricerca (OK, in gran parte negli animali) che mostra che la cannabis può avere una serie di effetti positivi sul diabete.

Inizia con quel documento di ricerca originale del 2005 che abbiamo messo in evidenza dall'American Alliance for Medical Cannabis (AAMC), che affermava che la cannabis può avere i seguenti benefici per le persone affette da diabete (persone con diabete): > stabilizzare gli zuccheri nel sangue (confermati da "un vasto corpo di prove aneddotiche che si sviluppano tra chi soffre di diabete")

  • azione antinfiammatoria che può aiutare a calmare alcune delle infiammazioni arteriose comuni negli effetti
  • "neuroprotettivi" del diabete che aiutano a contrastare l'infiammazione di nervi e ridurre il dolore della neuropatia attivando i recettori nel corpo e nel cervello
  • "agenti antispasmodici" aiutano ad alleviare i crampi muscolari e il dolore dei disturbi gastrointestinali (GI)
  • agisce come un "vasodilatatore" per aiutare a mantenere i vasi sanguigni si aprono e migliorano la circolazione
  • contribuisce a ridurre la pressione sanguigna nel tempo, che è vitale per i diabetici
  • sostituendo burro di cannabis e olio negli alimenti "benefici per la salute cardiaca e arteriosa in generale"
  • può anche essere usato per fare t creme opache per alleviare il dolore neuropatico e formicolio alle mani e ai piedi
  • aiuta a calmare la "sindrome delle gambe senza riposo" diabetica (RLS), così il paziente può dormire meglio: "si raccomanda che i pazienti utilizzino un vaporizzatore o una cannabis fumata per aiutare a cadere addormentata "
La prova di tutto ciò è ancora valida, e in effetti è stata corroborata e costruita negli ultimi dieci anni. Ecco di più:

Perché Pot (Grass, Weed, Ganja) è salutare

Quando la maggior parte delle sostanze illegali sono disapprovate, perché c'è così tanto parlare di marijuana come medicina, che può davvero fare bene a te?

Il fulcro sembra essere un sistema chiamato cannabinoide endogeno, dal nome della pianta che ha portato alla sua scoperta, che è "forse il più importante sistema fisiologico coinvolto nello stabilire e mantenere la salute umana", secondo il NORML, l'Organizzazione nazionale per la riforma delle leggi sulla marijuana, con sede a Washington DC.

Spiegano:

"Gli endocannabinoidi ei loro recettori si trovano in tutto il corpo: nel cervello, negli organi, nei tessuti connettivi, nelle ghiandole e nelle cellule immunitarie.In ogni tessuto, il sistema dei cannabinoidi svolge diversi compiti, ma l'obiettivo è sempre lo stesso: omeostasi, il mantenimento di un ambiente interno stabile nonostante le fluttuazioni nell'ambiente esterno ... I cannabinoidi promuovono l'omeostasi a tutti i livelli della vita biologica, dal sottocellulare , all'organismo e forse alla comunità e oltre. "

Pertanto NORML e altri sostenitori e sostenitori della marijuana" ... credono che piccole dosi regolari di cannabis potrebbero agire come un tonico per il nostro sistema di guarigione più centrale e fisiologico. "

Ricerche su Diabete e Cannabis Dice ...

Mentre ci sono alcune prove contrastanti sul ruolo della marijuana nel ritardare il rischio di sviluppare il diabete di tipo 2, la ricerca mostra che è davvero utile per quelli già diagnosticati con entrambi i tipi 1 o 2, e specialmente per quelli che soffrono complicazioni.

Uno studio di pietra miliare pubblicato sull'American Journal of Medicine nel 2013 ha concluso:

i composti di cannabis possono aiutare a controllare gli zuccheri nel sangue

  • gli utenti di marijuana hanno meno probabilità di essere obesi e hanno misurazioni dell'indice di massa corporea inferiore (BMI) - - nonostante il fatto che sembrassero assumere più calorie
  • i fumatori pot avevano anche livelli più alti di "colesterolo buono" e girovita più piccoli
"La scoperta più importante è che gli attuali utilizzatori di marijuana sembravano avere un metabolismo dei carboidrati migliore rispetto ai non utilizzatori, i loro livelli di insulina a digiuno erano più bassi e sembravano essere meno resistenti all'insulina prodotta da il loro corpo per mantenere un normale livello di zucchero nel sangue, "Murray Mittleman, professore associato di medicina presso la Harvard Medical School e il capo ricercatore ha detto alla rivista TIME.

