Cercando di condurre una vita più forte e più sana? Iscriviti alla nostra newsletter Wellness Wire per tutti i tipi di nutrizione, fitness e benessere.

Cercando di condurre una vita più forte e più sana?

Cercando di condurre una vita più forte e più sana?  Iscriviti alla nostra newsletter Wellness Wire  per tutti i tipi di nutrizione, fitness e benessere.
Ciò che l'ADA ha imparato dal Summit sui social media per il diabete

Come probabilmente avrai letto ormai, Roche Diabetes è stata abbastanza coraggiosa da ospitare un "Social Media Summit" per il secondo anno consecutivo la scorsa settimana, invitando un gruppo di blogger diabetici e sostenitori online a comunicare e interagire. Sì, questo era un viaggio a pagamento per tutte le spese a Orlando, FL, per coloro che frequentavano, ma non per niente un discorso di marketing. Infatti, mi ha fatto molto piacere che rappresentanti dell'American Diabetes Association (ADA) e dell'American Association of Diabetes Educators (AADE) abbiano accettato di partecipare per "affrontare" il nostro gruppo.

Onestamente, mi sentivo come se stessimo facendo la storia qui: un gruppo di blogger ePatient per la prima volta di fronte a un'organizzazione di difesa nazionale enorme, potente e monolitica che li presumibilmente li rappresenta - con un sacco di round dove le campagne di cura del diabete e di sensibilizzazione stanno andando in questo paese , e ciò in cui crediamo che l'ADA stia sbagliando.

Vicepresidente senior delle comunicazioni di marketing di ADA Lois Witkop è stato tra le sei persone che hanno partecipato a questa discussione cardine. Le ho chiesto di scrivere un post sui suoi "takeaway" dall'evento. Si prega di leggere:

Un guest post di Lois Witkop, American Diabetes Association

Poco più di una settimana fa a Orlando, un certo numero di miei colleghi e io rappresentammo l'American Diabetes Association in una conversazione molto attesa con il diabete e- comunità (o D-OC) al Summit dei social media di Roche. Erano solo 75 minuti, ma per noi era abbastanza significativo e prezioso. Quando siamo stati invitati da Roche a partecipare (grazie a Lisa Huse e al suo team per l'opportunità) non è stato perso su nessuno di noi quanto questa opportunità fosse unica.

Avevamo due obiettivi in ​​vista del vertice: uno era quello di avvicinare le persone che rappresentavano le varie dimensioni dell'Associazione e di mettere un volto sull'organizzazione che la e-community poteva collegare con e si riferiscono a. Amy Johnson, la nostra National Youth Advocate, e Dwight Holing, un membro del nostro Consiglio di amministrazione nazionale e il nostro Segretario / Tesoriere eletti, hanno rappresentato il nostro collegio elettorale volontario. In qualità di rappresentanti dello staff, sono stato raggiunto dal Dr. David Kendall, Chief Scientific and Medical Officer, e da Dayle Kern e Christine Feheley del nostro team di comunicazione.

Il nostro secondo obiettivo era semplicemente ascoltare. Speravamo che il feedback sarebbe stato costruttivo, e per la maggior parte lo era. Non inaspettatamente ci sono state alcune critiche puntate e anche alcune lamentele personali. Sappiamo che la reputazione di qualsiasi organizzazione - il nostro marchio - è costituita da un'interazione alla volta e abbiamo sentito chiaramente che molte persone nella stanza hanno avuto esperienze con l'Associazione che non sono state positive.E mentre potremmo non aver risposto a ogni singolo commento, stavamo sicuramente ascoltando, e useremo il feedback per aiutarci a migliorare in quello che facciamo - servire le persone con e affette da diabete.

Il sentimento principale che abbiamo tolto dal Summit è che l'American Diabetes Association è percepita come disconnessa dal nostro gruppo di pazienti. È una cosa difficile da ascoltare, e mentre potrei riempire pagine con tutte le cose che facciamo per e per conto delle persone con diabete, la percezione

esiste per una ragione. In alcuni casi non stiamo facendo abbastanza, e in altri, semplicemente non stiamo promuovendo ciò che facciamo. In entrambi i casi dobbiamo fare meglio e lo sappiamo.

Spero che partecipando - ascoltando - siamo stati in grado di dimostrare che ci stiamo evolvendo come organizzazione. Non saremo mai perfetti ma, guidati dalla passione e dall'impegno dei nostri volontari, saremo diligenti nei nostri sforzi a favore delle persone che serviamo. Per continuare a fare meglio per e dalla comunità diabetologica, dipenderemo dal feedback e dal supporto continui dei nostri elettori, sia consumatori che professionisti. Spero davvero che il nostro periodo a Orlando sia solo l'inizio di un dialogo e di una collaborazione che possano contribuire a rafforzare tutti i nostri sforzi collettivi, migliorare la vita e raggiungere il nostro obiettivo finale: fermare il diabete.

- Lois Witkop,

American Diabetes Association

****

Personalmente sono stato piuttosto critico nei confronti di ADA negli anni successivi alla mia diagnosi. Ritengo che l'organizzazione sia molto "burocratica" e, in particolare, MOLTO disconnesso dagli adulti con diabete di tipo 1. Ma devo dire che questa conversazione aperta al vertice mi fa sperare che l'ADA possa / potrebbe / sarà "collegato" più strettamente alla prospettiva di noi PWD "sulla strada" nel prossimo futuro. Grazie, Lois!

Disclaimer : Contenuto creato dal team Diabetes Mine. Per maggiori dettagli clicca qui.

Disclaimer

Questo contenuto è stato creato per Diabetes Mine, un blog sulla salute dei consumatori incentrato sulla comunità dei diabetici. Il contenuto non è revisionato da un medico e non aderisce alle linee guida editoriali di Healthline. Per ulteriori informazioni sulla partnership di Healthline con Diabetes Mine, fare clic qui.