Cercando di condurre una vita più forte e più sana? Iscriviti alla nostra newsletter Wellness Wire per tutti i tipi di nutrizione, fitness e benessere.

Cercando di condurre una vita più forte e più sana?

Cercando di condurre una vita più forte e più sana?  Iscriviti alla nostra newsletter Wellness Wire  per tutti i tipi di nutrizione, fitness e benessere.
Science 37 porta le sperimentazioni cliniche ai pazienti | DiabetesMine

Oggi siamo entusiasti di consegnare il microfono "Mine" ad Amanda Sheldon, che per quasi un decennio è stato responsabile marketing e comunicazione presso il Diabete di Medtronic e ha lavorato a stretto contatto con la nostra D-Community durante questo tempo.

In ottobre, Amanda è entrata a far parte della startup 37 di LA, con lo scopo di colmare il divario tra la comunità dei pazienti e i ricercatori delle sperimentazioni cliniche attraverso la tecnologia mobile, invece di avere questi studi legati ad una postazione fissa come sono stati tradizionalmente impostati . Questa startup di due anni è stata recentemente nelle notizie per aver incassato 38 milioni di dollari in finanziamenti di capitale di rischio, ed è interessante pensare a questo cambiamento nel portare le sperimentazioni cliniche dove sono i pazienti, invece del contrario.

Siamo rimasti entusiasti di sapere quanto le nostre voci collettive abbiano avuto un ruolo nel passaggio di Amanda a questo outfit innovativo e paziente.

Senza ulteriori indugi, ecco Amanda ...

Un guest post di Amanda Sheldon

Sono così felice di avere l'opportunità di chiedere alla comunità diabetica quali sono le vostre prospettive su come cambiare il processo di sperimentazione clinica.

Quando ho contattato Mike e Amy qui al 'Mine qualche settimana fa per parlare del mio nuovo ruolo in Science 37, ho conosciuto una delle prime cose Volevo fare il loro feedback e approfondimenti su ciò che Science 37 - e l'industria - potrebbero fare meglio per i partecipanti allo studio. Mike ha immediatamente risposto con: "Perché non chiedere semplicemente all'intera comunità? “

"Certo! "Pensavo" E 'un gioco da ragazzi. “

Per quelli di voi che non mi conoscono, ho trascorso gli ultimi sette anni alla Medtronic come specialista degli affari pubblici. Questo ruolo è il luogo in cui ho creato molti sforzi per il coinvolgimento dei pazienti, iniziando con la prima incursione di Medtronic nelle comunicazioni sociali, The Loop blog, nel 2011. Da lì, ho creato community sociali su Facebook e Twitter, fondato e gestito il Diabete Promuovere forum e collaborare con più difensori dei pazienti e gruppi di difesa.

La Diabetes Online Community (DOC) era ovviamente una parte fondamentale di questo, e ho imparato molto dai PWD (persone con diabete) coinvolti.

Dalle discussioni ampie e intense sul design del prodotto e sul marketing "fai" e "non fare" per ascoltare le opinioni su come le aziende possono lavorare con la comunità su educazione, sensibilizzazione e difesa, le mie interazioni con i membri del Doc hanno davvero influenzato i programmi e piattaforme che ho messo in atto per aiutare l'azienda a interagire e supportare la comunità.

Potrei riempire un quaderno con tutto quello che ho imparato dalla DOC durante questo periodo di tempo.Una delle lezioni più importanti, però, era quella di essere disposto, come marchio o azienda, ad avere un dialogo aperto con la comunità e ad avere un feedback presto e spesso.

Ho appreso che nessun dettaglio del processo di sviluppo è troppo grande o troppo piccolo per ottenere feedback, e che solo camminando nei panni dell'altro si può effettivamente migliorare l'esperienza del paziente. Da ciò è emersa una filosofia che ha influenzato il modo in cui lavoro con le comunità di pazienti: quando qualcosa sembra essere un "carico", è davvero un'opportunità per apportare un cambiamento che può migliorare la vita di qualcuno. Ad esempio, un problema o reclamo del servizio clienti rappresenta davvero un'opportunità per aiutare qualcuno che ne ha bisogno. Allo stesso modo, un problema di progettazione del prodotto è davvero un'opportunità per continuare a scorrere per ridurre i passaggi o la complessità.

Qualcuno una volta mi disse: "Non parliamo spesso di fardello, perché non vogliamo ricordare alle persone il peso che il diabete pone nella loro vita quotidiana. "Eppure i carichi sono ciò che i pazienti pensano di più, e guarda che cosa possono fare questi carichi per far progredire la scienza e la tecnologia!

Uno dei miei migliori amici ed ex colleghi, Lane Desborough, ha condiviso un articolo una volta sulle 600 attività quotidiane che un bambino con diabete affronta quotidianamente. Questa è una intuizione che ha spronato lui e (la startup di Artificial Pancreas) Bigfoot Biomedical, così come Medtronic, a promuovere la scienza e le innovazioni per creare un sistema a circuito chiuso.

Questa linea di pensiero è ciò che mi ha portato dove sono oggi.

Durante l'ultimo forum per la difesa dei diabetici di Medtronic nell'aprile 2016, un punto di discussione chiave è stato il processo di sperimentazione clinica. Come possiamo costruire più consapevolezza? In che modo l'esito può essere importante per le persone con diabete, come la qualità della vita, essere incorporato nei progetti di studio? Perché le persone con diabete non potrebbero essere più coinvolte nel processo?