Nel 2014, un" Riassunto delle promettenti prove epidemiologiche "sulla marijuana nella gestione del diabete pubblicato nel Natural Medicine Journal ha anche concluso che in migliaia di soggetti, l'uso di marijuana passato e corrente era associato a bassi livelli di insulina a digiuno, glicemia, insulino-resistenza, BMI, e la circonferenza della vita.

E nel 2015, alcuni ricercatori israeliani della Hebrew University di Gerusalemme hanno pubblicato uno studio che dimostra che le proprietà anti-infiammatorie del cannabidiolo (CBD), un composto presente nella cannabis, potrebbero essere effettivamente noi per curare diverse malattie incluso il diabete di tipo 2.

Esistono anche prove scientifiche convincenti che la cannabis può essere di aiuto nel trattamento delle complicanze del diabete, ad esempio le malattie degli occhi; la cannabis riduce la pressione intraoculare (pressione del fluido nell'occhio) considerevolmente nelle persone con glaucoma, che è causata da condizioni che limitano gravemente il flusso sanguigno agli occhi, come la retinopatia diabetica.

Roba piuttosto potente!

Come può la marijuana aiutarti? (con diabete)

Quindi diciamo che stavi usando marijuana o volevi provarlo. Quale sarebbe l'effetto sul tuo diabete?

Un certo numero di PWD riportano che con l'uso regolare, vedono livelli più bassi di zucchero nel sangue e riducono i risultati A1c nel tempo. Le prove scientifiche esistenti mostrano che la marijuana ha un effetto sul miglioramento della resistenza all'insulina - utile per il diabete di tipo 2, ma generalmente non per il tipo 1.Per loro, c'è poco più di prove aneddotiche da seguire.

Tuttavia, come accennato, esiste un intero corpo di prove che dimostrano che la marijuana è efficace nel trattamento di disturbi agli occhi, dolore cronico, disturbi del sonno e una serie di altri disturbi spesso associati al diabete. Quindi, se stai vivendo con

una o più complicazioni del diabete, la marijuana può tranquillamente alleviare il tuo dolore o rallentare la progressione del disturbo che stai vivendo.

L'area della salute mentale è importante per la marijuana, poiché ha dimostrato di trattare efficacemente tutto, dalla depressione clinica al disturbo da stress post-traumatico. Perchè è questo? Una risposta potrebbe provenire da uno studio pubblicato nel febbraio 2015, che dimostra che l'uso di marijuana negli animali ha aiutato a ripristinare i livelli cerebrali di endocannabinoidi - che influenzano l'emozione e il comportamento, e sono stati associati a una riduzione della sensazione di dolore e ansia e ad un aumento dei sentimenti di benessere essere.

Certo, alcune persone con depressione non faranno bene con la marijuana, in quanto possono anche aumentare i sentimenti di ansia e paranoia in alcune persone.

Il maggior rischio di uso di marijuana con il diabete è probabilmente l'ipoglicemia; ci sono molti dubbi sul fatto che i livelli di glucosio del PWD scenderanno, inosservati dal paziente fino a quando non si troveranno in un territorio pericoloso.

Quindi, in altre parole: la marijuana * potrebbe * aiutarti a ridurre i livelli di glucosio nel sangue, sentirti meglio, più rilassato e senza dolore, ma devi anche fare attenzione.

L'unico consenso tra l'istituzione medica su questo sembra essere che "sono necessarie ulteriori ricerche. "

È legale?

Bene, dipende.

L'uso ricreativo della marijuana è ancora un crimine più diffuso negli Stati Uniti, ad eccezione dell'Alaska, del Colorado, dell'Oregon, di Washington e del distretto di Columbia (DC).

Tuttavia, l'uso medico della marijuana sta rapidamente guadagnando consensi. Al momento della stesura, ora è legale in 23 stati e DC.

Il sito Web dell'American Alliance for Medical Cannabis offre una grande panoramica delle leggi specifiche di ogni stato, qui: // www. letfreedomgrow. com / risorse. htm.

Ad esempio, nel mio stato della California, ho appreso che con un permesso medico, è ora legale avere fino a 8 once di marijuana essiccata e 6 piante di marijuana mature o 12 immature in tuo possesso - wow!

