Cercando di condurre una vita più forte e più sana? Iscriviti alla nostra newsletter Wellness Wire per tutti i tipi di nutrizione, fitness e benessere.

Cercando di condurre una vita più forte e più sana?  Iscriviti alla nostra newsletter  Wellness Wire  per tutti i tipi di nutrizione, fitness e benessere.
Casey Johnson: La paura in tutti noi

Che cosa ti è passato per la mente quando hai sentito parlare del morte improvvisa dell'ereditiera Johnson & Johnson Casey Johnson qualche giorno fa? Non riesco ad immaginare un diabetico di tipo 1 là fuori che non stia fremendo nei loro panni. Aveva solo 30 anni, per carità, e nonostante le droghe e l'alcool, sarebbe probabilmente viva oggi se il suo diabete non avesse avuto un ruolo.

Ci sono state un sacco di speculazioni da quando Casey, un importante socialite e amico di Paris Hilton, è stato trovato morto nella sua casa di Los Angeles di "cause sconosciute". Il coroner di Los Angeles ha confermato che non ci sono segni di gioco scorretto, e sembra abbastanza chiaro che la droga e l'alcol, mescolati a diabete mal controllato, hanno creato un "cocktail tossico" killer in questo caso.

Per me, questo scenario peggiore fa emergere la "paura delle paure" in tutti noi diabetici di tipo 1: che un giorno potremmo finire a letto morto ...

Molti di noi abbiamo avuto i nostri anni di festa al college, notti in cui abbiamo lasciato che l'alcol avesse la precedenza, sperimentato sostanze discutibili, non controllato i nostri zuccheri e generalmente non erano "buoni diabetici". Rabbrividisco a pensare a come avrebbe potuto finire, in queste occasioni.

Con Casey Johnson, la calamità si fa molto più profonda. Estratta dalla sua famiglia, "trascorse gli ultimi mesi della sua vita in una foschia di droga suicida e viveva nello squallore fino alla sua morte, dal momento che la sua famiglia l'aveva esclusa", secondo Cityfile New York.

Si potrebbe obiettare che il diabete era irrilevante, che lei era solo un altro bambino troppo privilegiato e diventato infelice, come molti prima di lei. Ma io sono una di quelle persone a cui piace credere che crescere con il diabete di tipo 1 ti cambia, ti rende più forte, ti dà un senso più profondo del valore della vita ... E questo frantuma tutti questi preconcetti.

Oppure, è sfortunata, ha una malattia che non le ha permesso di superare i "ruvidi anni" ...

In entrambi i casi, è una tragedia - specialmente pungente per una famiglia già così tormentata dalla tragedia e così apertamente devota alla causa. I Johnson hanno donato milioni a cause di ricerca e salute nel corso degli anni, e il padre di Casey, omonimo del Robert Wood Johnson che fondò JNJ, attualmente ricopre il ruolo di presidente della JDRF. Ho scoperto anche questa settimana che Casey stessa ha scritto un libro insieme ai suoi genitori nel 1994, intitolato "Gestire il diabete del bambino".

Questo dimostra che avere tutto è lontano da tutto.

Qui c'era una persona che aveva tutto ciò che quel denaro poteva comprare, e poi alcuni, e una potente famiglia dedita a trovare una cura per la sua malattia. Ma niente di tutto questo è stato sufficiente, alla fine.

Per la prossima domenica a New York è in programma un funerale e la sua famiglia chiede che vengano fatte donazioni commemorative alla JDRF.

Possiamo solo sperare che il blitz mediatico internazionale che circonda questa morte elevi il profilo del diabete da una "condizione di bassa priorità" a una forza da non sottovalutare.

Disclaimer : Contenuto creato dal team Diabetes Mine. Per maggiori dettagli clicca qui.

Disclaimer

Questo contenuto è stato creato per Diabetes Mine, un blog sulla salute dei consumatori incentrato sulla comunità dei diabetici. Il contenuto non è revisionato da un medico e non aderisce alle linee guida editoriali di Healthline. Per ulteriori informazioni sulla partnership di Healthline con Diabetes Mine, fare clic qui.