Durante il lavoro con la JDRF questa estate, ho appreso i loro sforzi per creare consapevolezza e creare collegamenti per le persone che vogliono essere sottoposte a studi clinici. In effetti, il JDRF ha appena lanciato a luglio lo strumento Clinical Trial Connections, che è una grande risorsa per semplificare la scoperta delle prove. Sono stato stimolato pensando a come partecipare alle sperimentazioni cliniche è l'atto ultimo del volontariato: promuovere la scienza, aiutare a scoprire cure e portare nuovi progressi alle persone, ovunque.

Poi ho incontrato Noah Craft, l'amministratore delegato di Science 37, un'azienda fondata da medici-scienziati che desiderava rendere più facile per le persone partecipare alle sperimentazioni cliniche e, in ultima analisi, accelerare la scoperta biomedica in modo da rendere disponibili nuovi trattamenti più rapidamente le persone che ne hanno più bisogno. Lui e il cofondatore Belinda Tan sono entrambi medici con esperienza in telemedicina e studi clinici. Come scienziati, volevano essere in grado di testare le proprie idee negli studi clinici e sapevano che molti altri ricercatori avevano lo stesso sogno. Il problema è che erano limitati dal fatto che la maggior parte dei pazienti non vive vicino a un importante centro di ricerca.Due anni fa, durante la consulenza per una grande azienda farmaceutica, hanno appreso che l'intero settore condivideva questo problema.

In un certo senso, era un problema di accesso del paziente per tutti loro.

Science 37 ha voluto creare un modo per tutti i pazienti che vogliono prendere parte alle prove per connettersi con i ricercatori che stanno conducendo le prove. Quindi, Science 37 ha iniziato con la semplice domanda: " Cosa è meglio per il partecipante? "

Come molti nella comunità del Diabete conoscono fin troppo bene, le sperimentazioni cliniche sono progettate attorno ai centri di ricerca e i partecipanti potrebbero dover viaggiare più volte alla settimana in cliniche distanti. Spesso, le persone non possono nemmeno partecipare affatto perché non vivono vicino a un sito di ricerca. Questo non va bene per le persone che vogliono partecipare, e non è buono per la scienza, dal momento che solo alcune popolazioni di persone possono essere studiate che potrebbero non essere un campione rappresentativo.

Science 37 progetta sperimentazioni sul paziente sfruttando la tecnologia mobile e la telemedicina per collegare i partecipanti con i nostri medici, ricercatori e personale di studio, sempre e ovunque, durante lo studio di ricerca. Lavoriamo con una rete di medici in tutto il paese e attraverso specialità (ad esempio neurologia, dermatologia, oncologia, psichiatria, malattie rare in più aree terapeutiche) e li colleghiamo alle persone che vogliono partecipare alle loro case, riducendo la necessità di viaggiare. Inoltre, i partecipanti possono rimanere sotto la cura del proprio medico locale durante la prova.

Il mio nuovo ruolo di Vice President of Patient Engagement coinvolge molte cose, ma il più importante, a mio avviso, è assicurare che le voci dei partecipanti e dei loro caregiver siano ascoltate durante il processo di prova - dallo sviluppo dello studio con i nostri sponsor, a reclutamento, alla partecipazione di prova e al completamento. Il mio obiettivo è portare la voce del partecipante in tutto, indipendentemente dal fatto che si tratti di reclutamento di prova, comunicazioni o lo sviluppo della nostra piattaforma tecnologica, NORA (Network Oriented Research Assistant).

Inoltre, lavorerò con gruppi di difesa e altri gruppi del settore che stanno cercando di trasformare il processo di sperimentazione clinica.

Ma abbastanza su di me. Come ho detto all'inizio, sto scrivendo questo perché sto cercando il tuo aiuto all'interno del DOC.

Quindi, ecco dove lo apro: Cosa possiamo migliorare nel processo di sperimentazione clinica? Come possiamo aiutarti? Ci sono modi migliori per creare consapevolezza? Cosa possiamo fare per educare meglio i pazienti sul processo di sperimentazione clinica e sul coinvolgimento? Hai mai partecipato a uno studio? Se hai, cosa ti è piaciuto o non ti piace. Se non lo hai, perché no?

Ho presentato queste domande come l'inizio di una discussione - una discussione che spero possa aiutare Science 37 e tutti gli scienziati a creare un processo di sperimentazione clinica migliore che possa alla fine aiutare a fornire nuovi e migliori modi per gestire, trattare e forse uno malattie diurne come il diabete.

Grazie in anticipo per qualsiasi feedback, sia attraverso i commenti, via e-mail a amanda @ science37.com o @ ams9 su Twitter. Mi sento veramente benedetto per tutto ciò che ho già imparato dall'interazione con questa comunità.

btw, se si sfoglia la sezione partecipanti del nostro sito web, vedrete che al momento non stiamo conducendo studi sul diabete, ma con tutta la mia passione per la cura del diabete, spero che cambierà nel prossimo futuro.

Grazie per l'aggiornamento e la domanda, Amanda, e non vediamo l'ora di vedere come si sviluppa Science 37!

Disclaimer : Contenuto creato dal team Diabetes Mine. Per maggiori dettagli clicca qui.

Disclaimer

Questo contenuto è stato creato per Diabetes Mine, un blog sulla salute dei consumatori incentrato sulla comunità dei diabetici. Il contenuto non è revisionato da un medico e non aderisce alle linee guida editoriali di Healthline. Per ulteriori informazioni sulla partnership di Healthline con Diabetes Mine, fare clic qui.