E come si ottiene una carta di marijuana medica che consente l'accesso legale alla cannabis medicinale? Apparentemente ci sono tre requisiti fondamentali:

prova di residenza dello stato o territorio in cui è

  1. legale una "condizione medica seria" ammissibile - le definizioni differiscono per stato
  2. (la California ad esempio aderisce agli americani con Disabilities Act del 1990 che richiama qualsiasi condizione cronica "che limita sostanzialmente la capacità di una persona di condurre una o più attività vitali" e specifica in particolare il diabete.Altrove, le condizioni ammissibili includono complicanze del diabete come malattie agli occhi o dolore cronico da neuropatia)

3. autorizzazione da un medico disposto a prescriverti

Tutto quello che posso dire è che, aneddoticamente, qui nella Bay Area di San Francisco, è abbastanza facile trovare un medico disposto a firmare

i documenti e inviarti a un locale dispensario per scegliere la tua varietà preferita di Mary Jane.Ora ci sono anche servizi di consegna in molti stati, dove un camion si ferma davanti a casa tua, proprio come l'uomo della pizza.

Diabete e marijuana: i medici dicono ...

Fielding Questions

Endocrinologo e paziente di tipo 1 lei stessa Shara Bialo in Rhode Island ci dice che come endocrinologo pediatrico, riceve principalmente domande dagli adolescenti che tratta:

Tutti chiedono la stessa cosa: "Ho sentito che la marijuana può essere utile per abbassare lo zucchero nel sangue, è vero?"

Devo trattare attentamente questa domanda, quindi inizio ricordando loro che la marijuana non è legale dove pratico. Ma spiego anche che è stato dimostrato che migliora la resistenza all'insulina, il che significa che è probabilmente più utile nel diabete di tipo 2.

Non ci sono anche studi di questa natura condotti su minori. Poi porto anche gli altri problemi: che diventare alti può causare i "munchies" (e di solito non per alimenti a basso contenuto di carboidrati!) E che lo stato mentale sfocato può portare a calcoli di dosaggio insulino inaccurati o dosi dimenticate del tutto.

Poi concludo con il suggerimento che non ci sono dati sufficienti per dimostrare che la marijuana è più sicura che dannosa, almeno per quanto riguarda il diabete. La maggior parte è d'accordo con questa risposta, se non un po 'delusa;)

Note cautelative

Certified Diabetes Educator (CDE), autore e paziente di tipo 1 Gary Scheiner in Pennsylvania dice di offrire queste parole di cautela ai suoi pazienti:

Le ultime statistiche mostrano che quasi il 30% delle persone con diabete di età compresa tra 16 e 30 anni hanno almeno provato marijuana, quindi è una preoccupazione comune. Sebbene non abbia un forte legame con il cancro rispetto al tabacco, può avere effetti dannosi sulla funzione cognitiva e può influenzare negativamente il controllo del diabete di:

1. Giudizio compromettente (risultante in un dosaggio impreciso di insulina, ad esempio)

2. Aumentare l'appetito e portare ad abbuffate

3. La contaminazione (la marijuana non è regolata) con impurità come il piombo può contribuire alla malattia renale ad esordio precoce

Open Communication

Susan Weiner, denominata Diabetes Educator of the Year nel 2015, che è anche nota per i suoi libri e colonne sul diabete cura, ci dice che la maggior parte degli operatori sanitari evita di discutere di questo argomento, ma in realtà non dovrebbe:

La maggior parte degli operatori sanitari sono "scettici" e "cauti" e probabilmente un po 'nervosi nel raccomandare l'uso di marijuana per le persone con diabete. Sebbene ci siano alcuni studi incoraggianti sui benefici della marijuana che utilizzano i livelli di insulina, la gestione del peso, l'abbassamento della pressione sanguigna (e una serie di altri possibili benefici), la ricerca è in conflitto. Sono necessari studi più adeguatamente condotti e ricerche basate sull'evidenza prima che la cannabis possa essere raccomandata per la maggior parte delle persone con diabete. Dobbiamo anche determinare se condizioni aggiuntive come le malattie cardiache escluderebbero l'uso di marijuana come parte del piano di trattamento del diabete. Oltre a queste preoccupazioni, la determinazione del dosaggio corretto rimane problematica.

