Cercando di condurre una vita più forte e più sana? Iscriviti alla nostra newsletter Wellness Wire per tutti i tipi di nutrizione, fitness e benessere.

Cercando di condurre una vita più forte e più sana?  Iscriviti alla nostra newsletter  Wellness Wire  per tutti i tipi di nutrizione, fitness e benessere.
Ispirato al Diabetes Contest: Yamin e la Final Four

Immagino che si possa dire che siamo fortunati avere il diabete in un'epoca in cui le persone vengono premiate per aver raggiunto il livello superiore e oltre la norma mentre vivono con questa malattia. Anni fa, chi ha mai scelto le persone per essere ispirato da una malattia cronica? Al giorno d'oggi, il Centro Joslin onorava la gente per la longevità con il diabete, Animas Corp. e dLife mostra eroi diabetici, Bayer con il loro concorso Dream Fund, e lo scorso anno, forse il più commovente di tutti, il nuovo Ispirato da Concorso sul diabete organizzato da Eli Lilly e International Diabetes Federation (IDF).

Il motivo per cui trovo questo movimento è che è una espressione creativa competizione che incoraggia chiunque

toccato dal diabete (non solo i pazienti) a condividere le proprie storie attraverso opere scritte - saggi, poesie, arte o fotografia. Scommetto che l'organizzazione non aveva idea di cosa aspettarsi quando le voci hanno iniziato a piovere lo scorso inverno. Alla fine di marzo, hanno ricevuto 800 inviti da tutto il mondo, tra cui foto, saggi, poesie, dipinti e due composizioni musicali. "Alcuni di loro hanno appena fatto saltare il cuore", mi ha detto una settimana fa la portavoce del concorso.

Altrettanto stimolante è il fatto che, in concomitanza con questo concorso, Eli Lilly & Co. ha fatto una donazione di $ 50.000 ad ADA per borse di studio per bambini a basso reddito per frequentare i campi per il diabete ADA. Per ogni ingresso nel contesto globale, Lilly sta donando denaro al programma Life for a Child di IDF, che fornisce risorse per il diabete salvavita a più di 1 000 bambini in 17 paesi in via di sviluppo.

Naturalmente mi rendo conto che il concorso incarna una grande campagna di pubbliche relazioni per Eli Lilly, con Elliott Yamin (che ha il diabete di tipo 1) che agisce come Global Ambassador del programma. Ho avuto modo di intervistarlo di persona alla Conferenza ADA la scorsa settimana insieme a due dei quattro vincitori del primo premio. Da dove mi siedo, nonostante l'evidente auto-promozione, è ancora una cosa meravigliosa che l'azienda ha fatto qui, mettendo insieme un programma mondiale per richiamare l'attenzione sulla vita con il diabete (il bene e il male) e coloro che hanno bisogno di aiuto con esso più.

Quattro giudici dell'American Diabetes Association - tra cui una madre e una figlia - hanno esaminato tutte le voci degli ultimi mesi e li hanno valutati secondo quattro criteri: pertinenza, originalità, creatività e narrativa. I quattro vincitori del "gran premio" sono stati ufficialmente indifferenti presso lo stand Eli Lilly alla Conferenza ADA di domenica scorsa.

Il giorno prima, sabato, ho avuto il privilegio di incontrare due dei vincitori, insieme con l'ambasciatore di buona volontà

Elliott (e-Train) Yamin stesso in un briefing personale presso l'hotel Prescott Boutique vicino alla squattrinata Union Square di San Francisco .

Siamo stati introdotti in una piccola e piuttosto modesta suite con un entourage di accompagnatori di PR. Aspettammo in silenzio imbarazzante finché non arrivò uno stupido colpo a tre colpi alla porta. Quando si spalancò, il cappellino da baseball che Yamin indossava quel giorno e il sogghigno sbilenco ruppe immediatamente il ghiaccio. È più piccolo e più compatto di quanto avrei immaginato, ma anche più atletico, e beh ... solo un ragazzo normale. Se non lo sapessi, non immagineresti mai di poter cantare così!

Ci ha raccontato di come stava vendendo magliette blu-circle ai suoi concerti, e di come alcuni fan lanciassero sul palco le loro pompe per l'insulina ei glucometri. "Probabilmente non è stata una buona idea," rise, un raspy risatina. Ascoltò attentamente e annuì in tutti i posti giusti mentre parlavamo con i vincitori.

E quei vincitori sono, per categoria ...

Bambino con diabete - Erin Tetreault, Idaho

Un dolce, creativo diciassettenne con diagnosi di diabete all'età di 9 anni. È piuttosto una artista, che lavora con una varietà di materiali e generi. Quando ha sentito parlare del concorso nel suo principale campo estivo per il diabete, Hodia (per Idaho e diabete mashed insieme e all'indietro, o qualcosa del genere), è stata ispirata a esprimere ciò che è come vivere con il diabete nella pittura a olio qui sotto, che lei chiama "Autoaccettazione".

