A 13 anni con cancro ovarico, i suoi medici e un magico Harry Potter Bond

A 13 anni con cancro ovarico, i suoi medici e un magico Harry Potter Bond
I miei medici mi hanno ispirato ad aiutare altri bambini con cancro

Nel 2015, il giorno prima del Ringraziamento, al tredicenne Alexis è stato detto che aveva una massa nell'addome.

Giorni dopo, dopo una biopsia, lei e la sua famiglia vennero informati che si trattava di una forma rara di cancro ovarico chiamato disgerminoma ovarico.

Nei successivi cinque mesi, Alexis ha subito quattro estenuanti cicli di chemioterapia a St. Joseph's, mettendo il suo corpo e il suo spirito attraverso la suoneria. Ha perso i suoi capelli, ed è stata a un certo punto ricoverata in ospedale con la febbre alta. "Ha attraversato lunghi periodi in cui non poteva mangiare nulla", ricorda la madre, Becky. "Doveva ricevere nutrizione attraverso il suo porto a un certo punto perché aveva perso così tanto peso. “

Gran parte di ciò che ha aiutato Alexis e la sua famiglia a superarlo è stata la squadra dedicata di infermieri, medici e specialisti dell'Ospedale St. Joseph che ha lavorato instancabilmente per combattere il cancro - in particolare, lei team di oncologia, Dr. Mark Mogul e Dr. Samantha Schaefer.

Durante il trattamento, Alexis ha stretto legami speciali con loro. “Dr. Mogol, fin dall'inizio, ha aiutato la mia famiglia a capire cosa stava succedendo, ma si è anche rivelato come una persona da usare ", dice. "Ha raggiunto attraverso le lacune e tirato fuori me e la mia personalità anche quando nessun altro poteva. “

Quando paziente e medico si sono conosciuti, hanno scoperto che condividevano un amore comune per un certo mago letterario. "Io e lui condividiamo un legame di" Harry Potter "e potrei contare su di lui per parlarmi di questo e di altre cose oltre alla mia diagnosi e al mio trattamento. Si prende il tempo di ascoltare e di passare il tempo con i suoi pazienti che non molti altri medici in generale possono o hanno bisogno di tempo. Penso che, oltre alla sua esperienza medica, il suo trattamento riguardi tutta la persona: corpo, mente e spirito. “

Dr. Schaefer era l'altra metà del dream team oncologico. “Dr. Sam farà qualsiasi cosa per un sorriso ", ricorda affettuosamente Alexis. "Crea delle battute, fa delle danze divertenti - è una dottoressa molto spensierata, e vuole davvero vedere i suoi pazienti sorridere. Molte volte, all'inizio, non sorridevo molto perché i trattamenti mi facevano sentire molto male. Il dottor Sam non ha smesso di provare fino a quando non ha ottenuto il più piccolo sorriso. Nel corso del tempo, ci siamo anche legati a 'Harry Potter. "Il bisogno del dottor Sam di far sorridere le persone automaticamente mi fa sorridere ora. "

Fu anche durante questo periodo che la madre di Alexis, Becky, decise di contattare Make-A-Wish, la non-profit che concede desideri ai bambini che vivono con gravi malattie. Il gruppo voleva fare qualcosa di speciale per Alexis, ma prima doveva passare la chemio.

"Il desiderio era una tale benedizione, perché c'erano stati momenti durante le settimane di chemio in degenza, quando gli effetti del trattamento si sono accumulati, che era inconsolabile", dice Becky."In quei momenti più bui, l'unica cosa su cui potevo fare affidamento è stata per ricordarle che, anche se in quel momento era terribile, aveva questa incredibile opportunità di guardare avanti. A volte tutto ciò che poteva fare era sorridere un piccolo sorriso e riaddormentarsi a pensarci. "

Tra un round e l'altro, quando si sentiva meglio, Alexis passava innumerevoli ore alla ricerca di luoghi o cose diverse che avrebbe voluto fare. Pensò alla cura salvavita che i medici Mogul e Schaefer le avevano dato e sapeva che un giorno avrebbe voluto fare lo stesso. "Se altre persone devono passare attraverso quello che ho passato, voglio essere in grado di aiutarle dal punto di vista medico, ma anche di stupire su quei bambini gli stessi ottimisti generali e spiriti positivi che sono stati condivisi con me", spiega.

Così Alexis ha chiesto a Make-A-Wish un viaggio all'Università di Oxford dove sperava di seguire un corso di Introduzione alla Medicina. "Ho sempre desiderato viaggiare e l'Inghilterra era nella lista. L'idea di studiare medicina e di essere in una famosa e prestigiosa università è stata molto eccitante. Ero anche molto interessato a vedere Londra. Come ho notato, mi piace molto "Harry Potter", quindi tutte queste cose relative erano di grande interesse per me. "

L'estate seguente, grazie a una donazione di Bristol-Myers Squibb, lei e sua madre salirono su un aereo per l'Inghilterra. Nelle due settimane successive, Alexis visse nel campus di Oxford, frequentò corsi e, naturalmente, trovò il tempo per fare un sacco di visite turistiche. Alla domanda sul suo ricordo più bello del viaggio, la sua risposta è immediata: "La mia cosa preferita è stata la commedia" Harry Potter e l'Maledetto "perché sono un'appassionata fan di" Harry Potter "e avevo letto in precedenza tutti i libri, includendo la sceneggiatura per il gioco, quindi ero molto felice di vedere la sceneggiatura prendere vita. "

Ma è grazie alla magia della vita reale della sua equipe medica - e al suo forte spirito - che Alexis ora ha 17 mesi di recupero, dopo aver subito un intervento chirurgico e altri due cicli di chemio. "Le sue scansioni continuano a tornare pulite, e lodiamo Dio per aver dato ai suoi medici che sapevano cosa fare e quando farlo", dice sua madre. "È una sopravvissuta, una principessa guerriera, anche se non ha scelto questa come sua battaglia. "


Kareem Yasin è uno scrittore ed editore di Healthline. Al di fuori della salute e del benessere, è attivo nelle conversazioni sull'inclusività nei media tradizionali, nella sua terra natale di Cipro e nelle Spice Girls. Raggiungilo su Twitter o Instagram .