Sebbene i nostri fornitori spesso vogliano educare e impartire il maggior numero possibile di conoscenza ai nostri pazienti, è più importante ascoltare ciò che è importante per loro. Susan Weiner, educatrice del diabete AADE 2015 dell'anno

Nel corso degli anni pochissimi miei pazienti hanno parlato dell'uso di marijuana in relazione alla cura del diabete. Tuttavia, molti mi hanno detto che usano la marijuana in modo ricreativo ... Penso che sia assolutamente necessario avere un dialogo molto aperto con i miei pazienti su tutto ciò che riguarda la loro salute e la gestione del diabete.

In realtà sono preoccupato se il mio paziente è a disagio a discutere di questo o di qualsiasi altro argomento con il proprio endocrinologo o il fornitore di cure primarie. Dico sempre ai miei pazienti che sono i leader della propria squadra sanitaria, quindi le loro preoccupazioni e i loro suggerimenti sono fondamentali.

Ignorare l'argomento è un disservizio per il paziente, se è qualcosa che vorrebbero discutere. Per affrontare argomenti delicati (ad esempio: uso di marijuana, disfunzioni sessuali o problemi di alfabetizzazione sanitaria) chiedo domande aperte, utilizzo tecniche di intervista motivazionale e ascolto attivo di ciò che dice il paziente. Sebbene i nostri fornitori spesso vogliano istruire e impartire il maggior numero possibile di conoscenza ai nostri pazienti, è più importante ascoltare ciò che è importante per loro.

Utilizza responsabilmente

Dr. Korey Hood, professore di Pediatria, psichiatria e scienze comportamentali alla Stanford University School of Medicine, spiega:

Mentre faccio parte dell'istituto medico come ricercatore clinico di dottorato e psicologo abilitato, non prescrivo né presta assistenza medica. Ma sono molto coinvolto nella cura multidisciplinare delle persone con diabete e nella ricerca sulla prevenzione e il trattamento. Percepisco l'atteggiamento generale dei fornitori di cure per il diabete sull'uso di marijuana nelle persone con diabete è che non dovrebbero utilizzarlo in modo ricreativo.

Dalla mia esperienza, il gruppo di pazienti che più probabilmente ci chiederà sono adolescenti e giovani adulti. Il mio approccio è di seguire queste linee guida: a) in genere è meglio iniziare a discutere dell'uso di sostanze con i pre-adolescenti (se definiti in base all'età cronologica di circa 12 anni o livello di sviluppo se più maturi rispetto alla maggior parte degli altri undicenni, per esempio) b) è meglio fornire informazioni ed educazione finalizzate alla prevenzione piuttosto che un approccio "basta dire no", che non funziona, e c) riesaminare sempre le linee guida legali a seconda dello stato in cui mi alleno (attualmente in California). Appoggio moltissimo uno sforzo per discutere in anticipo e spesso e fornire informazioni concrete.

Cerco sempre di avere discussioni aperte e oneste sull'uso di marijuana (e altre sostanze, in particolare sull'alcol). Di solito riporto quanto segue, spesso in questo ordine:

1) È importante conoscere le leggi nel proprio stato. La maggior parte degli stati non ha legalizzato l'uso ricreativo mentre un certo numero ha leggi sulla marijuana medica. La depenalizzazione non deve essere confusa con la legalizzazione. Se parlo con giovani di età inferiore a 18 anni, di solito enfatizzo questo punto più di quanto vorrei con gli adulti più grandi.

2) Ma se si prevede di utilizzarlo, è meglio farlo nel modo più responsabile possibile. L'uso "responsabile" significa moderazione e il tentativo di evitare l'uso fino a quando il cervello non è completamente sviluppato (circa 25 anni). Ho sempre menzionato che ci sono studi che dimostrano che anche l'uso ricreativo può avere effetti negativi sull'attività cerebrale e gli stati d'animo. Questi effetti sono peggiori per gli utenti giornalieri. Ci sono anche dati, soprattutto negli studi sugli uomini, per notare gli effetti negativi sulla fertilità. Cerco di rivedere ciò che sappiamo (e non lo sappiamo) in modo tale che ogni utilizzo sia svolto a occhi aperti.