"Quattro anni fa sarei stato troppo impacciato per dipingere il mio stomaco nudo con la mia pompa esposta con orgoglio", ha scritto la narrazione che ha presentato con la foto. Ma a causa del campo per il diabete, "ho imparato ad essere me stesso e non mi preoccupo se sono diverso o non accettato".

Seduta sul divano del Prescott, non sorrise a nessuno in particolare e disse: "La gente il diabete ha bisogno di molto più aiuto emotivo - non solo con il lato fisico di esso. Hanno bisogno di sentirsi come se non fossero soli ". Guardando su, la mamma di Erin era in lacrime. Inutile dire che ero un disastro.

Professionista sanitario - Theresa Garnero, California

Theresa è un'infermiera e educatrice del diabete - Educatore nazionale dell'anno 2004-2005 per il diabete - che lavora al California Pacific Medical Center qui a San Francisco. Disegna vignette sul diabete per varie pubblicazioni mediche tra cui Diabetes Health e sembra avere circa un milione di idee divertenti su come far sentire meglio le persone e ad essere più attive con il loro diabete. Non posso credere di non averla mai incontrata prima.

Seduto accanto a me sul divano, ho incontrato il mio incontro in termini di umorismo secco e commenti accattivanti. Abbiamo scoperto che Theresa ha un passato come pattinatrice competitiva. Wow. Ora lei è un "drogato di diabete" autodefinito che è sempre alla ricerca di modi per rendere il diabete più appetibile. "La mia missione nella vita è cercare di iniettare un po 'di umorismo in questa cosa", ha detto. Notai che Yamin stava sorridendo da un orecchio all'altro.

Theresa ha vinto questo concorso per il suo progetto di un gioco per bambini giocoso, "Pin the Pancreas on the Piggy" (porcellino come nella prima fonte di insulina per le persone con diabete).I miei figli per fortuna non hanno la Big D, ma ho dovuto combatterli con il gioco piggy per avere una buona occhiata a me stesso.

Il giorno successivo nello stand Lilly ho avuto uno scambio rapido con i restanti due vincitori:

Un membro della famiglia o un amico - Teresa Ollila, Colorado

So che molti di voi hanno visto il lavoro fotografico di Theresa . È una madre di due figli che è stata ispirata dalla diagnosi del diabete di suo figlio all'età di 3 anni. Fotografa professionista, ha deciso di perseguire "immagini reali - non quelle immagini lisce, sorridenti e felici che vedi in tutte le pubblicità", mi ha detto. La sua collezione di fotografie vincente è giustamente intitolata "Vivere con il diabete". Preparati a sederti quando lo vedi.

Adulti con diabete - Betsy Ray, Colorado

Betsy sembra proprio una di quelle persone che mangiano la vita. Ho letteralmente avuto solo circa 3 minuti con lei, ma la sua energia e il suo focus brillano. Ha avuto il diabete per 43 anni (!), E ora sta lavorando a un master in psicologia "per servire come risorsa per i bambini con diabete di nuova diagnosi". Dice che tutta la sua famiglia è stata colpita dal diabete e spiega il suo innato desiderio di aiutare gli altri nel suo saggio vincente intitolato "Il viaggio".

"Il diabete ha accresciuto il mio spirito in un modo che nessuna vita normale potrebbe mai ... È così ben oltre quello che mi è stato detto che la mia vita sarebbe stata che posso solo rispondere alle persone che incontro dicendo loro: "Tutto è possibile, tu sei in viaggio, come la definisci dipende da te", scrisse nel suo poema commovente . Prendi una lettura:

Poesia1 - Carica un documento su Scribd Leggi questo documento su Scribd: Poema1

Queste persone sono davvero ispiratrici. Nessun argomento lì. Ho sentito le loro storie di lotta con il diabete e mi sentivo felice di considerarli come i miei parenti diabetici.

E fu Yamin a mettere tutto in prospettiva: "Vorrei solo che più persone aumentassero e facessero di più. Dobbiamo allontanarci da questi malintesi sul diabete ... Fare questa competizione è bello perché dà ad altre persone un modo per identificare il diabete con una faccia, con una persona reale che possono ammirare. "

* * *

A proposito di gare d'ispirazione, i vincitori della DiabetesMine Design Challenge saranno annunciati questo venerdì, 20 giugno. Essere lì

Disclaimer : Contenuto creato dal team Diabetes Mine. Per maggiori dettagli clicca qui.

responsabilità

Questo contenuto è stato creato per Diabetes Mine, un blog sulla salute dei consumatori incentrato sulla comunità dei diabetici. Il contenuto non è revisionato da un medico e non aderisce alle linee guida editoriali di Healthline. Per ulteriori informazioni sulla partnership di Healthline con Diabetes Mine, fare clic qui.