Può Neurofeedback aiutare a curare l'ADHD?

Può Neurofeedback aiutare a curare l'ADHD?
Può Neurofeedback aiuta a curare l'ADHD?

Neurofeedback e ADHD

Disordine da deficit di attenzione e iperattività (ADHD) è un disturbo comportamentale dell'infanzia comune Secondo il Centers for Disease Control and Prevention (CDC), l'11% dei bambini negli Stati Uniti è stato diagnosticato con ADHD.

Una diagnosi di ADHD può essere difficile da gestire. un disturbo complesso che può influire su molti aspetti della vita quotidiana e del comportamento del tuo bambino.Prima del trattamento è importante.

Scopri come il neurofeedback potrebbe aiutare tuo figlio a far fronte alle sue condizioni.

Farmaci Terapie tradizionali per l'ADHD

Il bambino può imparare ad affrontare l'ADHD adottando semplici cambiamenti comportamentali che rendono la vita più facile.Le modifiche al loro ambiente quotidiano possono aiutare a ridurre il loro livello di stimolazione e alleviare i sintomi correlati all'ADHD. In alcuni casi, il bambino potrebbe aver bisogno di un trattamento più forte e più mirato. Il loro medico potrebbe prescrivere farmaci stimolanti. Ad esempio, potrebbero prescrivere la dextroamphetamine (Adderall), il metilfenidato (Ritalin) o altri farmaci per trattare i sintomi del bambino. Questi farmaci in realtà aiutano i bambini a focalizzare la loro attenzione.

I farmaci stimolanti sono dotati di una serie di effetti collaterali. È importante parlare con il medico di questi potenziali effetti collaterali se stai pensando di curare l'ADHD di tuo figlio con i farmaci. Gli effetti indesiderati comuni includono:

diminuzione dell'appetito

  • visualizzazione di crescita stentata o ritardata
  • con difficoltà a guadagnare e mantenere il peso
  • con problemi di sonno
In casi molto rari, il bambino può anche sviluppare un battito cardiaco anormale come effetto collaterale dei farmaci stimolanti. Il loro medico può aiutarti a soppesare i potenziali benefici e rischi dell'uso di farmaci per curare la loro condizione. In alcuni casi, possono raccomandare strategie di trattamento alternative, in aggiunta o al posto di farmaci. Ad esempio, potrebbero consigliare un allenamento neurofeedback.

NeurofeedbackNeurofeedback training per ADHD

Il training neurofeedback è anche chiamato biofeedback elettroencefalogramma (EEG). Il neurofeedback può aiutare il bambino a imparare come regolare la propria attività cerebrale, che li aiuterà a concentrarsi meglio a scuola o al lavoro.

Nella maggior parte delle persone, concentrarsi su un compito aiuta ad accelerare l'attività cerebrale. Questo rende il tuo cervello più efficiente. È vero il contrario per i bambini con ADHD. Se tuo figlio ha questa condizione, l'atto di concentrazione può renderli vulnerabili alla distrazione e meno efficienti. Ecco perché semplicemente dire loro di prestare attenzione non è la soluzione più efficace. L'allenamento con neurofeedback può aiutare il bambino a imparare a rendere il cervello più attento quando è necessario.

Durante una sessione di neurofeedback, il medico o il terapeuta del tuo bambino apporteranno dei sensori alla testa.Collegheranno questi sensori a un monitor e permetteranno al bambino di vedere i propri schemi delle onde cerebrali. Quindi il loro medico o terapeuta istruirà il bambino a concentrarsi su determinati compiti. Se tuo figlio può vedere come funziona il suo cervello quando si concentra su compiti particolari, potrebbe essere in grado di imparare a controllare la loro attività cerebrale.

In teoria, tuo figlio può usare i sensori di biofeedback e monitorare come guida per aiutarli a imparare a mantenere attivo il loro cervello mentre si concentra o svolge determinati compiti. Durante una sessione di terapia, possono provare una varietà di strategie per mantenere la concentrazione e vedere come influenza la loro attività cerebrale. Ciò potrebbe aiutarli a sviluppare strategie di successo da utilizzare quando non sono più collegate ai sensori.

EvidenceNeurofeedback non è ancora ampiamente accettato

Secondo una revisione della ricerca pubblicata sulla rivista Clinical EGG e Neuroscience, alcuni studi hanno collegato il neurofeedback al miglioramento del controllo degli impulsi e dell'attenzione tra le persone con ADHD. Ma non è ancora accettato come trattamento autonomo. Il medico di tuo figlio potrebbe consigliare neurofeedback come trattamento complementare da utilizzare insieme a farmaci o altri interventi.

La takeawayUna taglia non si adatta a tutti

Ogni bambino è unico. Così è il loro viaggio con ADHD. Ciò che funziona per un bambino potrebbe non funzionare per un altro. Ecco perché dovresti lavorare con il medico di tuo figlio per sviluppare un piano di trattamento efficace. Quel piano potrebbe comportare un allenamento neurofeedback.

Per ora, chiedi al medico del tuo bambino un addestramento neurofeedback. Possono aiutarti a capire come funziona e se tuo figlio è o meno un buon candidato.