3) Dal punto di vista del diabete, di solito mi concentro sugli effetti indiretti dell'uso di marijuana. Mentre non sono a conoscenza dei dati di laboratorio sugli effetti diretti del THC (il principale ingrediente psicoattivo della cannabis) sui livelli di glucosio nel sangue, mi concentro sugli effetti indiretti di ottenere i "munchies" e di solito non prendo decisioni valide sull'insulina o altri farmaci dopo uso di marijuana. Lo scenario tipico riportato da me è che c'è eccesso di cibo e zuccheri nel sangue finiscono in alto. Occasionalmente c'è un eccesso di bolo, ma sembra essere meno comune.

4) Parlo anche dei modi per ingerire la marijuana e che ci sono più pericoli associati al fumo, contro il mangiare, rispetto all'uso di vaporizzatori. Fumare tabacco / sigarette è una di quelle aree che supplico con le persone con diabete (e anche quelle senza) di non farlo mai. Anche fumare marijuana può avere effetti negativi. Non raccomando un modo per farlo, ma scoraggiare il fumo in qualsiasi forma.

5) Infine, dico sempre che l'uso "responsabile" significa non guidare dopo un uso, avere qualcuno intorno a te che sa di avere il diabete e non è sotto l'influenza, e assicurarsi che qualcuno intorno a te sappia come trattare i minimi estremi o alti se necessario.

Marijuana e diabete: i pazienti parlano

C. W., un uomo di 36 anni in California, condivide:

mi è stato diagnosticato il diabete di tipo 1 nel mio primo anno di college (a 18 anni, 18 anni fa). Ho usato la marijuana in modo ricreativo durante il college e per circa sei anni dopo, durante i quali sono venuto a conoscenza di alcune ricerche sui cannabinoidi e sui loro effetti sulla progressione delle complicazioni da diabete (in particolare retinopatia diabetica.)

Ho smesso di usare la marijuana per un certo numero di anni tra i miei 20 e 30 anni e notai durante quel periodo che il mio controllo del diabete peggiorò notevolmente - più eventi ipoglicemici e iperglicemici, e il mio A1c passò dalla metà degli anni '70 alla metà degli anni '80. Ho anche iniziato a sviluppare i primi segni di nefropatia diabetica.

Solo recentemente (negli ultimi 8 mesi circa) ho ripreso il mio uso di marijuana, questa volta su consiglio di un medico e con una raccomandazione ufficiale.

La mia funzione renale è migliorata, così come il mio controllo sugli zuccheri nel sangue. Attribuisco questo a una serie di fattori, tra cui una riduzione dell'ansia rispetto ai numeri di glucosio nel sangue che hanno portato a correzioni eccessive in entrambe le direzioni, miglioramenti della pressione sanguigna (probabilmente almeno in parte a causa della ridotta ansia) e gli effetti ipotizzati del CBD dalla marijuana riducendo lo stress ossidativo sul mio sistema nervoso e circolatorio.

Il mio A1c è migliorato in modo significativo: il mio ultimo è stato del 7% e supponendo che le letture del mio misuratore / CGM siano accurate, il prossimo dovrebbe essere a metà degli anni '60.

In termini di rischi, la principale preoccupazione espressa dal mio medico è stata una potenziale mancanza di capacità di sentire l'ipoglicemia in arrivo. Non è davvero un problema per me, personalmente, dato che ho una CGM, e mi sforzo di rimanere consapevole degli effetti che potrei fraintendere.

Dovrei anche notare che anche per gli utenti ricreativi, il potenziale per causare l'ipoglicemia è molto meno con la marijuana che con l'alcol, poiché il vaso non ha lo stesso effetto soppressivo sulla gluconeogenesi epatica (elaborazione metabolica del glucosio) che l'alcol fa. Un'altra cosa (non menzionata dal dottore, ma che tengo d'occhio) sono i "munchies" che alcuni ceppi di marijuana possono causare. Non voglio fare l'abbuffata di carboidrati, quindi tengo gli snack a basso o nessun carboidrato in giro in questo caso, anche se i ceppi pesanti di CBD che uso di solito non causano i munchies allo stesso modo di THC - Ceppi pesanti di marijuana.

Sono sicuro che il piatto non è per tutti, poiché quasi nulla è tagliato e asciugato quando si affrontano problemi medici e potenziali effetti collaterali possono essere difficili da prevedere. Alcune persone potrebbero avere altre condizioni che potrebbero controindicare l'uso di marijuana.

