Comprendere Crohn: la remissione e ciclo Relapse

Comprendere Crohn.

Comprendere Crohn: la remissione e ciclo Relapse
Comprendere Crohn: la remissione e ciclo Relapse

Panoramica

La malattia di Crohn è un disturbo che provoca irritazione e gonfiore nel rivestimento del tubo digerente. È una malattia cronica, quindi molte persone avvertiranno i sintomi durante la loro vita.

Continua a leggere per saperne di più sulla malattia, compreso il ciclo di remissione e recidiva.

Remissione e recidiva

L'infiammazione dalla malattia di Crohn può avvenire ovunque lungo il tratto digestivo. Più comunemente colpisce la fine dell'intestino tenue (l'ileo) e l'inizio dell'intestino crasso o del colon.

Anche con il trattamento, le persone con malattia di Crohn probabilmente sperimenteranno riacutizzazioni o periodi di tempo in cui i sintomi della malattia sono molto attivi.

Le riacutizzazioni dei sintomi possono durare da settimane a mesi. Durante questo periodo, i sintomi possono variare da lievi crampi e diarrea a sintomi più gravi come forti dolori addominali o blocchi intestinali.

Durante i periodi di remissione, non si notano sintomi della malattia. Il rivestimento del tratto digerente guarisce e può non mostrare segni di infiammazione.

I periodi di remissione possono durare da alcuni giorni ad anni. L'obiettivo principale del trattamento della malattia di Crohn è quello di raggiungere e mantenere la remissione.

Trattamento della malattia di Crohn

Esistono due tipi principali di trattamento per la malattia di Crohn: farmaci e chirurgia.

La maggior parte dei farmaci contro la malattia di Crohn ha lo scopo di aiutare a ridurre l'infiammazione nel tratto gastrointestinale. Alcuni farmaci sono usati per trattare le riacutizzazioni, mentre altri aiutano a mantenere la remissione di Crohn una volta che i sintomi sono scomparsi.

La chirurgia è un'opzione, ma di solito viene salvata per malattie difficili da trattare. La chirurgia può essere utilizzata per aprire una parte dell'intestino che si è ostruita. Può anche essere usato per rimuovere una parte danneggiata dell'intestino.

La chirurgia non cura il Crohn, ma può aiutare a ottenere la remissione.

Trigger flare

Non è sempre possibile sapere cosa causa un flare. I chiarori si verificano anche mentre stai prendendo i farmaci come prescritto.

Potresti sperimentare gli stessi tipi di problemi digestivi che hai avuto quando ti è stata diagnosticata la malattia o potresti riscontrare nuovi sintomi.

Esistono alcuni trigger noti per le fiammate. Includono:

  • Stress: situazioni stressanti o forti emozioni possono portare a riacutizzazioni. È impossibile eliminare tutti gli eventi stressanti nella vita, ma puoi cambiare il modo in cui il tuo corpo reagisce a situazioni stressanti.
  • Farmaci persi: molte persone affette dal morbo di Crohn assumono farmaci ogni giorno, anche durante i periodi di remissione. Non è raro perdere alcune dosi di farmaci, ma lunghi periodi di non assunzione di farmaci prescritti possono portare a riacutizzazioni.
  • Uso di farmaci anti-infiammatori non steroidei (FANS): alcuni farmaci comunemente usati, tra cui aspirina, naproxene (Aleve) e ibuprofene (Motrin, Advil), sono possibili fattori scatenanti per i brillamenti.
  • Uso di antibiotici: l'uso di antibiotici può portare a cambiamenti nei batteri che normalmente vivono nell'intestino. Questo può portare a infiammazioni e riacutizzazioni dei sintomi in alcune persone con Crohn.
  • Fumo: le persone che fumano tendono ad avere più razzi rispetto ai non fumatori.
  • Alcuni alimenti: alcune persone hanno inneschi di flare legati all'alimentazione. Nessun tipo di cibo aggrava i sintomi in tutte le persone con Crohn. Tenere un diario alimentare per identificare eventuali fattori scatenanti può aiutarti a capire meglio in che modo la tua dieta si rapporta ai tuoi sintomi.

Il Crohn è una malattia imprevedibile e non è la stessa per tutti. Il ciclo di ricadute e remissioni varierà a seconda dei sintomi e dei fattori scatenanti ambientali.