Tuttavia, per le persone che vivono in luoghi con un programma di Marijuana medica (o, nel caso di CO e WA, l'uso ricreativo legalizzato per tutti), può valere la pena considerare in aggiunta al loro regime di gestione. Inoltre, dato che un gran numero di PWD soffre anche di altre condizioni autoimmuni di comorbilità per cui la marijuana può essere indicata come trattamento, vale la pena notare che prenderlo per qualcos'altro può come effetto collaterale aiutarli a migliorare il loro D-management.

A. C., una donna di 40 anni con T1D nel Midwest, condivide:

Ho segnato il mio 32 ° dia-versario nel gennaio 2016. Uso solo scatti in questo momento - senza pompa o CGM.

Ho fatto esperimenti con la marijuana al college e l'ho usato come adulto da un punto di vista ricreativo. Non è una parte normale della mia vita, ma mi piace quando sono in un ambiente sicuro e controllato.

Gli effetti sono difficili da descrivere perché ci sono più livelli a seconda del tipo di marijuana usata. La tintura (estratto liquido) è più alta di un corpo (ti rende rilassato) - ma puoi totalmente funzionare. I commestibili hanno lo stesso effetto e il fumo sembra essere più "alto". "

La componente del fumo mi fa elaborare i miei pensieri in modo diverso, dandomi la possibilità di pensare liberamente. Tutti questi fattori dipendono dal mio ambiente (chi sono io, siamo di brainstorming di nuove idee o semplicemente stiamo cercando di rilassarci). Non mi rende particolarmente affamato, ma quando lo fa, mangio snack sani (una manciata di anacardi, hummus e carote o frutta fresca).

Ho notato in più occasioni che il piatto diminuisce il mio zucchero nel sangue - non drammaticamente dove ho avuto un'emergenza, ma solo numeri complessivamente più bassi. In effetti, ho parlato di un episodio particolare con il mio dietista quando sono passato da NPH e Regular a Lantus e Novolog.Anche lui, è successo per essere un T1D e ha detto che ha avuto lo stesso effetto. Ha anche menzionato l'acquisto di alcuni tipi di pentole perché sapeva che aveva quell'effetto su di lui.

La conversazione dietista è stata spontanea; Non ne ho mai parlato apertamente con il mio medico o il CDE perché è illegale nello stato dell'Oklahoma.

Sarei felice di iscrivermi a una sperimentazione clinica sull'uso di marijuana e il diabete dovrebbe esistere. Ma gli esperti mi dicono che il costo dei test di ricerca con farmaci "illeciti" è troppo ripido a causa di tutti i problemi di responsabilità.

Risorse per la marijuana e il diabete:

Elenco nazionale dei dispensari di marijuana medica

"I 5 principali benefici della cannabis per il diabete" di Sensi Seeds

Informazioni su cannabis e diabete, da Diabetes UK

Diabetes & Cannabis Research Panoramica, da NORML

Note finali: sulla marijuana sintetica In primo luogo introdotta all'inizio degli anni 2000, la cannabis sintetica è droghe di marca spruzzate sulle erbe e vendute come "highs naturali" sotto marchi come K2 e Spice. Generalmente sono considerati una cattiva idea per chiunque, inclusi i PWD:

Gli effetti documentati sono più severi della cannabis regolare e possono includere ipertensione, tachicardia, infarto miocardico, agitazione, vomito, allucinazioni, convulsioni, convulsioni e attacchi di panico.
  • Gli studi suggeriscono un'associazione tra cannabinoidi sintetici e disturbi psicotici.
  • Il professor John W. Huffman, che per primo ha sintetizzato molti dei cannabinoidi usati nella cannabis sintetica, ha dichiarato: "Le persone che lo usano sono degli idioti, non sai cosa ti farà." > Disclaimer
  • : Contenuto creato dal team Diabetes Mine. Per maggiori dettagli clicca qui.
Disclaimer Questo contenuto è stato creato per Diabetes Mine, un blog sulla salute dei consumatori incentrato sulla comunità dei diabetici. Il contenuto non è revisionato da un medico e non aderisce alle linee guida editoriali di Healthline. Per ulteriori informazioni sulla partnership di Healthline con Diabetes Mine, fare clic qui.